Attualità
Regime adempimento collaborativo:
i primi provvedimenti di ammissione
L’istituto mira a rafforzare il rapporto di fiducia tra Fisco e imprese, prevedendo un confronto costante e preventivo per aumentare il livello di certezza su questioni rilevanti
Regime adempimento collaborativo: |i primi provvedimenti di ammissione
Conclusa la fase di verifica dei requisiti da parte della direzione centrale Accertamento, arrivano i primi provvedimenti di ammissione, che danno il via concretamente alla cooperative compliance.
A inaugurare la lista degli ammessi al regime di adempimento collaborativo (articoli 3-7, Dlgs 128/2015), sono la Ferrero Spa e altre società del gruppo (l’elenco completo è sul sito dell’Agenzia delle Entrate).
 
Con l’entrata a regime della cooperative compliance, il nostro sistema tributario si allinea agli orientamenti prevalenti a livello internazionale. L’obiettivo dell’istituto è instaurare un rapporto di fiducia tra amministrazione e contribuente, aumentando il livello di certezza sulle questioni fiscali rilevanti. In particolare, è previsto un confronto costante e preventivo su elementi di fatto, finalizzato a una comune valutazione delle situazioni suscettibili di generare rischi fiscali.
La gestione, nella prima fase di applicazione, è affidata all’ufficio Cooperative compliance, appositamente istituito all’interno della direzione centrale Accertamento.
 
I requisiti di accesso
La cooperative compliance prevede l’accesso volontario riservato a coloro, residenti e non residenti, che realizzano un volume di affari o di ricavi non inferiore a dieci miliardi di euro ovvero, se hanno partecipato al “Progetto pilota” avviato nel 2013, non inferiore a un miliardo di euro.
Inoltre, a prescindere dal volume di affari o di ricavi, sono ammesse anche le società che intendono dare esecuzione alla risposta dell’Agenzia delle Entrate, fornita a seguito di istanza di interpello sui nuovi investimenti.
Verificata la presenza dei requisiti soggettivi, i contribuenti che vogliono aderire al regime “collaborativo” devono dimostrare di possedere un efficace sistema di controllo del rischio fiscale, inserito nel contesto del sistema di governo aziendale e controllo interno.
 
Verificati i requisiti, arrivano i provvedimenti
La società del gruppo Ferrero hanno ricevuto il “benestare” tramite provvedimenti di ammissione del direttore centrale Accertamento, emessi negli ultimi giorni dello scorso mese di dicembre, dopo la conclusione dell’iter di verifica dei requisiti di legge.
A tal fine, è stata riscontrata la coerenza del sistema di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale del gruppo con i “requisiti essenziali” del Tax Control Framework previsti dalle norme, dal provvedimento 14 aprile 2016 (vedi “Regime adempimento collaborativo: grandi e grandissimi vi entrano così”) e dai documenti Ocse in materia.
 
È solo l’inizio, presto il regime di adempimento collaborativo aprirà le porte ad altri rilevanti esponenti del panorama economico italiano; in particolare, al momento, l’amministrazione sta valutando le istanze di ammissione presentate da importanti multinazionali.
r.fo.
pubblicato Giovedì 5 Gennaio 2017

I più letti

Il primo agevola la predisposizione e l’invio del documento elettronico, il secondo consente l’acquisizione automatica dei dati Iva dei clienti tramite un codice a barre
È sempre più fitto il calendario degli incontri informativi-formativi organizzati per esaminare, in un’ottica di collaborazione reciproca, gli adempimenti da attuare e le procedure da seguire
L’alloggio acquistato dal consorte con i benefici è, civilisticamente, di entrambi i coniugi, ma per l’agevolazione fiscale è necessario che tutti e due possiedano i requisiti di legge
immagine generica con una lampadina e delle monete
Il crowdfunding (raccolta fondi per un progetto specifico, mediante un invito pubblico) rientra nel settore del Fintech, ossia delle innovazioni tecnologiche applicate ai servizi finanziari
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il primo agevola la predisposizione e l’invio del documento elettronico, il secondo consente l’acquisizione automatica dei dati Iva dei clienti tramite un codice a barre
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
L’incarico può essere attribuito esclusivamente ai soggetti deputati alla trasmissione delle dichiarazioni (tra gli altri, commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, Caf)
È sempre più fitto il calendario degli incontri informativi-formativi organizzati per esaminare, in un’ottica di collaborazione reciproca, gli adempimenti da attuare e le procedure da seguire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino