A portata di mouse
Modello 770/2010 semplificato,
la bozza al debutto in rete
Sul sito delle Entrate, il modello per la dichiarazione dei sostituti di imposta con le relative istruzioni
Modello 770/2010 semplificato,| la bozza al debutto in rete

E' on line la bozza del modello 770/2010 semplificato, con cui i sostituti di imposta comunicheranno, telematicamente, all'Agenzia delle Entrate i dati fiscali sulle ritenute operate nel 2009. Il modello contiene i dati relativi alle certificazioni rilasciate ai soggetti cui, nel 2009, sono stati corrisposti redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati contributivi, previdenziali e assicurativi e quelli relativi all'assistenza fiscale prestata nel 2009 per il periodo d'imposta precedente.

Ecco alcune delle principali novità:
  • nella sezione dei dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione va indicata la residenza anagrafica solo se situata all'estero. Se chi presenta la dichiarazione per conto del sostituto non è una persona fisica, deve inserire anche il codice fiscale della società o ente dichiarante
  • nei punti 26, 27, 28 e 29 del modello vanno indicati rispettivamente il saldo Irpef, l'addizionale regionale, il saldo all'addizionale comunale e l'acconto della tassazione separata non trattenuti dal sostituto per effetto di disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali
  • nella sezione relativa al trattamento di fine rapporto è stata inserita la casella 148 per indicare il titolo dell'erogazione dell'indennità equipollente
  • per quanto riguarda la sezione dei dati del coniuge e dei familiari a carico, la novità è rappresentata dalla richiesta dei soli dati del 2009 necessari per il calcolo delle detrazioni spettanti; sono state, pertanto, eliminate le altre annualità
  • in relazione alle certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, è stata prevista una nuova sezione "Redditi erogati da altri soggetti", per l'indicazione degli importi erogati dai diversi sostituti nel caso di operazioni straordinarie in cui la certificazione non è stata rilasciata dal soggetto estinto, ma da chi prosegue l'attività
  • scompare dal prospetto SS il campo "Bonus Recuperato"
  • eliminata dal punto 10 dei prospetti ST e SV la nota M (ammontare delle residue rate dovuto a seguito di conguaglio da assistenza fiscale, non prelevate per effetto del passaggio di dipendenti con prosecuzione del rapporto di lavoro, senza estinzione del precedente sostituto di imposta)
  • inserita, invece, nello stesso punto 10 la nota Q per segnalare l'utilizzo in compensazione interna del credito Irpef derivante dal differimento di 20 punti percentuali dell'acconto Irpef 2009, disposto dal decreto legge 168/2009; per indicarne l'importo, invece, un nuovo punto nel rigo SX denominato "Credito di cui al decreto legge n. 168/2009".


Il modello 770/2010 semplificato andrà trasmesso in via telematica all'Agenzia delle Entrate entro il 2 agosto 2010 (il 31 luglio, infatti, scadenza ordinaria, cade di sabato).

Patrizia De Juliis
pubblicato Giovedì 24 Dicembre 2009

I più letti

Non c’è volontà di conseguire un indebito vantaggio fiscale se in atto, senza menzionare l’intervenuta rideterminazione, viene indicato un valore di poco diverso da quello stimato
salvagenti
L’applicazione consente il calcolo della congruità, tenuto conto della normalità e della coerenza economica, per i 204 studi di settore applicabili per il periodo d’imposta 2014
agenzia immobiliare
Il loro elevato numero e le contraddizioni rilevate tra agende e block notes danno origine a presunzioni semplici, ma corredate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza
vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
computer
Le applicazioni utilizzano una nuova tecnologia che consente di usufruire sempre dell’ultima versione disponibile del programma, evitando le procedure di aggiornamento
vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
lavagna
Sono 204, aggiornati con i correttivi anticrisi e, allegati a Unico 2015, vanno trasmessi tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline, direttamente o avvalendosi di intermediari
Non c’è volontà di conseguire un indebito vantaggio fiscale se in atto, senza menzionare l’intervenuta rideterminazione, viene indicato un valore di poco diverso da quello stimato
somma su lavagna
I costi dei servizi sono deducibili nell’anno in cui la prestazione è portata a termine, a prescindere dal momento in cui viene emessa la fattura o è effettuato il pagamento
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia