Attualità
Rivalutazione Tfr: entro martedì 16
c'è da saldare l'imposta sostitutiva
Il versamento va effettuato, al netto di quanto anticipato a dicembre in acconto, con il codice tributo 1713
Rivalutazione Tfr: entro martedì 16| c'è da saldare l'imposta sostitutiva
Scadenza in vista per i sostituti d'imposta. Martedì 16 febbraio è l'ultimo giorno per versare, senza sanzioni, l'imposta sostitutiva dell'11% dovuta sulle rivalutazioni 2009 dei trattamenti di fine rapporto accantonati a tutto il 31 dicembre 2008. Dall'importo complessivo va scalato l'acconto pagato lo scorso mese di dicembre. Il versamento dell'imposta, infatti, deve avvenire in due momenti: il 16 dicembre in acconto e il 16 febbraio dell'anno successivo a titolo di saldo.

E' l'articolo 2120 del codice civile a disciplinare il trattamento di fine rapporto: il fondo Tfr accantonato al 31 dicembre di ogni anno (escluso le quote maturate nell'anno stesso) deve essere rivalutato sulla base di un coefficiente composto da un tasso fisso dell'1,50% e da uno variabile pari al 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), accertato dall'Istat, rispetto al mese di dicembre dell'anno precedente.
La rivalutazione si effettua alla fine di ciascuno anno o al momento della cessazione del rapporto di
lavoro; in quest'ultimo caso, l'indice Istat è quello risultante nel mese in cui è avvenuta la cessazione del rapporto di lavoro.

La disciplina tributaria del trattamento di fine rapporto è invece dettata dall'articolo 11 del decreto legislativo 47/2000 che fissa, tra l'altro, le modalità per determinare e versare l'acconto di dicembre e il saldo di febbraio.
In particolare, l'acconto - che deve essere versato, con il codice tributo 1712, entro il 16 dicembre di ogni anno - può essere calcolato o con il metodo storico o con quello previsionale.
Nel primo caso, si applica la percentuale del 90% alle rivalutazioni maturate nell'anno solare precedente, tenendo conto anche di quelle relative ai Tfr erogati nel corso dello stesso anno.
Con il metodo previsionale, invece, l'acconto viene calcolato, presuntivamente, nella misura pari al 90% delle rivalutazioni che maturano nello stesso anno per il quale l'acconto è dovuto.
Il saldo viene calcolato applicando l'aliquota dell'11% sulle rivalutazioni del Tfr determinatesi nell'anno e deve essere versato, con codice tributo 1713, entro il 16 febbraio dell'anno successivo, al netto di quanto già versato a titolo di acconto.

Per il versamento dell'imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del Tfr è ammesso l'istituto della compensazione, nel modello F24, con eventuali crediti maturati.
Se esistente, è possibile utilizzare anche il credito derivante dall'anticipo d'imposta sui trattamenti di fine rapporto (articolo 3, comma 213, legge 662/1996), per il quale va indicato il codice tributo 1250.
r.fo.
pubblicato Lunedì 15 Febbraio 2010

I più letti

testo alternativo per immagine
Il mancato rinnovo di adesione al servizio da parte degli intermediari comporterà la decadenza, a partire dal prossimo 1 novembre, delle deleghe già conferite dai clienti
testo alternativo per immagine
Vicario del direttore il primo, numero uno di Audit e sicurezza il secondo, entrambi lasciano l’Amministrazione finanziaria fra i saluti e i ringraziamenti di tutto il personale
detective
È il risultato di una complessa attività di indagine svolta dalle Entrate in collaborazione con la procura della Repubblica Milano e la Polizia tributaria della stessa città
testo alternativo per immagine
Ciò che conta sono gli effetti giuridici, i quali sono considerati rilevanti in sé, in quanto costitutivi, traslativi, dichiarativi, prescindendo dai contratti che li producono
testo alternativo per immagine
La tassa governativa è dovuta con riferimento al numero dei mesi considerati in ciascuna bolletta, in misura fissa mensile, diversa in base al tipo di utenza, residenziale o affari
testo alternativo per immagine
Il mancato rinnovo di adesione al servizio da parte degli intermediari comporterà la decadenza, a partire dal prossimo 1 novembre, delle deleghe già conferite dai clienti
testo alternativo per immagine
Il patrimonio informativo dell’Agenzia, finora utilizzato soprattutto per finalità di controllo, sarà impiegato, per la prima volta, per fornire un reale servizio ai cittadini
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
testo alternativo per immagine
Ciò che conta sono gli effetti giuridici, i quali sono considerati rilevanti in sé, in quanto costitutivi, traslativi, dichiarativi, prescindendo dai contratti che li producono
testo alternativo per immagine
Vicario del direttore il primo, numero uno di Audit e sicurezza il secondo, entrambi lasciano l’Amministrazione finanziaria fra i saluti e i ringraziamenti di tutto il personale
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap