Attualità
Novità in Unico per le società di persone (3)
Quadri RV (riconciliazione dati di bilancio e fiscali), RD (allevamento di animali, produzione di vegetali e altre attività agricole) e RH (partecipazione in società di persone ed equiparate)
_763.jpg
Quadri RV (riconciliazione dati di bilancio e fiscali), RD (allevamento di animali, produzione di vegetali e altre attività agricole) e RH (partecipazione in società di persone ed equiparate)
 
Quadro RV - Riconciliazione dati di bilancio e fiscali
Il quadro RV si compone di due sezioni; nella prima, va evidenziato il disallineamento tra i valori civili e fiscali dei beni relativi all'impresa determinato da particolari operazioni, tra le quali si segnalano:
  • fusione o scissione
  • conferimenti neutrali
  • rivalutazione volontaria dei beni
  • valutazione dei crediti e dei debiti in valuta.
Rispetto al modello dello scorso anno, va segnalato l'inserimento di due nuovi campi, gli attuali 2 (da barrare nel caso in cui le variazioni che hanno determinato il disallineamento si siano prodotte anche per effetto dell'adozione dei principi contabili internazionali) e 12 (da utilizzare per l'indicazione dei valori fiscali assoggettati a imposta sostitutiva).



La seconda sezione rappresenta una novità del quadro RV e va compilata allo scopo di indicare il disallineamento tra i valori civili e fiscali delle voci in bilancio generato a seguito dell'applicazione da parte della società dichiarante dei principi contabili internazionali. La sezione è strutturata in maniera simile alla prima, con la differenza che non sono previsti i campi per l'indicazione del valore di realizzo e del valore fiscale del bene assoggettato a imposta sostitutiva e che è invece presente un campo (il numero 2) che accoglie il valore civile, corrispondente alla voce indicata nel campo 1, risultante dal bilancio chiuso prima della transizione ai principi contabili internazionali.



Quadro RD - Reddito di allevamento di animali e reddito derivante da produzione di vegetali e da altre attività agricole
Il quadro RD deve essere compilato dalle società semplici che svolgono attività di allevamento e/o dirette alla produzione di vegetali eccedenti il limite di cui alla lettera b) del comma 2 dell'articolo 32 del Tuir. In esso vanno indicati anche i redditi derivanti da altre attività agricole individuate dai commi 2 e 3 dell'articolo 56-bis e dall'attività di agriturismo. Se la società che svolge attività di agriturismo è una società in nome collettivo o in accomandita semplice, il reddito derivante da tale attività dovrà essere dichiarato nell'ambito della determinazione del reddito d'impresa, rispettivamente nel quadro RF o nel quadro RG, a seconda che la società abbia adottato la contabilità ordinaria o semplificata.
Nel quadro in esame è stato eliminato il rigo (RD12 in Unico 2005) relativo all'indicazione del reddito detassato derivante dall'applicazione della "Tremonti-bis" e della "Tecno-Tremonti". Per entrambe le disposizioni, infatti, l'ultimo periodo d'imposta agevolabile era il 2004. Da ciò consegue che, a differenza di quanto accadeva nel modello relativo all'anno precedente, l'attuale rigo RD12 (rigo RD13 del modello 2005) può accogliere unicamente un importo positivo, quale reddito derivante dalle attività ivi dichiarate, mentre non è più possibile indicare una perdita.

Quadro RH - Redditi di partecipazione in società di persone ed equiparate
Questo quadro deve essere compilato dalle società semplici o associazioni che detengono partecipazioni in società di persone. Le sostanziali modifiche rispetto a Unico 2005 concernono l'eliminazione dei campi e dei righi relativi a quella parte di reddito assoggettabile a determinazione separata dell'imposta ai sensi dell'articolo 33, comma 7, del decreto legge 269/2003 (concordato preventivo), nonché dei campi e dei righi attinenti alla quota di imposte pagate all'estero dalla società partecipata e imputata alla società dichiarante.
Un'altra novità è rappresentata dall'eliminazione del rigo relativo alle perdite di impresa derivanti dall'esercizio delle attività di cui al quadro RD. Tale cambiamento è determinato, come già evidenziato sopra, dall'impossibilità di avere delle perdite da quadro RD. Ne consegue che i redditi derivanti dalle partecipazioni in società di persone esercenti attività d'impresa in regime di contabilità ordinaria o semplificata (RH7) possono essere compensati, in un primo tempo, solamente da perdite derivanti da altre partecipazioni in società di persone esercenti attività d'impresa in regime di contabilità ordinaria (RH8). Se, a seguito di tale compensazione, residua un valore positivo, possono essere utilizzate in diminuzione dai redditi di rigo RH7 anche le perdite derivanti da altre partecipazioni in società di persone esercenti attività d'impresa in regime di contabilità semplificata (RH10). In caso di eccedenza della perdita di partecipazione in contabilità ordinaria (RH9) rispetto al reddito, invece, bisogna comportarsi come segue:
  • se esiste un reddito da quadro RD, la differenza negativa di cui al rigo RH9 va riportata nel rigo RD13 al fine di scomputarla dal reddito di cui al rigo RD12. L'eventuale eccedenza residua va riportata poi nel rigo RN14 o RN15 del quadro RN, a seconda che se si tratti di perdite riportabili non oltre il quinto periodo d'imposta successivo a quello di formazione o compensabili senza limiti di tempo, al fine della distribuzione pro quota a ogni singolo socio
  • se non esiste un reddito da quadro RD, la differenza negativa di cui al rigo RH9 va riportata direttamente nel rigo RN14 o RN15.


3 - continua. La quarta e ultima puntata su FISCOoggi di martedì 9; le prime due sono state pubblicate nei giorni 2 e 4 maggio
Giuseppe Cusmai
Fabio Massi
pubblicato Lunedì 8 Maggio 2006

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino