Attualità
Prevenzione della corruzione:
il piano triennale dell’Agenzia
Pubblicato sul sito internet delle Entrate il documento, relativo al periodo 2016-2018, previsto dalla “Legge anticorruzione” per tutte le pubbliche amministrazioni
Prevenzione della corruzione:|il piano triennale dell’Agenzia
In Rete il “Piano triennale di prevenzione della corruzione” adottato dall’Agenzia delle Entrate per il triennio 2016-2018 disposto con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 29 gennaio. Il documento, previsto dalla Legge 190/2012 (“Legge anticorruzione”), consente di adottare un sistema di contrasto dei fenomeni corruttivi, introducendo forme di responsabilità a carico dei dirigenti e dei funzionari e conseguenti sanzioni in caso di inadempienze; è disponibile sul sito internet dell’Agenzia, e fornisce le informazioni relative all’organizzazione e al funzionamento dell’Agenzia in ordine alla lotta alla corruzione e agli illeciti in generale.
 
Nel documento sono evidenziati ruoli, responsabilità e strutture all’interno dell’Agenzia con i quali viene garantito un monitoraggio delle attività in vista della prevenzione del rischio di illeciti, a partire dalle direzioni provinciali fino alle direzioni centrali.
 
All’interno del “Piano triennale di prevenzione della corruzione” è inserita una sintesi del codice di comportamento dei dipendenti dell’Agenzia delle Entrate, approvato il 16 settembre 2015, che contiene norme integrative ad hoc che tengono conto delle peculiarità derivanti dalla trattazione della delicata materia fiscale.
 
Primo bilancio, inoltre, per il Whistleblowing, la procedura che consente ai dipendenti di segnalare condotte illecite all’interno del proprio ufficio attraverso un canale informatico predisposto con una modalità di comunicazione crittografata. Dal febbraio 2015, quando è divenuta operativa la procedura, sono state effettuate 210 segnalazioni, in parte ancora in lavorazione.
 
Infine, all’interno del documento, è anche presente il “Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità” (Ptti), che illustra gli obblighi a carico dell’Agenzia in materia di trasparenza delle informazioni (pubblicazioni sul sito internet istituzionale, accesso civico del cittadino a documenti, informazioni o dati di cui è prevista la pubblicazione dalla normativa vigente) e le relative sanzioni in caso di inadempienza.
 
Il “Piano triennale di prevenzione della corruzione” è disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it, seguendo il percorso home - L’Agenzia - Prevenzione della corruzione.
 
 
r.fo.
pubblicato Venerdì 29 Gennaio 2016

I più letti

Fra le novità illustrate, l’introduzione di ulteriori indicatori di territorialità, i correttivi per la revisione congiunturale speciale, le semplificazioni alla modulistica
L’articolo 20 del Testo unico sul registro “attribuisce preminente rilievo all’intrinseca natura e agli effetti giuridici dell’atto, rispetto al suo titolo e alla sua forma apparente”
immagine di libro aperto con bilancia, simbolo della giustizia
È stato introdotto il concetto di ultra-tardività della dichiarazione presentata dal sostituto d'imposta, con penalità pari alla metà di quella ordinaria prevista per l'omissione totale
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
I sessanta giorni per emanare l'avviso riguardano i soli casi di accesso, ispezione o verifica nei locali destinati all'esercizio dell'attività
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Fra le novità illustrate, l’introduzione di ulteriori indicatori di territorialità, i correttivi per la revisione congiunturale speciale, le semplificazioni alla modulistica
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario