Attualità
Nel cassetto Inps del cittadino
finisce anche l'estratto conto
La nuova modalità telematica attivata dall'ente consente un dialogo dinamico e in tempo reale tra utente e istituto
Nel cassetto Inps del cittadino |finisce anche l'estratto conto
Estratto conto elettronico e Cud previdenziale più "analitico" in rete: è questa l'ultima operazione telematica messa in campo dall'Inps per interagire in rete con gli assicurati. Attraverso il nuovo servizio gli utenti saranno in grado non soltanto di visionare la propria posizione previdenziale sempre aggiornata, ma anche di segnalare direttamente eventuali errori e inviare documenti.
Tutte le opportunità della nuova procedura nella circolare n. 63/2010 dell'istituto.

Lo sviluppo del canale informatico quale canale comunicazionale preferenziale tra istituto e utenza è uno degli obiettivi prioritari dell'ente per rispondere in maniere "dinamica" alle esigenze del cittadino, erogando servizi in tempo reale, senza perdere di vista, naturalmente, lo svolgimento della propria attività istituzionale.
Sono ormai molti i servizi attivati che navigano in Rete. L'assistito Inps, con un clic, da casa, può chiedere informazioni di carattere generale o personalizzate, visualizzare la propria posizione contributiva, inviare domande, segnalare anomalie, trasmettere o ricevere documenti mancanti.
Con l'ultimo pacchetto informatico attivato, arrivano nel cassetto previdenziale del cittadino anche l'estratto conto e i dati previdenziali riferiti ai diversi rapporti di lavoro dipendente intrattenuti, non più riportati sul Cud, a seguito della semplificazione del modello seguita all'adozione della mensilizzazione delle denunce retributive.

L'accesso ai nuovi documenti informatici è riservato ai soli cittadini in possesso del codice Pin rilasciato dall'Inps, o della Carta nazionale dei servizi (Cns) e/o della Carta regionale dei servizi (Crs), che riceveranno dall'ente una lettera personalizzata con tutte le informazioni relative al servizio e la prima parte del Pin in caso non lo avessero ancora richiesto.
Le prime comunicazioni arriveranno a maggio, le ultime entro settembre.

Per ora sono esclusi dall'operazione i titolari di pensione diretta Inps (eccetto assegno di invalidità, invalidità civile, pensione a carico della gestione separata) o altro ente, coloro che hanno in corso domanda di pensione diretta presso l'Istituto, gli iscritti in via esclusiva alla Previdenza marinara, chi ha presentato domanda di ricongiunzione di contributi a un altro ente.

Ampia la scelta dei canali per "dialogare" on line e sistemare la propria posizione previdenziale, tutti ulteriormente sviluppati e perfezionati per favorire l'utente. Parliamo del sito internet (www.inps.it), del Contact center (numero verde 803164), degli uffici, degli enti di patronato e, ultima arrivata, della Casella di posta elettronica certificata (Pec).
La Pec può essere rilasciata dall'Inps agli utenti in possesso del Pin dell'istituto. Gli interessati, per l'attivazione, dovranno fare tappa presso un ufficio per il necessario riconoscimento, requisito non richiesto a chi ha una Cns.
La circolare n. 63 ne sottolinea l'importanza: oltre a rappresentare un filo diretto tra assicurato ed ente, ha la stessa valenza legale di una comunicazione cartacea inviata con raccomandata di ritorno.
Anna Maria Badiali
pubblicato Martedì 11 Maggio 2010

I più letti

unico
L’appuntamento riguarda tutti i contribuenti “interessati” dagli studi di settore che hanno usufruito del posticipo della scadenza ordinaria di pagamento fissata per lo scorso 16 giugno
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
cubi bianchi e uno azzurro
Realizzazione di un filo diretto tra Agenzia delle Entrate, contribuenti e Guardia di finanza. La ratio: semplificare gli adempimenti e stimolare l’assolvimento spontaneo degli obblighi
dichiarazione dei redditi
Gli intermediari che hanno già inviato almeno l’80% dei modelli possono usufruire della proroga dal 7 al 23 luglio, per la presentazione delle ultime dichiarazioni loro affidate
immagine di mano che ferma la caduta di tessere di mosaico
L'identità del segnalante va salvaguardata in tutti i contesti successivi alla denuncia; è principio generale che sia protetta e tutelata in ogni ambito e fase della procedura
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
moneta spezzata
Solo per il primo periodo di applicazione, quello in corso al 31 dicembre 2015, opera una limitazione al 75%, con rinvio dell’eccedenza (il rimanente 25%) alle annualità successive
dichiarazione dei redditi
Gli intermediari che hanno già inviato almeno l’80% dei modelli possono usufruire della proroga dal 7 al 23 luglio, per la presentazione delle ultime dichiarazioni loro affidate
pagamento
È legittimo il sequestro dei beni del professionista che concorre con il contribuente nella commissione dell’illecito e non si attiva, nel tempo, a ripristinare la legalità
unico
L’appuntamento riguarda tutti i contribuenti “interessati” dagli studi di settore che hanno usufruito del posticipo della scadenza ordinaria di pagamento fissata per lo scorso 16 giugno
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia
un sacco pieno di soldi
In caso di omessi versamenti, il dies a quo per regolarizzare decorre dal momento di commissione della violazione, anche in relazione ai tributi risultanti dalla dichiarazione