Attualità
Rottamazione senza pin e password
e con “ContiTu” si può scegliere
Due servizi a portata di click che consentono di avere tutte le informazioni necessarie per effettuare il primo pagamento della sanatoria previsto per il prossimo 31 luglio
Rottamazione senza pin e password|e con “ContiTu” si può scegliere
I contribuenti, da oggi, possono richiedere la copia online della risposta all’istanza di rottamazione delle cartelle esattoriali anche attraverso l’area pubblica del sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, senza bisogno di pin e password quindi. La “Comunicazione delle somme dovute” è, comunque, già disponibile, dallo scorso 16 giugno, nell’area riservata del portale. La novità in un comunicato del nuovo ente di riscossione.
 
La procedura che passa dall’area pubblica è semplice e veloce: basta compilare il “Form richiesta comunicazione” inserendo il proprio codice fiscale, allegare la documentazione necessaria al riconoscimento e l’indirizzo e-mail dove si desidera ricevere la comunicazione.
Si tratta di un’ulteriore facilitazione che consente ai contribuenti di avere a disposizione tutte le notizie utili per effettuare il primo pagamento della definizione agevolata la cui scadenza è fissata per il prossimo 31 luglio.
 
La lettera, che informa sull’accoglimento o sull’eventuale rigetto della definizione agevolata, contiene i bollettini di pagamento in base alle rate scelte (da 1 a 5), il modulo per l’addebito in conto corrente delle somme da versare e lo schema dettagliato della situazione debitoria.
 
Esistono cinque tipi di comunicazione per cinque diverse risposte:
AT – accoglimento totale
AP – accoglimento parziale
AD – per coloro che non devono pagare nulla
AX – per quei contribuenti che hanno debiti “rottamabili” e non devono pagare nulla, mentre hanno un debito residuo da pagare per debiti non “rottamabili”
RI – rigetto.
 
Con un altro comunicato, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione, lancia il nuovo servizio “ContiTu”, attraverso il quale, da lunedì 10 luglio, il contribuente può scegliere di “rottamare” solo alcune delle cartelle e degli avvisi elencati nella comunicazione inviatagli entro il 15 giugno 2017. In sostanza, chi ha indicato più tipologie di debiti può decidere on line quali effettivamente pagare con la procedura agevolata, mantenendo intatto il piano rate prescelto in origine, e la piattaforma genererà il nuovo totale da pagare e i relativi codici Rav per saldare.
r.fo.
pubblicato Venerdì 7 Luglio 2017

I più letti

Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Il decreto legislativo 117/2017 dedica particolare attenzione al tema dei controlli (anche fiscali), ripartendo le relative competenze tra le diverse amministrazioni pubbliche coinvolte
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino