Attualità
Prospetto pluriennale nel Cassetto
per spaziare sugli Studi di settore
Dal confronto di più periodi possono emergere elementi contraddittori da spiegare o correggere. Pubblicati due schemi distinti in caso di attività d’impresa e di lavoro autonomo
Prospetto pluriennale nel Cassetto|per spaziare sugli Studi di settore
Dalle “parole” ai “fatti”. Come previsto dal provvedimento dello scorso 18 giugno, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione una nuova funzionalità che permette al contribuente di consultare on line, attraverso il proprio cassetto fiscale, il prospetto riepilogativo pluriennale relativo all’applicazione degli studi di settore, in base ai principali dati dichiarati negli anni precedenti. In particolare, le annualità interessate sono quelle riguardanti i periodi d’imposta dal 2009 e al 2013.
 
In pratica, si tratta di un ulteriore strumento per mettere in allerta il contribuente, in modo che possa rimediare a eventuali incongruenze giocando “in anticipo” rispetto alle conclusioni definitive (e alle relative sanzioni) conseguenti all’attività di accertamento svolta dal Fisco nei suoi confronti in base ai modelli presentati.
 
Molteplici, ormai, le iniziative che consentono ai soggetti che applicano gli studi di settore di verificare direttamente la propria posizione grazie alla condivisione delle informazioni attuata dall’Amministrazione finanziaria. Il riferimento principale è agli alert con cui l’Agenzia, prima di emettere l’atto formale di liquidazione d’imposta, comunica agli interessati che sono state recapitate, nel loro Cassetto fiscale, comunicazioni di anomalia. In questo modo, i destinatari dei messaggi, messi sull’avviso, possono “evitare il peggio” attraverso il ravvedimento operoso oppure possono spiegare il perché delle anomalie riscontrate e procedere al ricalcolo degli studi di settore presentati, effettuato sulla base dell’ultima versione di Gerico pubblicata sul sito delle Entrate.
 
È in quest’ottica di maggiore fiducia e dialogo tra Fisco e cittadino, quindi, che si inserisce la nuova funzionalità offerta dall’Agenzia. Avere un quadro riepilogativo degli studi applicati nelle annualità passate, infatti, consente ai contribuenti di mettere a fuoco i casi in cui l’andamento di alcune voci caratteristiche dell’attività svolta risultano contraddittorie e se ci sono “ritocchi” da fare prima dell’intervento del Fisco. Un esempio esemplificativo può essere l’anomalia tra le rimanenze finali di un anno e le esistenze iniziali di quello successivo.
 
Il riepilogo pluriennale può riguardare l’attività d’impresa o quella di lavoro autonomo. In caso di studi di settore presentati per entrambe le attività, disponibili, nel Cassetto, due distinti prospetti.
r.fo.
pubblicato Venerdì 15 Gennaio 2016

I più letti

immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
immagine di due maschere bianche
L’amministrazione finanziaria deve intervenire e procedere anche se il soggetto frammesso è veramente esistente e le operazioni contestate sono state effettivamente compiute
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
La giustizia “rientra in aula” giovedì 1° settembre. Terminate le “vacanze” estive, ripartono le procedure e riprende il conteggio dei giorni per depositare atti e documenti
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
La qualifica è acquisibile da associazioni con o senza personalità giuridica, comitati, fondazioni, società cooperative e altri enti privati purché perseguano finalità meritevoli di tutela
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dopo la verifica dei presupposti, l’Agenzia dà il via libera per la restituzione della somma, che le imprese accreditano sulla prima bolletta utile e, comunque, entro 45 giorni