Attualità
Processo tributario telematico:
è on line il Rapporto del Mef
Dalla lettura dei dati, distribuiti in numerose tabelle, emerge un trend complessivamente positivo: ormai oltre un atto su quattro viene presentato attraverso modalità digitali
Processo tributario telematico:|è on line il Rapporto del Mef
Il Mef fa il punto della situazione sul processo tributario telematico (Ptt): ieri, infatti, è stato pubblicato il “Rapporto sui depositi telematici degli atti e documenti nel contenzioso tributario”. Dal documento, redatto dalla direzione Giustizia tributaria del ministero, emerge un trend complessivamente positivo, favorito anche dalla  consistente attività di formazione realizzata dalla stessa Direzione su tutto il territorio nazionale.

Il processo tributario telematico: normativa di riferimento
Con l’obiettivo di attuare i principi previsti dal Codice dell’amministrazione digitale (Dlgs 82/2005) anche nell’ambito della giustizia tributaria, il decreto legge 98/2011 ha introdotto le prime disposizioni finalizzate a consentire l’utilizzo delle tecnologie informatiche nel processo tributario (articolo 39, comma 8).
 
Con il decreto 23 dicembre 2013 n. 163 è stato adottato il regolamento per la disciplina dell’uso degli strumenti informatici e telematici nel contenzioso tributario, mentre le relative specifiche tecniche sono state definite dal decreto 4 agosto 2015 (recentemente modificato dal decreto 28 novembre 2017).
 
Ulteriori disposizioni in materia di Ptt sono state introdotte dal Dlgs 156/2015 (Misure per la revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario – articolo 9, comma 1, lettera h), che ha inserito il nuovo articolo 16-bis nel Dlgs 546/1992 (Disposizioni sul processo tributario) che ha disciplina le comunicazioni, i depositi e le notificazioni per via telematica.
 
La circolare n. 2/Df dell’11 maggio 2016 ha illustrato le linee guida per l’attuazione del processo tributario telematico, mentre i decreti 30 giugno e 15 dicembre 2016 hanno progressivamente esteso nelle varie regioni l’applicazione delle nuove regole.
 
La graduale attuazione del processo tributario telematico
La piena operatività del Ptt in tutto il territorio nazionale è stata realizzata attraverso un processo graduale. Le prime Commissioni tributarie interessate sono state quelle di Toscana e Umbria a decorrere dal 1° dicembre 2015.
 
Nel 2016, invece, l’utilizzo degli strumenti telematici è stato reso disponibile anche nelle Commissioni tributarie di Abruzzo e Molise (dal 15 ottobre), Liguria e Piemonte (dal 15 novembre), Emilia-Romagna e Veneto (dal 15 dicembre).
 
Nel 2017, infine, le regole del Ptt sono state estese anche alle Commissioni tributarie presenti in Basilicata, Campania Puglia (dal 15 febbraio), Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Lombardia (dal 15 aprile), Calabria, Sardegna e Sicilia (dal 15 giugno), Marche, Val d’Aosta e nelle province autonome di Bolzano e di Trento (dal 15 luglio).
 
Pertanto, a partire dal 15 luglio 2017, il Ptt è attivo su tutto il territorio nazionale.
 
Si ricorda, peraltro, che in base alla normativa attualmente vigente, l’utilizzo del deposito telematico rappresenta una facoltà: ciascuna delle parti, infatti, può scegliere di notificare e depositare gli atti processuali con le modalità tradizionali ovvero con quelle telematiche.
 
Se si sceglie di ricorrere al Ptt, è necessario registrarsi al sistema informativo della Giustizia tributaria (Sigit- Ptt).
 
I dati del Rapporto
Dalla lettura del Rapporto (e delle diverse Tabelle che si trovano al suo interno) si evince che il ricorso al deposito telematico sta progressivamente prendendo quota, riscuotendo un costante apprezzamento presso gli operatori e inserendosi a pieno titolo nel processo di semplificazione del rapporto tra Amministrazione finanziaria e contribuente.
 
Al 31 gennaio 2018 risultano registrati sulla piattaforma centralizzata oltre 24.300 utenti, così ripartiti:
  • oltre 17.300 privati (cittadini/professionisti)
  • circa 7.000 dipendenti di enti impositori centrali (Agenzie fiscali, Camere di commercio, eccetera) e territoriali (Comuni, Province e Regioni). 
Alla stessa data risultano depositati complessivamente oltre 317.000 file.
 
Nella Tabella 1 viene fornito il quadro complessivo dell’attivazione e dell’utilizzo dei sistemi telematici nel processo tributario per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017, distinguendo per:
  • documenti complessivamente pervenuti alle Commissioni tributarie
  • documenti pervenuti in via telematica
  • percentuale dei documenti telematici rispetto al totale. 
Nel corso del 2017, in particolare, sono stati depositati, con modalità telematiche, 241.052 (vale a dire il 20,38% di tutti gli atti processuali depositati presso le Commissioni tributarie) così suddivisi:
  • 12.260 ricorsi/appelli (pari al 7,92% su un totale di 154.888)
  • 23.696 controdeduzioni delle parti resistenti (pari al 14,28% su un totale di 165.976)
  • 205.096 altri atti processuali (pari al 23,79% su un totale di 862.176). 
L’anno scorso, inoltre, le percentuali più elevante dei depositi telematici si sono registrate nelle Commissioni tributarie presenti nelle seguenti regioni:
  • Friuli Venezia Giulia - 34,54% (avvio 15 aprile 2017)
  • Lazio - 28,24% (avvio 15 aprile 2017)
  • Emilia Romagna - 28,08% (avvio 2016)
  • Veneto -  27,86% (avvio 2016)
  • Piemonte - 25,21% (avvio 2016)
  • Campania - 22,60% (avvio 15 febbraio 2017)
  • Lombardia - 22,56% (avvio 15 aprile 2017)
  • Abruzzo - 20,08% (avvio 2016). 
È interessante notare che le percentuali più alte si riferiscono a due regioni (Friuli Venezia Giulia e Lazio) in cui il Ptt è stato attivato nel corso del 2017, quindi con un’operatività inferiore a un anno.
 
Il Rapporto si sofferma, in particolare, sul flusso dei depositi registrato nel semestre 1° agosto 2017 – 31 gennaio 2018, vale a dire nel periodo in cui il Ptt è divenuto operativo in tutte le Commissioni tributarie, distribuendo i dati nelle seguenti tabelle:
  • Tabella 2 - (Analisi sull’utilizzo dei sistemi telematici nel processo tributario, distinto per regione e per tipologia di atto processuale), da cui risulta un costante incremento dell’incidenza degli atti e documenti depositati telematicamente
  • Tabella 3 - (Andamento mensile della percentuale di atti processuali depositati telematicamente nel primo grado di giudizio, distinto per tipologia di atto processuale) – si registrano maggiori percentuali di depositi telematici nelle controdeduzioni, da cui si evince una più spiccata propensione all’utilizzo degli strumenti informatici da parte degli enti impositori rispetto ai professionisti
  • Tabella 4.a – (Andamento mensile della percentuale di atti processuali depositati telematicamente nel secondo grado di giudizio, distinto per tipologia di atto processuale) e Tabella 4.b (Andamento mensile della percentuale di tutti gli atti processuali depositati telematicamente nel secondo grado di giudizio, distinto per tipologia di proponente) – entrambe le tabelle segnalano che anche in secondo grado sono gli uffici a ricorrere in maniera prevalente ai depositi telematici. Tuttavia, negli ultimi quattro mesi del periodo considerato, ci sono stati segnali di crescita anche sul fronte dei professionisti
  • Tabella 5 – (Andamento mensile della percentuale di atti processuali depositati telematicamente nei due gradi di giudizio, distinto per tipologia di atto)
  • Tabella 6 – (Incidenza dei ricorsi telematici sul totale dei ricorsi introduttivi) – sono indicate le Commissioni in cui la propensione al deposito del ricorso introduttivo con le modalità telematiche è risultata maggiore (incidenza dei ricorsi/appelli telematici sul totale dei ricorsi depositati)
  • Tabella 7 – (Incidenza dei ricorsi introduttivi e delle controdeduzioni telematiche sul totale delle costituzioni in giudizio delle parti) – sono indicate le Commissioni in cui risulta maggiore la propensione all’utilizzo del servizio telematico di deposito degli atti da parte di entrambe le parti processuali
  • Tabella 8 – (Incidenza di tutti gli atti processuali telematici - ricorsi/appelli/controdeduzioni e altri atti - sul totale degli atti processuali presentati) – sono indicate le Commissioni in cui risulta maggiore il volume documentale gestito con il sistema telematico. 
Dalla lettura delle Tabelle 6, 7 e 8 emerge che, nell’ambito delle Ctr, le Commissioni che registrano le percentuali più altre di adesione al Ptt sono quelle di Lazio, Campania, Toscana e Marche.

Quanto alle Ctp, invece, la Tabella 8 mostra che le tre Commissioni che registrano le più alte percentuali di documenti depositati telematicamente sono le seguenti:
  • Asti (77,18%)
  • Bologna (60,02%)
  • Rovigo (58,13%). 
Sintesi
Il Rapporto mette in luce un appeal progressivamente crescente del processo tributario telematico, quale strumento in grado di assicurare livelli sempre più elevati di efficienza, semplificazione e trasparenza del contenzioso, ponendosi al servizio dei cittadini e delle imprese.
L’analisi dei flussi, infatti, evidenzia che in tutte le Regioni il ricorso alle modalità telematiche nel processo tributario aumenta gradualmente e in maniera costante. Si registrano ancora significative differenze tra le varie realtà territoriali, ma ormai il percorso è segnato.
Del resto, dopo il consolidamento del nuovo modello, il prossimo obiettivo da raggiungere è la sentenza telematica, che potrebbe diventare realtà già nel primo trimestre del 2019.
Gennaro Napolitano
pubblicato Mercoledì 28 Febbraio 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Riguarda i sostituti d’imposta, chiamati a pagare l’anticipo delle imposte dovute dai lavoratori sui rendimenti delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino