Attualità
Più risparmi di spesa, meno tagli:
salve, così, le detrazioni Irpef
Le maggiori entrate preventivate grazie alla riduzione degli sconti d’imposta, saranno compensate dalla spending review. La razionalizzazione verrà poi con la delega fiscale
testo alternativo per immagine
Meglio una sforbiciata alle spese piuttosto che alle detrazioni, concettualmente ispirate al principio di equità fiscale. Con questo spirito, il ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato, ieri sera, che non ci sarà alcun taglio agli sconti d’imposta per oneri attualmente in vigore. Pertanto, entro la fine del mese, il Governo abrogherà il comma 575 della Stabilità (legge 147/2013), affidando la razionalizzazione delle detrazioni in argomento alla delega fiscale, in corso di approvazione in Parlamento. Le maggiori entrate, previste dal taglio “scongiurato”, saranno compensate dalla spending review.
 
Testualmente, il richiamato comma 575 dice: “Entro il 31 gennaio 2014 sono adottati provvedimenti normativi” – anche in deroga allo Statuto del contribuente – “di razionalizzazione delle detrazioni per oneri di cui all’articolo 15 del testo unico delle imposte sui redditi,…, tenendo conto dell’esigenza di tutelare i soggetti invalidi, disabili o non autosufficienti, al fine di assicurare maggiori entrate pari488,4 milioni di euro per l’anno 2014, a 772,8 milioni di euro per l’anno 2015 e a 564,7 milioni di euro a decorrere dall’anno 2016”.
 
Ma, cosa sarebbe accaduto se i previsti provvedimenti non fossero stati emanati?
Le conseguenze si trovano nel successivo comma 576 che, inevitabilmente, subirà la stessa sorte del 575.
Ebbene, senza seguiti normativi, le detrazioni Irpef del 19% elencate nell’articolo 15 del Tuir – tra cui, quelle per gli interessi sui mutui ipotecari accesi per l’acquisto dell’abitazione principale, per le spese sanitarie, per i premi corrisposti per assicurazioni sulla vita, eccetera – sarebbero scese al 18% già nella dichiarazione relativa ai redditi 2013, per arrivare poi al 17% dal periodo d’imposta 2014.
La rimodulazione dell’aliquota avrebbe, inoltre, riguardato anche ulteriori oneri e spese la cui detraibilità dall’Irpef è “riconducibile” all’articolo 15, comma 1, del Tuir, come ad esempio le detrazioni del 19% per le spese sostenute per la frequenza di asili nido.
 
Dunque, una decisione presa giusto in tempo, che consentirà una ottimizzazione degli sconti d’imposta, a “conti fatti”, ragionata e attenta a evitare qualsiasi aggravio fiscale.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 22 Gennaio 2014

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
Questi strumenti tecnologici sono in grado di memorizzare in modo permanente e immutabile, elaborare e inviare le informazioni, garantendone l’inalterabilità e la sicurezza
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
Grazie al nuovo servizio messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate, i “clienti” persone fisiche potranno visionare i documenti inviati dai fornitori sin dal 1° gennaio di quest’anno
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino