Attualità
“New look” per l’Agenzia:
cambia l’assetto organizzativo
Le posizioni dirigenziali saranno ridotte di 452 unità (circa il 50% in meno); il modello delle direzioni regionali sarà reso omogeneo rispetto a quello delle direzioni centrali
“New look” per l’Agenzia: |cambia l’assetto organizzativo
Nuovo assetto organizzativo per le Entrate: a dare il là ai cambiamenti il comitato di gestione, che ha ridefinito la struttura dell’Agenzia anche a seguito dell’introduzione delle nuove posizioni organizzative da parte della legge di stabilità 2018 (articolo 1, comma 93, legge 205/2017).
 
In base alla riorganizzazione, che sarà operativa entro la fine dell’anno, le posizioni dirigenziali saranno ridotte di 452 unità (circa il 50% in meno) e saranno istituite 1.483 posizioni organizzative, così ripartite: 252 negli uffici centrali, 275 nelle direzioni regionali e 956 nelle direzioni provinciali.
 
Le risorse finanziarie per il nuovo assetto organizzativo deriveranno dal risparmio ottenuto dalla riduzione delle posizioni dirigenziali e dalla soppressione delle Pos (posizioni organizzative speciali).
 
Direzioni provinciali…si cambia
La rinnovata organizzazione degli uffici controlli delle direzioni provinciali prevede la creazione di diverse aree in funzione delle tipologia di contribuente (imprese medie, piccole imprese, persone fisiche, lavoratori autonomi ed enti non commerciali).
Stessa suddivisione “per area” anche per gli uffici provinciali-territorio, all’interno dei quali opereranno quelle dedicate ai servizi catastali e cartografici, di pubblicità immobiliare ed estimativi, nonché a quelli dell’osservatorio del mercato immobiliare.
Nelle grandi direzioni provinciali con più uffici territoriali, a uno di essi verranno affidate “in esclusiva”, per l’intera provincia, le sole attività riguardanti i rimborsi Iva e/o la liquidazione, il controllo e i rimborsi relativi agli atti pubblici e alle dichiarazioni di successione, così da ridurre il sovraffollamento degli uffici. Le attività di riscossione, invece, verranno affidate all’ufficio legale.
 
Cambiamenti in vista anche per direzioni centrali e regionali
Per quanto riguarda i livelli centrale e regionale, viene ribadita la scelta di valorizzare la distinzione per tipologia di contribuente e quella di migliorare il coordinamento dei servizi.
Altre novità riguardano la crescita professionale del personale, l’introduzione dello smart working e il potenziamento delle funzioni di audit.
Si punterà, inoltre, sul miglioramento della qualità dei servizi di assistenza dei Cam (Centri di assistenza multicanale), che saranno interessati da un più intenso coordinamento centrale.
Infine, si prevede l’adeguamento dell’assetto delle direzioni regionali a delle direzioni centrali, soprattutto in relazione alla suddivisione delle attività (consulenza e controllo) per tipologia di contribuente e all’integrazione dei servizi all’utenza.
r.fo.
pubblicato Lunedì 6 Agosto 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino