Attualità
Le quotazioni Omi di fine 2015
sono online. Anche via smartphone
La ricerca dei dati può essere facilitata consultando, sul canale YouTube “Entrate in video”, l’apposito tutorial in cui un funzionario spiega passo dopo passo come muoversi
Le quotazioni Omi di fine 2015|sono online. Anche via smartphone
Si accendono i riflettori dell’Osservatorio del mercato immobiliare delle Entrate per far luce sulle quotazioni del mercato italiano del mattone. Da oggi, infatti, sul sito dell’Agenzia, sono disponibili le quotazioni aggiornate al secondo semestre 2015, che forniscono un’indicazione dei prezzi al metro quadro per diverse tipologie di immobili: residenziale, commerciale, terziario e produttivo.
 
Quotazioni a portata di click…
L’Agenzia delle Entrate, tramite l’Osservatorio, mette a disposizione gratuitamente le quotazioni immobiliari che individuano, per ogni ambito territoriale omogeneo (zona Omi) e per ciascuna tipologia immobiliare, un intervallo di valori di mercato, minimo e massimo, per unità di superficie, sia per gli affitti sia per le compravendite.
Le informazioni presenti in banca dati sono riferite a unità immobiliari in condizioni ordinarie, a esclusione, quindi, degli immobili di particolare pregio (o degrado) o che comunque presentano caratteristiche non ordinarie per la zona di appartenenza. I valori non sostituiscono, ovviamente, la stima vera e propria effettuata da un professionista nell’ambito di un processo estimativo, ma costituiscono un’indicazione di massima che tiene conto dell’ordinarietà dei fabbricati e dello stato conservativo prevalente nella zona omogenea considerata: solo la stima effettuata da un tecnico professionista può, infatti, rappresentare e descrivere in maniera esaustiva e con piena efficacia l’immobile, motivando anche il valore attribuitogli.
 
…anche tramite smartphone
È possibile consultare le quotazioni in base al semestre (fino agli ultimi sei pubblicati), alla provincia, al comune, alla zona Omi e alla destinazione d’uso. La ricerca può avvenire sia tramite testo sia attraverso ricerca su mappa, grazie al servizio di navigazione territoriale “Geopoi”, fruibile da tutti i browser che consentono una esposizione grafica full Svg (Scalable vector graphics) compliant.
Dal 2011, Geopoi è accessibile anche da smartphone e tablet, grazie all’applicazione Omi mobile, che sfrutta la tecnologia satellitare Gps per consentire la localizzazione dell’utente. Una volta lanciata l’applicazione, che non necessita di installazione e che viene avviata semplicemente digitando sul browser del proprio device l’indirizzo http://m.geopoi.it/php/mobileOMI/index.php, verrà mostrata la rappresentazione cartografica viaria della posizione rilevata, in sovrapposizione ai poligoni che individuano le zone Omi di riferimento. A questo punto, basta toccare lo schermo dello smartphone o del tablet per aprire una finestra pop-up che permetterà di selezionare e accedere alle schede delle quotazioni immobiliari relative alle varie tipologie di destinazione d’uso: residenziale, commerciale, terziario o produttivo. Le zone Omi possono essere individuate anche tramite la ricerca di un indirizzo, oppure mediante navigazione cartografica. In quest’ultimo caso, la zona Omi relativa a una posizione viene ottenuta tenendo premuto per qualche istante il dito su di un punto della cartografia presente a schermo.
 
Un video spiega come fare
Sul canale YouTube “Entrate in video” è disponibile un tutorial in cui un funzionario dell’Agenzia spiega passo dopo passo come consultare i dati, sia tramite ricerca testuale sia mediante navigazione su mappa. Il video, autoprodotto e realizzato in house dalle Entrate a costo zero, è accessibile a tutti i contribuenti, grazie all’utilizzo di sottotitoli in italiano e nelle principali lingue straniere.
Fabio Brocceri
pubblicato Martedì 15 Marzo 2016

I più letti

Si applica il principio di onnicomprensività, secondo cui tutte le somme e i valori, a qualunque titolo percepiti durante il periodo d’imposta, costituiscono reddito imponibile
L’Agenzia delle Entrare, sollecitata da alcune associazioni interessate, fornisce utili precisazioni in merito al trattamento tributario ai fini dell’Iva e delle imposte dirette
portineria
La sua omissione non pregiudica il perfezionamento dell’operazione, risolvendosi in una mera irregolarità di carattere estrinseco che non integra alcuna ipotesi di nullità
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Tra gli “eliminati” eccellenti, quelli per il pagamento delle somme dovute a titolo di imposta sul reddito delle persone giuridiche, cioè l’Irpeg, che è stata rimpiazzata dall’Ires
Dalla nuova procedura di collaborazione rafforzata per le società non residenti all’introduzione degli indici di affidabilità fiscale: sono numerose le “new entry” in ambito tributario
Si applica il principio di onnicomprensività, secondo cui tutte le somme e i valori, a qualunque titolo percepiti durante il periodo d’imposta, costituiscono reddito imponibile
Proroga della maggiore detrazione Irpef per i lavori di recupero e anche per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, specificazioni sui beneficiari degli sconti e altro ancora
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
immagine generica illustrativa
Le "vecchie" indicazioni fornite in via amministrativa continuano a essere applicabili, nonostante le novità in materia apportate dal collegato all'ultima legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Le risposte ai quesiti pervenuti nelle scorse settimane rese note su internet, raggruppate in un unico file, per consentire agli interessati di compilare correttamente la comunicazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino