A portata di mouse
Modello 770/2010 semplificato,
la bozza al debutto in rete
Sul sito delle Entrate, il modello per la dichiarazione dei sostituti di imposta con le relative istruzioni
Modello 770/2010 semplificato,| la bozza al debutto in rete

E' on line la bozza del modello 770/2010 semplificato, con cui i sostituti di imposta comunicheranno, telematicamente, all'Agenzia delle Entrate i dati fiscali sulle ritenute operate nel 2009. Il modello contiene i dati relativi alle certificazioni rilasciate ai soggetti cui, nel 2009, sono stati corrisposti redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati contributivi, previdenziali e assicurativi e quelli relativi all'assistenza fiscale prestata nel 2009 per il periodo d'imposta precedente.

Ecco alcune delle principali novità:
  • nella sezione dei dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione va indicata la residenza anagrafica solo se situata all'estero. Se chi presenta la dichiarazione per conto del sostituto non è una persona fisica, deve inserire anche il codice fiscale della società o ente dichiarante
  • nei punti 26, 27, 28 e 29 del modello vanno indicati rispettivamente il saldo Irpef, l'addizionale regionale, il saldo all'addizionale comunale e l'acconto della tassazione separata non trattenuti dal sostituto per effetto di disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali
  • nella sezione relativa al trattamento di fine rapporto è stata inserita la casella 148 per indicare il titolo dell'erogazione dell'indennità equipollente
  • per quanto riguarda la sezione dei dati del coniuge e dei familiari a carico, la novità è rappresentata dalla richiesta dei soli dati del 2009 necessari per il calcolo delle detrazioni spettanti; sono state, pertanto, eliminate le altre annualità
  • in relazione alle certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, è stata prevista una nuova sezione "Redditi erogati da altri soggetti", per l'indicazione degli importi erogati dai diversi sostituti nel caso di operazioni straordinarie in cui la certificazione non è stata rilasciata dal soggetto estinto, ma da chi prosegue l'attività
  • scompare dal prospetto SS il campo "Bonus Recuperato"
  • eliminata dal punto 10 dei prospetti ST e SV la nota M (ammontare delle residue rate dovuto a seguito di conguaglio da assistenza fiscale, non prelevate per effetto del passaggio di dipendenti con prosecuzione del rapporto di lavoro, senza estinzione del precedente sostituto di imposta)
  • inserita, invece, nello stesso punto 10 la nota Q per segnalare l'utilizzo in compensazione interna del credito Irpef derivante dal differimento di 20 punti percentuali dell'acconto Irpef 2009, disposto dal decreto legge 168/2009; per indicarne l'importo, invece, un nuovo punto nel rigo SX denominato "Credito di cui al decreto legge n. 168/2009".


Il modello 770/2010 semplificato andrà trasmesso in via telematica all'Agenzia delle Entrate entro il 2 agosto 2010 (il 31 luglio, infatti, scadenza ordinaria, cade di sabato).

Patrizia De Juliis
pubblicato Giovedì 24 Dicembre 2009

I più letti

pagamento
È legittimo il sequestro dei beni del professionista che concorre con il contribuente nella commissione dell’illecito e non si attiva, nel tempo, a ripristinare la legalità
testo alternativo per immagine
Da utilizzare, entro il prossimo 30 giugno, per rideterminare il valore dei terreni a destinazione agricola ed edificatoria e delle partecipazioni in società posseduti al 1° gennaio 2015
testo alternativo per immagine
Deve essere utilizzato dal contribuente quando le richieste di eccedenza dell’imposta sul valore aggiunto superano l’importo di 15mila euro e necessitano della prestazione di garanzia
due forchette e un cucchiaio
In rete l’applicazione con la quale, dal 4 luglio, sarà possibile fornire, on line, le proprie ragioni alle irregolarità rilevate e comunicate nel 2015 o evidenziare gli errori nei dati
collage immagini di città italiane
Firenze si conferma il capoluogo più caro tra quelli di grandi dimensioni, seguono Bologna e Venezia. Sul fonte delle compravendite, il centro più dinamico è stato Genova
testo alternativo per immagine
Da utilizzare, entro il prossimo 30 giugno, per rideterminare il valore dei terreni a destinazione agricola ed edificatoria e delle partecipazioni in società posseduti al 1° gennaio 2015
due forchette e un cucchiaio
In rete l’applicazione con la quale, dal 4 luglio, sarà possibile fornire, on line, le proprie ragioni alle irregolarità rilevate e comunicate nel 2015 o evidenziare gli errori nei dati
banconote
L’imposta sostitutiva già versata per precedenti rideterminazioni può essere scomputata dalla somma calcolata in base all’ultima procedura; in alternativa, istanza di rimborso
testo alternativo per immagine
Deve essere utilizzato dal contribuente quando le richieste di eccedenza dell’imposta sul valore aggiunto superano l’importo di 15mila euro e necessitano della prestazione di garanzia
camion
Il credito potrà essere utilizzato in compensazione fino al termine del prossimo anno e, in caso di eccedenze, per chiedere il rimborso in denaro c’è tempo fino al 30 giugno 2017
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
un sacco pieno di soldi
In caso di omessi versamenti, il dies a quo per regolarizzare decorre dal momento di commissione della violazione, anche in relazione ai tributi risultanti dalla dichiarazione
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia