Attualità
Prospetto pluriennale nel Cassetto
per spaziare sugli Studi di settore
Dal confronto di più periodi possono emergere elementi contraddittori da spiegare o correggere. Pubblicati due schemi distinti in caso di attività d’impresa e di lavoro autonomo
Prospetto pluriennale nel Cassetto|per spaziare sugli Studi di settore
Dalle “parole” ai “fatti”. Come previsto dal provvedimento dello scorso 18 giugno, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione una nuova funzionalità che permette al contribuente di consultare on line, attraverso il proprio cassetto fiscale, il prospetto riepilogativo pluriennale relativo all’applicazione degli studi di settore, in base ai principali dati dichiarati negli anni precedenti. In particolare, le annualità interessate sono quelle riguardanti i periodi d’imposta dal 2009 e al 2013.
 
In pratica, si tratta di un ulteriore strumento per mettere in allerta il contribuente, in modo che possa rimediare a eventuali incongruenze giocando “in anticipo” rispetto alle conclusioni definitive (e alle relative sanzioni) conseguenti all’attività di accertamento svolta dal Fisco nei suoi confronti in base ai modelli presentati.
 
Molteplici, ormai, le iniziative che consentono ai soggetti che applicano gli studi di settore di verificare direttamente la propria posizione grazie alla condivisione delle informazioni attuata dall’Amministrazione finanziaria. Il riferimento principale è agli alert con cui l’Agenzia, prima di emettere l’atto formale di liquidazione d’imposta, comunica agli interessati che sono state recapitate, nel loro Cassetto fiscale, comunicazioni di anomalia. In questo modo, i destinatari dei messaggi, messi sull’avviso, possono “evitare il peggio” attraverso il ravvedimento operoso oppure possono spiegare il perché delle anomalie riscontrate e procedere al ricalcolo degli studi di settore presentati, effettuato sulla base dell’ultima versione di Gerico pubblicata sul sito delle Entrate.
 
È in quest’ottica di maggiore fiducia e dialogo tra Fisco e cittadino, quindi, che si inserisce la nuova funzionalità offerta dall’Agenzia. Avere un quadro riepilogativo degli studi applicati nelle annualità passate, infatti, consente ai contribuenti di mettere a fuoco i casi in cui l’andamento di alcune voci caratteristiche dell’attività svolta risultano contraddittorie e se ci sono “ritocchi” da fare prima dell’intervento del Fisco. Un esempio esemplificativo può essere l’anomalia tra le rimanenze finali di un anno e le esistenze iniziali di quello successivo.
 
Il riepilogo pluriennale può riguardare l’attività d’impresa o quella di lavoro autonomo. In caso di studi di settore presentati per entrambe le attività, disponibili, nel Cassetto, due distinti prospetti.
r.fo.
pubblicato Venerdì 15 Gennaio 2016

I più letti

Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
È obbligatorio esibire la documentazione in originale per le richieste relative ai mezzi acquistati in regime di Iva del margine o utilizzati come beni strumentali dell’attività di impresa
La decisione del Consiglio, pubblicata ieri, ha effetto dal 1° luglio 2018 al 31 dicembre 2021 e fornisce la copertura del diritto europeo alle disposizioni della legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Al corrispettivo conseguito dalle persone fisiche si applicano le disposizioni generali del Tuir dettate per i trasferimenti a titolo oneroso della piena proprietà degli immobili
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
È obbligatorio esibire la documentazione in originale per le richieste relative ai mezzi acquistati in regime di Iva del margine o utilizzati come beni strumentali dell’attività di impresa
Scade il 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata e pagare l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino