Attualità
In Rete un “tris” di modelli Iva.
Parlano tedesco, inglese e sloveno
L’Agenzia delle Entrate, come ogni anno, ha reso disponibili le versioni tradotte per agevolare i contribuenti nell’assolvimento degli adempimenti dichiarativi
tris
Il sito dell’Agenzia delle Entrate, da oggi, si arricchisce di versioni internazionali con le istruzioni per il modello di comunicazione dati Iva 2016 redatte nelle tre lingue, inglese, tedesco e sloveno: i modelli di Iva base 2016 in versione bilingue italiano/tedesco e italiano/sloveno e Iva 74/bis, diponibile anche in inglese, con le relative istruzioni nelle lingue straniere di destinazione. In questo modo l’Amministrazione va incontro alle diverse esigenze linguistiche dei contribuenti per agevolarli nell’assolvimento degli adempimenti dichiarativi.
 
Per quanto riguarda il modello di comunicazione dati Iva, secondo la normativa vigente questo è l’ultimo anno dell’adempimento in quanto dal 2017 entro il mese di febbraio andrà direttamente presentata la dichiarazione Iva annuale.
 
Riepilogando, sono in Rete:

Annual communication of Vat data - Instructions for completion
Jahresmitteilung für Mehrwertsteuerangaben - Anleitung zur abfassung
Letna prijava podatkov Ddv - Navodila za izpolnitev
Vordruck Mwst.- base 2016 - Anleitungen für die abfassung
Obrazec Ddv base 2016 - Navodila za izpolnjevanje
Vordruck MwSt. 74-bis - Anweisungen für die Ausfüllung der MwSt.-Vordruck 74-bis Erklärung
Obrazec Ddv 74-bis - Navodila za izpolnjevanje napovedi v Obrazcu Ddv 74-bis
Vat 74-bis Form - Instructions for the compilation of Vat74-bis Form

 
 
r.fo.
pubblicato Giovedì 10 Marzo 2016

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino