Attualità
Rivalutazione Tfr: entro martedì 16
c'è da saldare l'imposta sostitutiva
Il versamento va effettuato, al netto di quanto anticipato a dicembre in acconto, con il codice tributo 1713
Rivalutazione Tfr: entro martedì 16| c'è da saldare l'imposta sostitutiva
Scadenza in vista per i sostituti d'imposta. Martedì 16 febbraio è l'ultimo giorno per versare, senza sanzioni, l'imposta sostitutiva dell'11% dovuta sulle rivalutazioni 2009 dei trattamenti di fine rapporto accantonati a tutto il 31 dicembre 2008. Dall'importo complessivo va scalato l'acconto pagato lo scorso mese di dicembre. Il versamento dell'imposta, infatti, deve avvenire in due momenti: il 16 dicembre in acconto e il 16 febbraio dell'anno successivo a titolo di saldo.

E' l'articolo 2120 del codice civile a disciplinare il trattamento di fine rapporto: il fondo Tfr accantonato al 31 dicembre di ogni anno (escluso le quote maturate nell'anno stesso) deve essere rivalutato sulla base di un coefficiente composto da un tasso fisso dell'1,50% e da uno variabile pari al 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), accertato dall'Istat, rispetto al mese di dicembre dell'anno precedente.
La rivalutazione si effettua alla fine di ciascuno anno o al momento della cessazione del rapporto di
lavoro; in quest'ultimo caso, l'indice Istat è quello risultante nel mese in cui è avvenuta la cessazione del rapporto di lavoro.

La disciplina tributaria del trattamento di fine rapporto è invece dettata dall'articolo 11 del decreto legislativo 47/2000 che fissa, tra l'altro, le modalità per determinare e versare l'acconto di dicembre e il saldo di febbraio.
In particolare, l'acconto - che deve essere versato, con il codice tributo 1712, entro il 16 dicembre di ogni anno - può essere calcolato o con il metodo storico o con quello previsionale.
Nel primo caso, si applica la percentuale del 90% alle rivalutazioni maturate nell'anno solare precedente, tenendo conto anche di quelle relative ai Tfr erogati nel corso dello stesso anno.
Con il metodo previsionale, invece, l'acconto viene calcolato, presuntivamente, nella misura pari al 90% delle rivalutazioni che maturano nello stesso anno per il quale l'acconto è dovuto.
Il saldo viene calcolato applicando l'aliquota dell'11% sulle rivalutazioni del Tfr determinatesi nell'anno e deve essere versato, con codice tributo 1713, entro il 16 febbraio dell'anno successivo, al netto di quanto già versato a titolo di acconto.

Per il versamento dell'imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del Tfr è ammesso l'istituto della compensazione, nel modello F24, con eventuali crediti maturati.
Se esistente, è possibile utilizzare anche il credito derivante dall'anticipo d'imposta sui trattamenti di fine rapporto (articolo 3, comma 213, legge 662/1996), per il quale va indicato il codice tributo 1250.
r.fo.
pubblicato Lunedì 15 Febbraio 2010

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino