Attualità
Precompilata, il punto al 24 luglio.
L'hanno inviata in più di 2,4 mln
La graduatoria regionale per numero di trasmissioni vede in testa la Lombardia, seguita da Lazio e Veneto. "Autonomi" anche 263mila cittadini di età compresa tra i 71 e gli 80 anni
immagine illustrativa con modello 730 e una lente d'ingrandimento
Calato il sipario sulle dichiarazioni 730/2017, ecco il primo report sull'andamento della precompilata. Un bilancio definitivo per quel che riguarda i modelli 730, il cui termine di presentazione è scoccato il 24 luglio, ancora provvisorio per Redditi Pf, la cui scadenza, per quest'anno, è fissata al 31 ottobre. Ebbene sono più di 2,4 milioni i cittadini che hanno deciso di inviare on line, in autonomia, la propria dichiarazione precompilata: per la precisione 2.427.803. Un record di gradimento che si attesta a +18 per cento.
Nel dettaglio, secondo il dato fornito dal partner tecnologico Sogei, cristallizzato alla mezzanotte del 24 luglio, si tratta di 2.298.603 modelli 730 e 129.200 Redditi Pf, questi ultimi spediti con grande anticipo rispetto alla scadenza.

Tre anni in crescendo
Ciò che appare subito, senza particolari approfondimenti, è l'apprezzamento crescente dei contribuenti nei confronti della modalità "fai da te". In numeri, le precompilate trasmesse direttamente dai cittadini nel 2015 sono state 1,4 milioni, nel 2016 sono salite a 2,1 milioni, quest'anno, come detto, superano i 2,4 milioni. Il perché probabilmente risiede nella semplicità d'uso della procedura online, ma anche nella maggiore completezza dei dati contenuti nei modelli predisposti dal Fisco.

Il gradimento regione per regione
Spacchettando le informazioni, si nota che sono le regioni del Centro-Nord ad aver apprezzato maggiormente l'introduzione della possibilità di trasmettere in autonomia la dichiarazione dei redditi precompilata. In Lombardia si contano più di 597mila invii (un quarto del totale nazionale), nel Lazio quasi 281mila, in Veneto circa 265mila. Seguono Piemonte (225mila), Emilia Romagna (160mila), Toscana (140mila) e Campania (130mila). Fanalini di coda Basilicata (16mila), Molise (9mila) e la piccola Valle d'Aosta (7mila).

Il gradimento per anno di nascita
Sono i cittadini di "mezza età", quelli tra i 41 e i 50 anni, ad aver mostrato maggiori sicurezza e fiducia nella nuova modalità di presentazione della dichiarazione dei redditi: i modelli 730 trasmessi in via autonoma dai contribuenti compresi in questa fascia d'età sono stati quasi 530mila. Ma la precompilata è stata apprezzata anche da 381mila trentenni e 470mila cinquantenni e 403mila sessantenni. Il sistema "fai da te", infine, è stato utilizzato anche da 263mila contribuenti di età compresa tra i 71 e gli 80 anni.

La "combinazione" prediletta
Per accedere alla precompilata, i contribuenti hanno utilizzato nel 58,76% dei casi le credenziali rilasciate dall'Agenzia delle Entrate, nel 33,64% quelle dell'Inps. Pochi gli ingressi tramite Spid.
 
Paola Pullella Lucano
pubblicato Venerdì 4 Agosto 2017

I più letti

La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Ai fini delle deduzioni dei costi e delle detrazioni Iva incombe sul contribuente l’onere di provare l’inerenza del bene o del servizio all’attività imprenditoriale
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
L’ufficio finanziario è tenuto a riscontrare la coerenza fra le diverse operazioni realizzate, pertanto, non è sufficiente che tali documenti siano correttamente registrati in contabilità
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino