Attualità
Prospetto pluriennale nel Cassetto
per spaziare sugli Studi di settore
Dal confronto di più periodi possono emergere elementi contraddittori da spiegare o correggere. Pubblicati due schemi distinti in caso di attività d’impresa e di lavoro autonomo
Prospetto pluriennale nel Cassetto|per spaziare sugli Studi di settore
Dalle “parole” ai “fatti”. Come previsto dal provvedimento dello scorso 18 giugno, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione una nuova funzionalità che permette al contribuente di consultare on line, attraverso il proprio cassetto fiscale, il prospetto riepilogativo pluriennale relativo all’applicazione degli studi di settore, in base ai principali dati dichiarati negli anni precedenti. In particolare, le annualità interessate sono quelle riguardanti i periodi d’imposta dal 2009 e al 2013.
 
In pratica, si tratta di un ulteriore strumento per mettere in allerta il contribuente, in modo che possa rimediare a eventuali incongruenze giocando “in anticipo” rispetto alle conclusioni definitive (e alle relative sanzioni) conseguenti all’attività di accertamento svolta dal Fisco nei suoi confronti in base ai modelli presentati.
 
Molteplici, ormai, le iniziative che consentono ai soggetti che applicano gli studi di settore di verificare direttamente la propria posizione grazie alla condivisione delle informazioni attuata dall’Amministrazione finanziaria. Il riferimento principale è agli alert con cui l’Agenzia, prima di emettere l’atto formale di liquidazione d’imposta, comunica agli interessati che sono state recapitate, nel loro Cassetto fiscale, comunicazioni di anomalia. In questo modo, i destinatari dei messaggi, messi sull’avviso, possono “evitare il peggio” attraverso il ravvedimento operoso oppure possono spiegare il perché delle anomalie riscontrate e procedere al ricalcolo degli studi di settore presentati, effettuato sulla base dell’ultima versione di Gerico pubblicata sul sito delle Entrate.
 
È in quest’ottica di maggiore fiducia e dialogo tra Fisco e cittadino, quindi, che si inserisce la nuova funzionalità offerta dall’Agenzia. Avere un quadro riepilogativo degli studi applicati nelle annualità passate, infatti, consente ai contribuenti di mettere a fuoco i casi in cui l’andamento di alcune voci caratteristiche dell’attività svolta risultano contraddittorie e se ci sono “ritocchi” da fare prima dell’intervento del Fisco. Un esempio esemplificativo può essere l’anomalia tra le rimanenze finali di un anno e le esistenze iniziali di quello successivo.
 
Il riepilogo pluriennale può riguardare l’attività d’impresa o quella di lavoro autonomo. In caso di studi di settore presentati per entrambe le attività, disponibili, nel Cassetto, due distinti prospetti.
r.fo.
pubblicato Venerdì 15 Gennaio 2016

I più letti

Per evitare l’illegittimo ricorso al regime del margine, l’Agenzia delle Entrate ha fornito precisi chiarimenti e istruzioni rivolti sia agli operatori nazionali sia agli uffici locali
I destinatari che presentano la dichiarazione di aggiornamento catastale potranno beneficiare dell’istituto del ravvedimento operoso, con un notevole risparmio sulle sanzioni
L’Agenzia delle Entrate interviene ancora sulla cooperative compliance, indicando le modalità di svolgimento della procedura e individuando il proprio ufficio competente
Nata a fine 2015, permette di comunicare con il fisco in maniera, veloce, semplice e diretta e si può scaricare facilmente dallo store del sistema operativo che si sta utilizzando
Per non incorrere nel reato di evasione fiscale, le ritenute devono essere versate entro la data di scadenza per la presentazione della relativa dichiarazione dei sostituti d’imposta
I destinatari che presentano la dichiarazione di aggiornamento catastale potranno beneficiare dell’istituto del ravvedimento operoso, con un notevole risparmio sulle sanzioni
immagine con una freccia che indica la via in mezzo a un groviglio di strade
Il "principio di derivazione rafforzata" è stato esteso ai soggetti, diversi dalle micro imprese, che redigono il bilancio in conformità alle nuove disposizioni del codice civile
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il contribuente, prima di trasferire la residenza, ha la possibilità di presentare un interpello probatorio, che gli permette di verificare il possesso dei requisiti di accesso al regime
Tre gradi di giudizio, tre “sconfitte”, per un’associazione di esperti fiscali che evita di parlare con l’amministrazione e, contestualmente, suggerisce rimedi impraticabili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine della facciata di palazzo Chigi
Dal regime di tassazione delle locazioni brevi alla definizione delle liti pendenti: sono numerose e significative le disposizioni tributarie contenute nella manovra correttiva
Con una circolare, l’Agenzia delle Entrate illustra dettagliatamente la disciplina di riforma introdotta dal decreto legislativo 158/2015 in attuazione della legge di delega fiscale
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino