Attualità
Redditi dominicali e agrari variati:
è il momento della dichiarazione
Per l'omessa denuncia delle situazioni che hanno dato luogo a incrementi, è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa, da un minimo di 250 a un massimo di 2mila euro
immagine di campi coltivati
Lunedì 1° febbraio è l'ultimo giorno utile per presentare la denuncia annuale delle variazioni dei redditi fondiari dei terreni, verificatesi nel 2015.
Gli interessati possono scegliere tra l'invio telematico (Docte 2.0) e la presentazione al competente ufficio provinciale-Territorio dell'Agenzia delle Entrate tramite apposito modello. Per i terreni dati in affitto per uso agricolo, può provvedervi anche l'affittuario.

I redditi in questione si distinguono in: dominicale (quello che deriva dalla proprietà del fondo) e agrario (quello che proviene dall'esercizio dell'attività agricola). La determinazione del reddito dominicale avviene secondo le tariffe d'estimo, elaborate a livello locale in funzione della qualità e della classe della coltura applicata al terreno.
Tali tariffe d'estimo possono variare qualora sopraggiungano esigenze particolari e, in ogni caso, ogni dieci anni.

Le variazioni del reddito dominicale possono essere in aumento o in diminuzione a seconda se la qualità di coltura registrata in catasto viene sostituita con altra di maggiore o minore rendimento. Inoltre, il reddito può calare anche se avviene una diminuzione della capacità produttiva del terreno per naturale esaurimento o per altra causa di forza maggiore, anche senza cambiamento di coltura, cioè per eventi fitopatologici o entomologici interessanti le piantagioni (articolo 29 del Tuir).

Motivo ed effetti della comunicazione
La variazione, in aumento o in diminuzione, del reddito dominicale e agrario comporta la conseguente revisione del classamento dei terreni.
Le variazioni in aumento devono essere denunciate entro il 31 gennaio (termine che, quest'anno, slitta di un giorno perché cade di domenica) dell'anno successivo a quello della variazione e hanno effetto da tale anno.
Le variazioni in diminuzione, se denunciate entro il 31 gennaio dell'anno successivo, hanno effetto dall'anno della modifica; se invece la denuncia è presentata successivamente, hanno effetto dall'anno in cui la stessa è stata presentata.
Per l'omessa denuncia delle situazioni che danno luogo a variazione in aumento dei redditi dominicale e agrario dei terreni, è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa da 250 a 2mila euro.

Ricordiamo, infine, che sono esonerati dall'adempimento coloro che, per richiedere i contributi agricoli comunitari, hanno correttamente dichiarato all'Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) l'uso del terreno (vedi "Variazioni colturali anno 2015, la lista dei comuni in Gazzetta").
 
Rosa Colucci
pubblicato Mercoledì 27 Gennaio 2016

I più letti

Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Il meccanismo di ripartizione per quote, predeterminate in base a un accordo interno al gruppo, non permette di verificare – in termini quantitativi – il rapporto costi e benefici
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
L’esame delle modifiche, entrate in vigore dal 1° luglio 2017, prende avvio dall'estensione del perimetro di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti
Il meccanismo della scissione dei pagamenti viene esteso alle società controllate dalla pubblica amministrazione con l’obiettivo di rafforzare la sua finalità di contrasto all’evasione da riscossione
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino