Attualità
Ritornano le "ganasce fiscali"
In attesa del nuovo regolamento, riattivato il fermo amministrativo con le norme del vecchio Dm 503/98
_534.jpg

L'articolo 3, comma 41, del decreto legge collegato alla manovra finanziaria per il 2006 - Dl n. 203/2005, convertito in legge il 30 novembre scorso - fornisce la possibilità ai concessionari di utilizzare lo strumento del fermo amministrativo di cui all'articolo 86 del Dpr n. 602/1973, pur in mancanza del regolamento attuativo richiesto dal comma 4 del medesimo articolo. A tal fine, specifica il richiamato comma 41, il concessionario dovrà rispettare quanto previsto dal decreto del ministero delle Finanze n. 503 del 7 settembre 1998 in materia di iscrizione, cancellazione e effetti dello strumento in questione; ciò fino all'emanazione del decreto previsto dal comma 4 dell'articolo 86, Dpr n. 602/1973.

La disposizione - che si accompagna ad altre norme che incidono significativamente sul sistema di riscossione delle imposte - interviene a risolvere il problema relativo all'insufficiente chiarezza normativa sull'argomento, che aveva indotto l'Agenzia delle Entrate, vista l'assenza di un decreto che disciplinasse nel dettaglio la procedura da seguire ai fini dell'adozione di tale strumento, a ordinare alle aziende concessionarie della riscossione dei tributi di sospendere l'adozione della misura cautelare in commento.

In termini operativi, decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento, il concessionario può, pertanto, disporre, direttamente e senza alcuna preventiva autorizzazione, il fermo amministrativo sui veicoli a motore del contribuente moroso; e ciò nel rispetto del regolamento contenuto nel decreto ministeriale n. 503/1998, relativamente alle disposizioni che riguardano l'iscrizione, la cancellazione e gli effetti del fermo amministrativo.

Con riferimento al primo aspetto, il decreto in commento dispone che il concessionario esegue il fermo mediante iscrizione, anche in via telematica o mediante scambio di supporti magnetici, nel Pra, dandone comunicazione al contribuente con le modalità di cui all'articolo 26, comma 1, del Dpr n. 602/1973, ovvero seguendo le disposizioni previste in tema di notifica della cartella di pagamento. La comunicazione di avvenuta iscrizione del fermo amministrativo va, inoltre, effettuata, per effetto di quanto disposto dall'articolo 86, comma 1, del Dpr n. 602/1973, in favore della direzione regionale delle Entrate territorialmente competente e della regione di residenza del debitore.

La prassi operativa sviluppatasi nel periodo in cui lo strumento in questione è stato utilizzato vuole che i concessionari, decorsi sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento, comunichino ai contribuenti morosi che, in mancanza del pagamento degli importi dovuti entro venti giorni, verrà disposto il fermo sul veicolo; ciò per effetto di una nota dell'Agenzia delle Entrate del 9 aprile 2003, con la quale l'Amministrazione finanziaria - nell'ottica di migliorare i rapporti tra fisco e contribuenti - ha invitato le società di riscossione a procedere operativamente nel senso descritto.

Al fine di facilitare l'accesso e la fruizione dei dati contenuti nei pubblici registri automobilistici, nel richiamato decreto legge n. 203/2005, articolo 3, è stato inserito il comma 41-bis, il quale dispone che le forniture dei dati risultanti dai Pra, anche se eseguita mediante supporto informatico o attraverso collegamento telematico, è gratuita quando effettuata in favore, tra gli altri, delle Agenzie fiscali e, limitatamente ai casi in cui l'erogazione si renda necessaria ai fini dello svolgimento dell'attività affidata in concessione, dei concessionari del servizio nazionale della riscossione delle imposte.

Quanto agli effetti derivanti dall'esecuzione del fermo amministrativo, il principale è rappresentato dal divieto di circolazione del veicolo sottoposto a tale misura restrittiva. Chiunque circoli con un veicolo sul quale è stato disposto il fermo è soggetto alla sanzione prevista dall'articolo 214, comma 8, del Dlgs n. 285/1992 (Codice della strada), che prevede l'applicazione di una sanzione amministrativa che varia da 656,25 euro a 2.628,15 euro, nonché l'applicazione della sanzione accessoria rappresentata dalla confisca del veicolo.

In materia di revoca e cancellazione del fermo, il decreto ministeriale n. 503/98 stabilisce che, a seguito dell'integrale pagamento da parte del debitore delle somme dovute, il concessionario dispone il provvedimento di revoca, esibendo il quale, il contribuente può ottenere la cancellazione dal Pra della misura restrittiva gravante sul proprio veicolo.

Manuela Norcia
pubblicato Lunedì 12 Dicembre 2005

I più letti

fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
Confermate, in pratica, per gli ulteriori soggetti tenuti all’adempimento, i criteri stabiliti per quelli già coinvolti. Le informazioni dovranno arrivare entro il 31 gennaio 2017
Considerata la presenza di un procedimento di opposizione ancora pendente, andrà tempestivamente segnalato alle Entrate qualsiasi evento che possa causare la mancata registrazione
immagine di mani che allargano elastici
L'abrogazione dell'obbligo della separata indicazione in dichiarazione dei componenti negativi di reddito cancella anche la relativa sanzione, ma solo dal 2016, senza retroattività
Il diritto alla detrazione Iva non proviene dal solo pagamento dell’imposta formalmente indicata in fattura, né il fatto può assumere valenza probatoria
fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
scontrino bancomat
La certificazione di invalidità totale o handicap grave da parte di una commissione medica pubblica è il presupposto per poter dedurre gli importi sostenuti per medicine e cure
immagine di mani che allargano elastici
L'abrogazione dell'obbligo della separata indicazione in dichiarazione dei componenti negativi di reddito cancella anche la relativa sanzione, ma solo dal 2016, senza retroattività
Confermate, in pratica, per gli ulteriori soggetti tenuti all’adempimento, i criteri stabiliti per quelli già coinvolti. Le informazioni dovranno arrivare entro il 31 gennaio 2017
Non basta una motivazione generica della sentenza, basata sul fatto che gli elementi “non appaiono, in modo univoco, sintomatici e indicativi di autonoma organizzazione”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Prosegue l’impegno dell’Agenzia per migliorare il dialogo e la collaborazione con i cittadini: disponibile in Rete un’applicazione per quantificare correttamente sanzione e interessi
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino