Attualità
Nuove partite Iva: a maggio calano
agricoltura, commercio e trasporti
Aumentano invece nella sanità, nell’informazione e nelle attività professionali. Aperture con segno positivo a Bolzano, in Lombardia e in Campania; in flessione, Basilicata, Molise e Umbria
Nuove partite Iva: a maggio calano|agricoltura, commercio e trasporti
Dall’Osservatorio sulle partite Iva, la consueta sintesi dei dati. In esame, i risultati di maggio. In rete, sul sito del dipartimento delle Finanze, l’analisi dei numeri messi a confronto con lo stesso mese dell’anno scorso e l’osservazione statistica – attraverso diverse chiavi di lettura – con la navigazione dinamica delle informazioni.
Le nuove aperture registrate nello scorso maggio sono oltre 46mila, quasi il 3% in meno rispetto a maggio 2016.
 
La distribuzione per natura giuridica del dato mostra che più del 70% del totale rappresenta la quota relativa alle persone fisiche (70,6), mentre quella delle società di capitali è poco più del 24% (24,2) e quella relativa alle società di persone si attesta al 4,5 per cento.
Il calo di aperture risulta più limitato per le persone fisiche (-4,9%) e più marcato (-9,9%) per le società di persone. Le società di capitali registrano, invece, un incremento (+5%). Mentre, la percentuale riferita ai “non residenti” e alle “altre forme giuridiche” è pari allo 0,8 per cento.
 
La lettura per ripartizione territoriale ci dice che il 41,3% delle nuove aperture è localizzato al Nord, il 22% al Centro e il 36,6% al Sud e nelle Isole.
Il confronto con maggio 2016 mostra un aumento nella provincia autonoma di Bolzano (+4,9%), in Lombardia (+3,6%) e in Campania (+3,2%), mentre le flessioni più marcate si registrano in Basilicata (-38,3%), Molise (-33,6%) e Umbria (-19,3%).
 
La classificazione per settore produttivo evidenzia – come di consueto – che il commercio totalizza il maggior numero di aperture di partite Iva (20,5% del totale); a seguire, le attività professionali (13,9%) e l’agricoltura (12,9%).
Gli incrementi più significativi si rilevano nella sanità (+14,5%), nei servizi di informazione (+9,9%) e nelle attività professionali (+8,9%), mentre i cali più rilevanti si registrano nell’agricoltura (-21,9%), nel commercio (-8,3%) e nei trasporti (-7,7%).
 
Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso si mantiene sostanzialmente stabile (il 61,8% delle partite Iva è stato aperto da soggetti di sesso maschile). Con riferimento all’età, circa il 46% del totale è attribuibile ai giovani fino a 35 anni, il 33% a persone tra 36 e 50 anni. C’è flessione di aperture in tutte le classi di età: la più significativa si registra nella classe tra 36 e 50 anni (-7,4%). Il 17,1% di chi ha avviato una partita Iva a maggio è nato all’estero.
 
Da segnalare, infine, che 16.355 dei nuovi titolari di partita Iva (il 35,2% del totale) hanno aderito al regime forfettario, facendo registrare un +6,4% rispetto al corrispondente mese dell’anno scorso.
r.fo.
pubblicato Lunedì 10 Luglio 2017

I più letti

Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Il decreto legislativo 117/2017 dedica particolare attenzione al tema dei controlli (anche fiscali), ripartendo le relative competenze tra le diverse amministrazioni pubbliche coinvolte
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino