Attualità
Modelli: in vetrina le bozze
di Redditi Enc, Sc e Cnm 2017
In anteprima, i fascicoli necessari all’adempimento dichiarativo, per l’anno d’imposta 2016, di enti non commerciali, società di capitali e per il consolidato nazionale e mondiale
Modelli: in vetrina le bozze|di Redditi Enc, Sc e Cnm 2017
Sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono disponibili da oggi, con le relative istruzioni, le bozze delle dichiarazioni Redditi Enc e Sc e del modello Cnm, da utilizzare per il periodo d’imposta 2016.
Fanno il loro ingresso nei modelli le diverse novità normative intervenute nel corso dell’anno.

L’innovazione maggiore riguarda l’abolizione della dichiarazione unificata: da quest’anno, infatti, la dichiarazione Iva non può più essere presentata insieme a quella dei redditi; per questo motivo, il modello - da Unico - è stato ridenominato Redditi.
 
Più tempo per l’integrativa a favore
A seguito dell’equiparazione – operata dal Dl 193/2016 – del termine entro cui il contribuente può presentare la dichiarazione integrativa a proprio favore a quello dell’integrativa pro Fisco (ossia, entro i termini per l’accertamento), è stata eliminata dal frontespizio la casella attraverso la quale si segnalava la natura - a favore o a sfavore - della dichiarazione.
Poiché il nuovo termine vale anche quando si vogliono integrare annualità pregresse per le quali non sono ancora spirati i termini di decadenza per l’accertamento, dal quadro RS è scomparso anche il prospetto “Errori contabili”.
Infine, per attuare la disposizione secondo la quale nella dichiarazione relativa al periodo d’imposta in cui è presentata l’integrativa a favore va indicata l’eccedenza derivante dal minor debito o dal maggiore credito che risulta dalla integrativa stessa, nei modelli Redditi è stato predisposto il nuovo quadro DI.
 
Spazio alle proroghe
Nei modelli trovano spazio le proroghe:
  • dei termini per la rivalutazione del valore dei terreni e delle partecipazioni posseduti alla data del 1° gennaio 2017, con applicazione di un’imposta sostitutiva nella misura unica dell’8%
  • della detrazione del 65% per le spese relative a interventi di riqualificazione energetica degli edifici sostenute fino al 31 dicembre 2017 ovvero fino al 31 dicembre 2021, per i lavori su parti comuni degli edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari del singolo condominio. Inoltre, per gli interventi su parti comuni, la detrazione è maggiorata se le opere interessano l’involucro dell’edificio (70%) o sono finalizzate a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva (75%)
  • della detrazione per gli interventi su edifici situati nelle zone sismiche, con le novità introdotte dall’ultima legge di bilancio per le opere effettuate a decorrere dal 1° gennaio 2017. 
School bonus
È stata introdotta la possibilità di utilizzare il credito d’imposta per le erogazioni liberali in denaro a favore degli istituti del sistema nazionale di istruzione, finalizzate alla realizzazione di nuove strutture scolastiche, alla manutenzione e al potenziamento di quelle esistenti e al miglioramento dell’occupabilità degli studenti.
 
Super e iper ammortamento
Nei quadri di determinazione del reddito d’impresa sono state previste apposite “variazioni in diminuzione” per indicare le maggiorazioni del 40% (super ammortamento) e del 150% (iper ammortamento) del costo fiscalmente riconosciuto dei beni strumentali nuovi.
 
Costi “black list”
Abrogata la disciplina di indeducibilità parziale per le spese e gli altri componenti negativi derivanti da operazioni intercorse con imprese residenti o localizzate in Stati o territori con regimi fiscali privilegiati, nei quadri di determinazione del reddito d’impresa sono stati eliminati i righi relativi a tali voci.
 
Meno dati nel modello Cnm
Per ridurre il numero dei dati richiesti ai contribuenti, sono stati semplificati i campi del modello Cnm riservati all’esposizione delle spese sostenute per il risparmio energetico e per gli interventi in zone sismiche, che devono essere riportati esclusivamente negli appositi prospetti del quadro Cs.
Sonia Angeli
pubblicato Lunedì 16 Gennaio 2017

I più letti

L’Agenzia delle entrate illustra come utilizzerà le informazioni relative agli utenti, comprese quelle fornite per registrarsi al servizio di newsletter della rivista online FiscoOggi
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
immagine di un cronometro su un calendario
È possibile suddividere il pagamento con F24 fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo (senza applicazione di sanzioni e interessi) a decorrere dalla stessa data
Le applicazioni informatiche consentono di predisporre i file e verificare la presenza di possibili errori nei dati inseriti. Il sistema, inoltre, garantisce l’utilizzo della versione più aggiornata dei programmi
Circa 60mila, tra vecchi e nuovi iscritti, gli aspiranti destinatari di una quota dell’Irpef. Prossima tappa, per i neocandidati, la presentazione della dichiarazione sostitutiva
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle entrate i programmi che consentono la compilazione e il controllo delle comunicazioni; prossimo appuntamento il 31 maggio
I nuovi servizi del software Otello 2.0 sono disponibili a partire già da oggi. Per accreditarsi alla piattaforma gli utenti dovranno utilizzare i sistemi nazionali di identità digitale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino