Attualità
Le quotazioni Omi di fine 2015
sono online. Anche via smartphone
La ricerca dei dati può essere facilitata consultando, sul canale YouTube “Entrate in video”, l’apposito tutorial in cui un funzionario spiega passo dopo passo come muoversi
Le quotazioni Omi di fine 2015|sono online. Anche via smartphone
Si accendono i riflettori dell’Osservatorio del mercato immobiliare delle Entrate per far luce sulle quotazioni del mercato italiano del mattone. Da oggi, infatti, sul sito dell’Agenzia, sono disponibili le quotazioni aggiornate al secondo semestre 2015, che forniscono un’indicazione dei prezzi al metro quadro per diverse tipologie di immobili: residenziale, commerciale, terziario e produttivo.
 
Quotazioni a portata di click…
L’Agenzia delle Entrate, tramite l’Osservatorio, mette a disposizione gratuitamente le quotazioni immobiliari che individuano, per ogni ambito territoriale omogeneo (zona Omi) e per ciascuna tipologia immobiliare, un intervallo di valori di mercato, minimo e massimo, per unità di superficie, sia per gli affitti sia per le compravendite.
Le informazioni presenti in banca dati sono riferite a unità immobiliari in condizioni ordinarie, a esclusione, quindi, degli immobili di particolare pregio (o degrado) o che comunque presentano caratteristiche non ordinarie per la zona di appartenenza. I valori non sostituiscono, ovviamente, la stima vera e propria effettuata da un professionista nell’ambito di un processo estimativo, ma costituiscono un’indicazione di massima che tiene conto dell’ordinarietà dei fabbricati e dello stato conservativo prevalente nella zona omogenea considerata: solo la stima effettuata da un tecnico professionista può, infatti, rappresentare e descrivere in maniera esaustiva e con piena efficacia l’immobile, motivando anche il valore attribuitogli.
 
…anche tramite smartphone
È possibile consultare le quotazioni in base al semestre (fino agli ultimi sei pubblicati), alla provincia, al comune, alla zona Omi e alla destinazione d’uso. La ricerca può avvenire sia tramite testo sia attraverso ricerca su mappa, grazie al servizio di navigazione territoriale “Geopoi”, fruibile da tutti i browser che consentono una esposizione grafica full Svg (Scalable vector graphics) compliant.
Dal 2011, Geopoi è accessibile anche da smartphone e tablet, grazie all’applicazione Omi mobile, che sfrutta la tecnologia satellitare Gps per consentire la localizzazione dell’utente. Una volta lanciata l’applicazione, che non necessita di installazione e che viene avviata semplicemente digitando sul browser del proprio device l’indirizzo http://m.geopoi.it/php/mobileOMI/index.php, verrà mostrata la rappresentazione cartografica viaria della posizione rilevata, in sovrapposizione ai poligoni che individuano le zone Omi di riferimento. A questo punto, basta toccare lo schermo dello smartphone o del tablet per aprire una finestra pop-up che permetterà di selezionare e accedere alle schede delle quotazioni immobiliari relative alle varie tipologie di destinazione d’uso: residenziale, commerciale, terziario o produttivo. Le zone Omi possono essere individuate anche tramite la ricerca di un indirizzo, oppure mediante navigazione cartografica. In quest’ultimo caso, la zona Omi relativa a una posizione viene ottenuta tenendo premuto per qualche istante il dito su di un punto della cartografia presente a schermo.
 
Un video spiega come fare
Sul canale YouTube “Entrate in video” è disponibile un tutorial in cui un funzionario dell’Agenzia spiega passo dopo passo come consultare i dati, sia tramite ricerca testuale sia mediante navigazione su mappa. Il video, autoprodotto e realizzato in house dalle Entrate a costo zero, è accessibile a tutti i contribuenti, grazie all’utilizzo di sottotitoli in italiano e nelle principali lingue straniere.
Fabio Brocceri
pubblicato Martedì 15 Marzo 2016

I più letti

Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Sì, ma solo quello sufficiente per rimediare a un rallentamento dovuto a una perplessità risolta tramite le Faq pubblicate e costantemente aggiornate sul sito dell’Agenzia
Il regime impositivo dei dividendi e dei proventi a essi equiparati può essere tripartito come segue: da partecipazione non qualificata, da partecipazione qualificata, black list
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine di due modelli F24
In via generale, a prescindere dalla violazione che si intende regolarizzare, occorre prima individuare la specifica norma sanzionatoria prevista e poi applicare le riduzioni
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino