Attualità
Patent box: accordi apripista
danno il via all’agevolazione
Marchi, brevetti, disegni, modelli e know how, sono questi i beni immateriali oggetto del confronto tra imprese e amministrazione finanziaria, preliminare alla tassazione di favore
Patent box: accordi apripista|danno il via all’agevolazione
Sottoscritte le prime quattro intese preventive tra Agenzia delle Entrate e altrettante imprese che hanno optato per l’applicazione del patent box.
Si tratta di un passaggio obbligatorio senza il quale non è possibile usufruire del regime agevolato introdotto dalla legge di stabilità 2015 (articolo 1, commi da 37 a 45, legge 190/2014) e successivamente modificato dall’articolo 5 del Dl 3/2015 e dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, comma 148, legge 208/2015), per incentivare la competitività delle imprese.
 
La misura prevede, infatti, l’esenzione fiscale di una quota del reddito derivante dall’utilizzo di software protetto da copyright, da brevetti industriali, da marchi d’impresa, da disegni e modelli, nonché da processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili. Restano fuori dall’imponibile anche le plusvalenze provenienti dalla cessione degli stessi beni, a condizione che almeno il 90% del corrispettivo proveniente dalla loro cessione venga reinvestito, prima della chiusura del secondo periodo di imposta successivo a quello della vendita, nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali.
Il bonus è fruibile da tutti titolari di reddito d’impresa, inclusi i contribuenti non residenti con stabile organizzazione nel territorio dello Stato, a patto che siano residenti in Paesi con i quali è in vigore un accordo contro la doppia imposizione e con cui lo scambio è effettivo.
 
Per l’accesso alla tassazione agevolata, come prima tappa, le aziende interessate hanno dovuto inviare, entro il 31 dicembre 2015, all’ufficio Accordi preventivi e controversie internazionali dell’Agenzia delle Entrate, un’istanza di accordo preventivo e la documentazione integrativa richiesta (vedi “Patent box: dove indirizzare le istanze di accordo preventivo”).
Una volta verificati, da parte degli uffici, i requisiti per l’applicazione del regime, è iniziato il contraddittorio tra Agenzia e imprese, terminato nei giorni scorsi.
Al centro del confronto, i metodi e i criteri di calcolo del contributo economico dei beni intangibili alla produzione del reddito d’impresa per determinarne la quota agevolabile, in riferimento all’uso sia diretto che indiretto del bene immateriale.
Nello specifico, il criterio, per tre casi su quattro, è stato il Confronto di prezzo (Cup - Comparable Uncontrolled Price interno ed esterno). Per il quarto accordo, invece, è stata scelta la ripartizione degli utili (Rpsm - Residual Profit Split).
 
A siglare le intese, da una parte, l’ufficio Accordi preventivi e controversie internazionali della Dc Accertamento e, dall’altra, ditte con volume d’affari superiore a 300 milioni di euro, due attive nel settore della moda, le altre due nei comparti della chimica e della produzione di beni finalizzati ad applicazioni nei settori dell’energia e delle telecomunicazioni.
I prodotti immateriali agevolati sono stati marchi, brevetti disegni, modelli e know how.
r.fo.
pubblicato Giovedì 29 Dicembre 2016

I più letti

Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Irrilevante che il Fisco non abbia esercitato i poteri di controllo sull’esistenza del credito esposto in dichiarazione e sull’esistenza delle operazioni imponibili da cui esso è derivato
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino