Attualità
Modelli Iva 2016: in bozza,
sul web, l’ordinario e il base
Prima versione anche per il 74-bis, con cui curatori e commissari liquidatori trasmettono i dati delle operazioni precedenti la dichiarazione di fallimento o di liquidazione coatta
Modelli Iva 2016: in bozza,|sul web, l’ordinario e il base
Disponibili, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, le bozze dei modelli Iva 2016, Iva base 2016, con le relative istruzioni, Iva 74-bis e le istruzioni per la compilazione del modello Comunicazione dati Iva.
La modulistica 2016 si è adeguata alle modifiche normative che hanno interessato la disciplina dell’imposta: i modelli fanno spazio alle nuove ipotesi di reverse charge, alle operazioni di split payment e alle dichiarazioni d’intento ricevute dagli esportatori abituali che intendono acquistare o importare senza applicazione dell’Iva.
Vediamo, in breve, come si sono adattati i modelli Iva 2016 alle novità normative dell’imposta.
 
Reverse charge
Dal 1° gennaio 2015, la procedura dell’inversione contabile, che prevede l’assolvimento dell’Iva da parte dell’acquirente e non del cedente o prestatore, si applica anche alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi riguardanti i lavori di pulizia, demolizione, installazione impianti e completamento di edifici (articolo 17, comma 6, Dpr 633/1972). In pratica, chi esegue i lavori emette fattura senza applicazione dell’imposta; chi la riceve, effettua le dovute integrazioni (aliquota e imposta) e registro il documento sia nel registro delle fatture emesse (o dei corrispettivi) sia nel registro degli acquisti.
Le nuove ipotesi di reverse charge trovano spazio nel quadro VJ del modello Iva 2016 e Iva base 2016.
 
Split payment
Lo stesso quadro VJ accoglie nuovi righi per esporre le operazioni effettuate nei confronti delle pubbliche amministrazioni che sono tenute a versare direttamente l’Iva addebitata dai loro fornitori (articolo17-ter, Dpr 633/1972).
 
Dichiarazioni d’intento ricevute
A partire dal 1° gennaio 2015, gli esportatori abituali che intendono acquistare o importare senza applicazione dell’imposta sono tenuti a trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione d’intento.
Nel modello Iva 2016 e Iva base 2016, è ora inserito l’apposito quadro VI, riservato ai contribuenti che hanno effettuato operazioni non imponibili nei confronti di chi esporta abitualmente, che da quest’anno, sono tenuti a esporre nella dichiarazione annuale i dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento ricevute.
Patrizia De Juliis
pubblicato Giovedì 17 Dicembre 2015

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
logo del modello Redditi SC 2018
Riguardo agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi la disciplina agevolativa è stata nuovamente prorogata, ma con ritocchi. Inevitabile l'impatto sul modello
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino