Attualità
Rivalutazione Tfr: entro martedì 16
c'è da saldare l'imposta sostitutiva
Il versamento va effettuato, al netto di quanto anticipato a dicembre in acconto, con il codice tributo 1713
Rivalutazione Tfr: entro martedì 16| c'è da saldare l'imposta sostitutiva
Scadenza in vista per i sostituti d'imposta. Martedì 16 febbraio è l'ultimo giorno per versare, senza sanzioni, l'imposta sostitutiva dell'11% dovuta sulle rivalutazioni 2009 dei trattamenti di fine rapporto accantonati a tutto il 31 dicembre 2008. Dall'importo complessivo va scalato l'acconto pagato lo scorso mese di dicembre. Il versamento dell'imposta, infatti, deve avvenire in due momenti: il 16 dicembre in acconto e il 16 febbraio dell'anno successivo a titolo di saldo.

E' l'articolo 2120 del codice civile a disciplinare il trattamento di fine rapporto: il fondo Tfr accantonato al 31 dicembre di ogni anno (escluso le quote maturate nell'anno stesso) deve essere rivalutato sulla base di un coefficiente composto da un tasso fisso dell'1,50% e da uno variabile pari al 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), accertato dall'Istat, rispetto al mese di dicembre dell'anno precedente.
La rivalutazione si effettua alla fine di ciascuno anno o al momento della cessazione del rapporto di
lavoro; in quest'ultimo caso, l'indice Istat è quello risultante nel mese in cui è avvenuta la cessazione del rapporto di lavoro.

La disciplina tributaria del trattamento di fine rapporto è invece dettata dall'articolo 11 del decreto legislativo 47/2000 che fissa, tra l'altro, le modalità per determinare e versare l'acconto di dicembre e il saldo di febbraio.
In particolare, l'acconto - che deve essere versato, con il codice tributo 1712, entro il 16 dicembre di ogni anno - può essere calcolato o con il metodo storico o con quello previsionale.
Nel primo caso, si applica la percentuale del 90% alle rivalutazioni maturate nell'anno solare precedente, tenendo conto anche di quelle relative ai Tfr erogati nel corso dello stesso anno.
Con il metodo previsionale, invece, l'acconto viene calcolato, presuntivamente, nella misura pari al 90% delle rivalutazioni che maturano nello stesso anno per il quale l'acconto è dovuto.
Il saldo viene calcolato applicando l'aliquota dell'11% sulle rivalutazioni del Tfr determinatesi nell'anno e deve essere versato, con codice tributo 1713, entro il 16 febbraio dell'anno successivo, al netto di quanto già versato a titolo di acconto.

Per il versamento dell'imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del Tfr è ammesso l'istituto della compensazione, nel modello F24, con eventuali crediti maturati.
Se esistente, è possibile utilizzare anche il credito derivante dall'anticipo d'imposta sui trattamenti di fine rapporto (articolo 3, comma 213, legge 662/1996), per il quale va indicato il codice tributo 1250.
r.fo.
pubblicato Lunedì 15 Febbraio 2010

I più letti

Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Il modello può essere utilizzato dai contribuenti che vogliono cimentarsi a fare la dichiarazione dei redditi senza avvalersi della precompilata, comunque sfruttando il computer
Disponibile sia sul sito delle Entrate che su quello della Rai, va trasmesso anche quando c’è da comunicare il venir meno della condizione di esenzione legata all’incarico ricoperto
I soggetti passivi trasferiscono sui clienti l'Iva sulle operazioni attive, mentre recuperano l'imposta sulle operazioni passive (acquisti effettuati) scalandola da quella dovuta
In quel tipo di strutture, per le Sezioni unite della Cassazione, è insita la sussistenza dei parametri che configurano l’autonoma organizzazione: non è ammessa dimostrazione contraria
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Un vademecum dell’Agenzia per illustrare le misure del Dlgs 159/2015 in tema di pagamento delle somme dovute a seguito di comunicazione degli esiti o in base agli istituti definitori
I soggetti passivi trasferiscono sui clienti l'Iva sulle operazioni attive, mentre recuperano l'imposta sulle operazioni passive (acquisti effettuati) scalandola da quella dovuta
Le associazioni, per mantenere il regime agevolativo loro riconosciuto, devono, in ogni caso, avere una documentazione attendibile che non lasci dubbi su uscite e movimenti bancari
Pubblicata, sull’apposita pagina web dell’Agenzia, una nuova selezione di quesiti ricorrenti da risolvere prima del debutto, nella bolletta della luce, dell’abbonamento alla televisione
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea
In via telematica o tramite raccomandata, deve essere inviato all’Agenzia delle Entrate per superare la presunzione di detenzione dell’apparecchio tv introdotta dalla stabilità 2016
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Il provvedimento con le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato è formato da un solo articolo, con 999 commi. Tante le novità in ambito tributario
L’opportunità riguarda chi è decaduto dal beneficio del pagamento dilazionato delle somme dovute a seguito di definizione dell’avviso di accertamento per adesione o acquiescenza