Attualità
Redditi dominicali e agrari variati:
è il momento della dichiarazione
Per l'omessa denuncia delle situazioni che hanno dato luogo a incrementi, è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa, da un minimo di 250 a un massimo di 2mila euro
immagine di campi coltivati
Lunedì 1° febbraio è l'ultimo giorno utile per presentare la denuncia annuale delle variazioni dei redditi fondiari dei terreni, verificatesi nel 2015.
Gli interessati possono scegliere tra l'invio telematico (Docte 2.0) e la presentazione al competente ufficio provinciale-Territorio dell'Agenzia delle Entrate tramite apposito modello. Per i terreni dati in affitto per uso agricolo, può provvedervi anche l'affittuario.

I redditi in questione si distinguono in: dominicale (quello che deriva dalla proprietà del fondo) e agrario (quello che proviene dall'esercizio dell'attività agricola). La determinazione del reddito dominicale avviene secondo le tariffe d'estimo, elaborate a livello locale in funzione della qualità e della classe della coltura applicata al terreno.
Tali tariffe d'estimo possono variare qualora sopraggiungano esigenze particolari e, in ogni caso, ogni dieci anni.

Le variazioni del reddito dominicale possono essere in aumento o in diminuzione a seconda se la qualità di coltura registrata in catasto viene sostituita con altra di maggiore o minore rendimento. Inoltre, il reddito può calare anche se avviene una diminuzione della capacità produttiva del terreno per naturale esaurimento o per altra causa di forza maggiore, anche senza cambiamento di coltura, cioè per eventi fitopatologici o entomologici interessanti le piantagioni (articolo 29 del Tuir).

Motivo ed effetti della comunicazione
La variazione, in aumento o in diminuzione, del reddito dominicale e agrario comporta la conseguente revisione del classamento dei terreni.
Le variazioni in aumento devono essere denunciate entro il 31 gennaio (termine che, quest'anno, slitta di un giorno perché cade di domenica) dell'anno successivo a quello della variazione e hanno effetto da tale anno.
Le variazioni in diminuzione, se denunciate entro il 31 gennaio dell'anno successivo, hanno effetto dall'anno della modifica; se invece la denuncia è presentata successivamente, hanno effetto dall'anno in cui la stessa è stata presentata.
Per l'omessa denuncia delle situazioni che danno luogo a variazione in aumento dei redditi dominicale e agrario dei terreni, è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa da 250 a 2mila euro.

Ricordiamo, infine, che sono esonerati dall'adempimento coloro che, per richiedere i contributi agricoli comunitari, hanno correttamente dichiarato all'Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) l'uso del terreno (vedi "Variazioni colturali anno 2015, la lista dei comuni in Gazzetta").
 
Rosa Colucci
pubblicato Mercoledì 27 Gennaio 2016

I più letti

Finita l’attesa, al via la nuova modalità. La documentazione presentata sarà visionabile nel “Cassetto fiscale” di dichiarante, coeredi e chiamati. Canale obbligatorio dal 2018
In presenza di immobili o diritti reali immobiliari, prima di presentare la denuncia, bisogna versare le imposte ipocatastali e di bollo, nonché la tassa ipotecaria e i tributi speciali
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Aumentano le possibilità di utilizzo del servizio gratuito a disposizione dei contribuenti per la generazione, trasmissione e conservazione di documenti contabili elettronici
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Finita l’attesa, al via la nuova modalità. La documentazione presentata sarà visionabile nel “Cassetto fiscale” di dichiarante, coeredi e chiamati. Canale obbligatorio dal 2018
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino