Attualità
Modello Eas: giovedì 31 marzo
è l’ultimo giorno utile per l’invio
Scadenza in arrivo per gli enti no profit che devono comunicare le variazioni dei dati fiscali per continuare a fruire della non imponibilità di quote e contributi associativi
Modello Eas: giovedì 31 marzo|è l’ultimo giorno utile per l’invio
Gli enti e le associazioni senza scopo di lucro che beneficiano delle agevolazioni ai fini delle imposte dirette e dell’Iva hanno tempo fino al 31 marzo per inviare all’Agenzia delle Entrate, attraverso il modello Eas, le informazioni fiscali aggiornate rispetto a quelle precedentemente comunicate.
Il regime di favore prevede la non imponibilità di corrispettivi, quote e contributi degli enti associativi (articolo 148 del Tuir e articolo 4 del Dpr 633/1972), in quanto svolgono attività non commerciale e operano, quindi, senza fini imprenditoriali.
 
Il modello Eas deve essere trasmesso in via telematica direttamente dal contribuente interessato tramite Fisconline o Entratel, oppure tramite intermediari abilitati a Entratel, entro 60 giorni dalla data di costituzione dell’ente.
Nel caso in cui i dati precedentemente comunicati subiscano delle variazioni è necessario un nuovo invio, da effettuarsi entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la modifica.
La scadenza in esame, dunque, prevede la comunicazione delle informazioni rilevanti per il fisco (anche quelle non variate), necessarie al controllo dei requisiti che danno accesso alle agevolazioni (articolo 30, comma 1, del Dl 185/2008). L’obiettivo primario è contrastare eventuali frodi e tutelare le vere forme associazionistiche.
 
L’obbligo di ripresentare il modello non sussiste se oggetto di modifica sono:
  • i proventi per attività di sponsorizzazione o pubblicità (n. 20 del modello)
  • i messaggi pubblicitari (n. 21 del modello)
  • l’ammontare medio delle entrate complessive (n. 23 del modello)
  • il numero degli associati dell’ente nell’ultimo esercizio (n. 24 del modello)
  • l’ammontare di erogazioni liberali ricevute (n. 30 del modello)
  • l’ammontare di contributi pubblici ricevuti (n. 31 del modello)
  • il numero e i giorni delle manifestazioni di raccolta pubblica di fondi (n. 33 del modello). 
    Inoltre, in caso di variazione delle informazioni contenute nelle sezioni “Dati relativi all’Ente” e “Rappresentante legale”, non va presentato un nuovo Eas, dal momento che, in tali circostanze, già sussiste uno specifico obbligo di comunicazione tramite appositi modelli.
     
    Sono dispensati dall’adempimento:
  • le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali (Dm 25 maggio 1995 - ad esempio, attività di vendita di beni acquisiti da terzi a titolo gratuito, attività di somministrazione di alimenti e bevande in occasioni di raduni, manifestazioni e simili, iniziative occasionali di solidarietà)
  • i patronati che non svolgono, al posto delle associazioni sindacali promotrici, le attività istituzionali proprie di queste ultime
  • le pro-loco che, avendo realizzato nel periodo d’imposta precedente proventi inferiori a 250mila euro, hanno optato per il regime agevolativo (legge 398/1991)
  • le associazioni sportive dilettantistiche registrate al Coni che non svolgono attività commerciale
  • le Onlus di cui al decreto legislativo 460/1997
  • gli enti destinatari di una specifica disciplina fiscale (ad esempio, i fondi pensione).
 
I ritardatari possono rimediare, tramite la remissione in bonis, effettuando l’adempimento entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi e versando, contestualmente, la sanzione di 258 euro, tramite modello F24 (codice tributo “8114”).
 
Si ricorda che il modello Eas deve essere presentato anche se l’associazione perde i requisiti che danno diritto ai benefici. In questo caso, è necessario compilare l’apposita sezione “perdita dei requisiti” e provvedere all’invio entro 60 giorni.
Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 25 Marzo 2016

I più letti

L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Ispezioni e visure sono a costo zero solo se a richiederle è un intestatario del bene, mentre hanno un costo le “indagini” eseguite su immobili di cui sono titolari altri soggetti
immagine generica illustrativa con una calcolatrice che indica "zero"
La presunzione di cessione in nero opera, inoltre, anche con differenze inventariali negative minime, non vigendo una soglia minima del potere accertativo da parte del Fisco
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino