Attualità
Percentuali di compensazione
al rialzo per latte, bovini e suini
È più “leggera”, dal 1° gennaio di quest’anno, l’imposta sul valore aggiunto per gli imprenditori agricoli in regime speciale, che lavorano nel settore caseario o trattano animali vivi
Percentuali di compensazione |al rialzo per latte, bovini e suini
Cambiano le percentuali di compensazione per le cessioni di latte, bovini e suini: per il primo prodotto, sale in maniera permanente al 10%; per gli altri beni, passa per il solo 2016, rispettivamente, al 7,65 e al 7,95%.
A fissarle, un decreto interministeriale (Economia e finanze e Politiche agricole alimentari e forestali), firmato il 26 gennaio scorso, registrato dalla Corte dei conti e prossimo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. L’annuncio arriva con comunicato 15 febbraio 2016 del dipartimento delle Finanze.
La variazione era stata disposta dall’ultima Stabilità (legge n. 208/2015, articolo 1, comma 908), che aveva appunto demandato a un successivo provvedimento il compito di innalzare, entro determinati limiti (anche in termini di minori entrate), le percentuali di compensazione applicabili ad alcuni prodotti del settore lattiero-caseario e agli animali vivi della specie bovina e suina.
 
In particolare, sono oggetto di “ritocco”:
  • nel settore lattiero-caseario, le cessioni di latte fresco non concentrato né zuccherato e non condizionato per la vendita al minuto, esclusi yogurt, kephir, latte cagliato, siero di latte, latticello (o latte battuto) e altri tipi di latte fermentati o acidificati, nonché le cessioni di latte e crema di latte freschi non concentrati né zuccherati, escluso il latte fresco non concentrato né zuccherato, destinato al consumo alimentare, confezionato per la vendita al minuto, sottoposto a pastorizzazione o ad altri trattamenti previsti da leggi sanitarie (cfr n. 9 della tabella A, parte prima, allegata al Dpr 633/1972). Per questi prodotti, la percentuale di compensazione è ora fissata al 10 per cento
  • le cessioni di animali vivi della specie bovina, compreso il genere bufalo (percentuale di compensazione del 7,65%)
  • le cessioni di animali vivi della specie suina (percentuale di compensazione del 7,95%).
 
Chi riguarda
Possono avvalersi di questa agevolazione, per le merceologie interessate, gli imprenditori agricoli che applicano il regime speciale Iva (articolo 34 del Dpr 633/1972), in virtù del quale non detraggono l’imposta pagata ai fornitori in maniera analitica, ma determinano l’Iva detraibile forfetariamente, applicando le percentuali di compensazione sull’ammontare delle cessioni effettuate.
Inoltre, queste stesse percentuali assumono anche la funzione di aliquote Iva per le cessioni effettuate da produttori agricoli esonerati (quelli con volume d’affari nell’anno precedente non superiore a 7mila euro) e nei passaggi di prodotti agricoli dai soci alla cooperativa quando entrambi i soggetti (il socio e la cooperativa) applicano il regime speciale Iva.
 
Rosa Colucci
pubblicato Martedì 16 Febbraio 2016

I più letti

Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
immagine di due faldoni di documenti in un'aula di tribunale
La Consulta ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate nei confronti della disposizione che, nel secondo grado di giudizio, ne consente la produzione senza limiti
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino