Attualità
Modello Eas: giovedì 31 marzo
è l’ultimo giorno utile per l’invio
Scadenza in arrivo per gli enti no profit che devono comunicare le variazioni dei dati fiscali per continuare a fruire della non imponibilità di quote e contributi associativi
Modello Eas: giovedì 31 marzo|è l’ultimo giorno utile per l’invio
Gli enti e le associazioni senza scopo di lucro che beneficiano delle agevolazioni ai fini delle imposte dirette e dell’Iva hanno tempo fino al 31 marzo per inviare all’Agenzia delle Entrate, attraverso il modello Eas, le informazioni fiscali aggiornate rispetto a quelle precedentemente comunicate.
Il regime di favore prevede la non imponibilità di corrispettivi, quote e contributi degli enti associativi (articolo 148 del Tuir e articolo 4 del Dpr 633/1972), in quanto svolgono attività non commerciale e operano, quindi, senza fini imprenditoriali.
 
Il modello Eas deve essere trasmesso in via telematica direttamente dal contribuente interessato tramite Fisconline o Entratel, oppure tramite intermediari abilitati a Entratel, entro 60 giorni dalla data di costituzione dell’ente.
Nel caso in cui i dati precedentemente comunicati subiscano delle variazioni è necessario un nuovo invio, da effettuarsi entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la modifica.
La scadenza in esame, dunque, prevede la comunicazione delle informazioni rilevanti per il fisco (anche quelle non variate), necessarie al controllo dei requisiti che danno accesso alle agevolazioni (articolo 30, comma 1, del Dl 185/2008). L’obiettivo primario è contrastare eventuali frodi e tutelare le vere forme associazionistiche.
 
L’obbligo di ripresentare il modello non sussiste se oggetto di modifica sono:
  • i proventi per attività di sponsorizzazione o pubblicità (n. 20 del modello)
  • i messaggi pubblicitari (n. 21 del modello)
  • l’ammontare medio delle entrate complessive (n. 23 del modello)
  • il numero degli associati dell’ente nell’ultimo esercizio (n. 24 del modello)
  • l’ammontare di erogazioni liberali ricevute (n. 30 del modello)
  • l’ammontare di contributi pubblici ricevuti (n. 31 del modello)
  • il numero e i giorni delle manifestazioni di raccolta pubblica di fondi (n. 33 del modello). 
    Inoltre, in caso di variazione delle informazioni contenute nelle sezioni “Dati relativi all’Ente” e “Rappresentante legale”, non va presentato un nuovo Eas, dal momento che, in tali circostanze, già sussiste uno specifico obbligo di comunicazione tramite appositi modelli.
     
    Sono dispensati dall’adempimento:
  • le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali (Dm 25 maggio 1995 - ad esempio, attività di vendita di beni acquisiti da terzi a titolo gratuito, attività di somministrazione di alimenti e bevande in occasioni di raduni, manifestazioni e simili, iniziative occasionali di solidarietà)
  • i patronati che non svolgono, al posto delle associazioni sindacali promotrici, le attività istituzionali proprie di queste ultime
  • le pro-loco che, avendo realizzato nel periodo d’imposta precedente proventi inferiori a 250mila euro, hanno optato per il regime agevolativo (legge 398/1991)
  • le associazioni sportive dilettantistiche registrate al Coni che non svolgono attività commerciale
  • le Onlus di cui al decreto legislativo 460/1997
  • gli enti destinatari di una specifica disciplina fiscale (ad esempio, i fondi pensione).
 
I ritardatari possono rimediare, tramite la remissione in bonis, effettuando l’adempimento entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi e versando, contestualmente, la sanzione di 258 euro, tramite modello F24 (codice tributo “8114”).
 
Si ricorda che il modello Eas deve essere presentato anche se l’associazione perde i requisiti che danno diritto ai benefici. In questo caso, è necessario compilare l’apposita sezione “perdita dei requisiti” e provvedere all’invio entro 60 giorni.
Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 25 Marzo 2016

I più letti

È necessario controllare sempre l’effettiva esecuzione del mandato, altrimenti bisogna provare la condotta fraudolenta del consulente, finalizzata a coprire il proprio inadempimento
La previsione di esenzione disposta dal Dl 269/2003 è applicabile al complessivo rapporto di finanziamento, quindi anche all’erogazione delle somme da parte delle banche
Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
Alla base dell’istituto, il regolamento Cee entrato in vigore negli Stati membri nel luglio 1989; poi, come intervento integrativo a livello nazionale, il Dlgs 240/1991
Sono fondati sulla relazione tra valore dei beni patrimoniali e livello minimo di ricavi e proventi, il cui mancato raggiungimento è indice di natura non operativa
Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
È necessario controllare sempre l’effettiva esecuzione del mandato, altrimenti bisogna provare la condotta fraudolenta del consulente, finalizzata a coprire il proprio inadempimento
disegno registratore di cassa
Online da oggi gli orientamenti iniziali sulla memorizzazione elettronica e la trasmissione degli incassi giornalieri all’Agenzia delle Entrate dei contribuenti con partita Iva
foto di gruppo
Il vice ministro dell’Economia e delle Finanze Luigi Casero ha consegnato le targhe assegnate ai team che maggiormente si sono distinti per l’innovazione delle loro iniziative
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
logo dell'applicazione
Da oggi è possibile generare, trasmettere e conservare documenti fiscali dematerializzati in modo semplice e gratuito. Il servizio è utilizzabile anche per le operazioni tra privati
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma