Attualità
Osservatorio sulle partite Iva:
secondo trimestre 2018 on line
Con 130.400 nuove attività aperte, il prospetto pubblicato dal dipartimento delle Finanze mostra un incremento del 2,7 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente
Osservatorio sulle partite Iva:|secondo trimestre 2018 on line
Disponibile, sul sito del dipartimento delle Finanze, i dati delle partite Iva aperte nel secondo trimestre 2018. La sintesi aggiornata evidenzia, per natura giuridica, che il 71,3% delle nuove aperture di partita Iva è attribuibile a persone fisiche, il 23,6% a società di capitali, il 4% a società di persone. Circa l’1% del totale, inoltre, riguarda i “non residenti” e le “altre forme giuridiche”.

Rispetto allo stesso periodo del 2017, si registra un lieve incremento di nuove attività attribuibili alle persone fisiche (+3,6%) e alle società di capitali (+1,3%), mentre prosegue il trend decrescente delle società di persone (-8,2 per cento).

Riguardo alla ripartizione territoriale, è sempre il Nord a fare da padrona con il 41,1% delle nuove aperture. Segue il Centro con il 22,3% e il Sud e le Isole con il 36,3 per cento.
I più consistenti incrementi di avviamenti sono avvenuti in Calabria (+12%), Basilicata (+10,6%) e Sardegna (+10,2%), mentre le diminuzioni si registrano nelle Marche (-5,3%), nella provincia autonoma di Bolzano (-3,6%) e in Liguria (-1,7 per cento).

La suddivisione per settore produttivo, come di consueto, vede in testa alla classifica il commercio con il maggior numero di avviamenti di partite Iva (19,8% del totale), seguito dalle attività professionali (circa il 15%) e dall’agricoltura (12,9 per cento). Rispetto allo stesso periodo del 2017, tra i settori principali si osservano i maggiori aumenti di aperture nell’ agricoltura (+14%), nei servizi d’informazione (+9,1%) e nell’istruzione (+8,5%). Segno meno, invece per le attività finanziarie (-6,5%), l’alloggio e la ristorazione (-4%) e le attività artistiche (-2,8 per cento).

Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione mostra un leggero calo della quota maschile, ora pari al 61,7% del totale. Il 46,1% delle nuove aperture è stato avviato da giovani fino a 35 anni ed il 32,7% da soggetti appartenenti alla fascia dai 36 ai 50 anni. Rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, tutte le classi di età registrano incrementi di aperture: il più consistente è il 14,6% della classe più anziana.

I soggetti che hanno aderito al regime agevolato forfetario risultano 48.696, pari al 37,3% del totale delle nuove aperture, con un +4,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
 
r.fo.
pubblicato Lunedì 10 Settembre 2018

I più letti

Durante il passaggio parlamentare, l’impianto delle misure di sostegno è rimasto sostanzialmente invariato rispetto alle previsioni contenute nella versione “originaria” del testo
In ogni caso, i dati “oscurati” potranno essere inseriti dal contribuente successivamente, in sede di modifica/integrazione della dichiarazione dei redditi, prima della sua trasmissione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Pubblicata la direttiva Ue che autorizza gli Stati membri a prevedere un trattamento uniforme per la fornitura di libri, giornali e periodici, a prescindere dal tipo di supporto
Al momento della loro applicazione, cesseranno di produrre effetti le disposizioni normative e regolamentari riguardanti l’elaborazione dei parametri e degli studi di settore
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Definite anche le regole con cui gli intermediari possono inviare all’Amministrazione finanziaria la comunicazione telematica relativa ai dati essenziali degli incarichi ricevuti
immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
Per il perfezionamento della procedura, entro il 31 maggio 2019 bisogna presentare un’apposita domanda e versare, con F24, l’importo dovuto, pari al valore della controversia
Entro il 30 aprile 2019 le richieste dovranno essere presentate direttamente agli sportelli della Riscossione o trasmesse alla casella pec della direzione regionale competente
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino