Attualità
Nel cassetto Inps del cittadino
finisce anche l'estratto conto
La nuova modalità telematica attivata dall'ente consente un dialogo dinamico e in tempo reale tra utente e istituto
Nel cassetto Inps del cittadino |finisce anche l'estratto conto
Estratto conto elettronico e Cud previdenziale più "analitico" in rete: è questa l'ultima operazione telematica messa in campo dall'Inps per interagire in rete con gli assicurati. Attraverso il nuovo servizio gli utenti saranno in grado non soltanto di visionare la propria posizione previdenziale sempre aggiornata, ma anche di segnalare direttamente eventuali errori e inviare documenti.
Tutte le opportunità della nuova procedura nella circolare n. 63/2010 dell'istituto.

Lo sviluppo del canale informatico quale canale comunicazionale preferenziale tra istituto e utenza è uno degli obiettivi prioritari dell'ente per rispondere in maniere "dinamica" alle esigenze del cittadino, erogando servizi in tempo reale, senza perdere di vista, naturalmente, lo svolgimento della propria attività istituzionale.
Sono ormai molti i servizi attivati che navigano in Rete. L'assistito Inps, con un clic, da casa, può chiedere informazioni di carattere generale o personalizzate, visualizzare la propria posizione contributiva, inviare domande, segnalare anomalie, trasmettere o ricevere documenti mancanti.
Con l'ultimo pacchetto informatico attivato, arrivano nel cassetto previdenziale del cittadino anche l'estratto conto e i dati previdenziali riferiti ai diversi rapporti di lavoro dipendente intrattenuti, non più riportati sul Cud, a seguito della semplificazione del modello seguita all'adozione della mensilizzazione delle denunce retributive.

L'accesso ai nuovi documenti informatici è riservato ai soli cittadini in possesso del codice Pin rilasciato dall'Inps, o della Carta nazionale dei servizi (Cns) e/o della Carta regionale dei servizi (Crs), che riceveranno dall'ente una lettera personalizzata con tutte le informazioni relative al servizio e la prima parte del Pin in caso non lo avessero ancora richiesto.
Le prime comunicazioni arriveranno a maggio, le ultime entro settembre.

Per ora sono esclusi dall'operazione i titolari di pensione diretta Inps (eccetto assegno di invalidità, invalidità civile, pensione a carico della gestione separata) o altro ente, coloro che hanno in corso domanda di pensione diretta presso l'Istituto, gli iscritti in via esclusiva alla Previdenza marinara, chi ha presentato domanda di ricongiunzione di contributi a un altro ente.

Ampia la scelta dei canali per "dialogare" on line e sistemare la propria posizione previdenziale, tutti ulteriormente sviluppati e perfezionati per favorire l'utente. Parliamo del sito internet (www.inps.it), del Contact center (numero verde 803164), degli uffici, degli enti di patronato e, ultima arrivata, della Casella di posta elettronica certificata (Pec).
La Pec può essere rilasciata dall'Inps agli utenti in possesso del Pin dell'istituto. Gli interessati, per l'attivazione, dovranno fare tappa presso un ufficio per il necessario riconoscimento, requisito non richiesto a chi ha una Cns.
La circolare n. 63 ne sottolinea l'importanza: oltre a rappresentare un filo diretto tra assicurato ed ente, ha la stessa valenza legale di una comunicazione cartacea inviata con raccomandata di ritorno.
Anna Maria Badiali
pubblicato Martedì 11 Maggio 2010

I più letti

L’atto con cui l’amministratore dichiara di non voler fruire del compenso fa presupporre la maturazione e il conseguimento giuridico di un credito, da assoggettare a ritenuta fiscale
Quando non vi sono dubbi, in particolare nei casi di omessi o tardivi versamenti delle imposte dichiarate dallo stesso contribuente, scatta la cartella con sanzione piena
Scadenza in calendario anche per chi, costituitosi nel 2014, ha scelto di sorvolare l’acconto e di versare l’imposta in un’unica soluzione. Per il versamento, fornirsi di F24
In questo caso, l’avviso di accertamento, che si limita a richiamare il processo verbale di constatazione, senza allegarlo, è da considerare legittimamente motivato “per relationem”
Il mancato rispetto del termine per l’invio dell’avviso di trattazione della causa costituisce causa di nullità del procedimento e della sentenza comunque pronunciata
Quando non vi sono dubbi, in particolare nei casi di omessi o tardivi versamenti delle imposte dichiarate dallo stesso contribuente, scatta la cartella con sanzione piena
L’atto con cui l’amministratore dichiara di non voler fruire del compenso fa presupporre la maturazione e il conseguimento giuridico di un credito, da assoggettare a ritenuta fiscale
logo del modello di dichiarazione Iva 2016 - redditi 2015
Ora, nel rigo VA10, riservato ai contribuenti vittime di eventi eccezionali, potranno distinguersi, con lo specifico codice "5", le aziende partner colpite dall'insolvenza dell'Ilva
In questo caso, l’avviso di accertamento, che si limita a richiamare il processo verbale di constatazione, senza allegarlo, è da considerare legittimamente motivato “per relationem”
immagine di macchinari imbullonati
La procedura è utilizzabile da subito per presentare gli atti di aggiornamento per la rideterminazione della rendita degli immobili già censiti nel rispetto dei mutati criteri di legge
Il provvedimento con le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato è formato da un solo articolo, con 999 commi. Tante le novità in ambito tributario
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Esenzione Imu per tutti i terreni agricoli, a prescindere dall’ubicazione, posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori professionali iscritti nella previdenza agricola
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Eliminata la Tasi, per possessore e detentore, sull’abitazione principale non “di lusso”. Base imponibile Imu dimezzata per la casa data in comodato a genitori o figli
Per detrarre le spese funebri, non è più richiesto vincolo parentale: il beneficio spetta a chi effettivamente sostiene l’onere, a prescindere dal legame con la persona deceduta
immagine di una tenda a pacchetto
Detrazione del 65% per l’acquisto di dispositivi per il controllo a distanza di impianti di riscaldamento, di produzione dell’acqua calda e di climatizzazione delle abitazioni