Attualità
In scadenza "Intrastat" mensile:
entro il 25 l'invio degli elenchi
Va trasmesso il riepilogo di cessioni e/o acquisti di beni e le prestazioni di servizi rese o ricevute a luglio
In scadenza "Intrastat" mensile:| entro il 25 l'invio degli elenchi
Ancora due giorni di tempo per gli operatori intracomunitari che devono assolvere l'obbligo di invio degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti di beni e dei servizi resi e ricevuti nel mese di luglio.
È il 25 agosto la data da ricordare per tutti coloro, imprese e professionisti, che abbiano avuto scambi commerciali con altri Paesi europei. Questo volta l'inoltro telematico all'Agenzia delle Dogane degli elenchi Intrastat riguarda gli operatori con obbligo mensile.

È, però, utile ricordare che l'obbligo di invio del modello mensile "scatta" anche per coloro che, finora si sono avvalsi dell'inoltro trimestrale e che, nel corso del mese di luglio 2010, hanno superato per la prima volta la soglia di 50mila euro. In questo caso, occorre indicare sul frontespizio di Intrastat il cambio di periodicità barrando la casella "primo mese del trimestre". Da questo momento il contribuente continuerà a presentare Intrastat mensile per almeno quattro trimestri consecutivi. Potrà tornare alla cadenza trimestrale solo se in quel periodo non supererà mai il limite prestabilito.

Chi deve presentare Intrastat
Per quanto riguarda le prestazioni di servizi, fa fede il principio dello stabilimento: non devono essere riportate negli elenchi le prestazioni di servizi rese o ricevute da soggetti passivi italiani che siano effettuate nei confronti di un soggetto stabilito in un Pese extracomunitario che non ha nel territorio Ue né la sede principale né una stabile organizzazione.

Per le cessioni e gli acquisti di beni è, invece, rilevante l'aspetto oggettivo dell'operazione: vanno, quindi, incluse negli elenchi tutte le operazioni che si effettuano all'interno della Unione europea, a prescindere dal fatto che uno dei contraenti sia un soggetto di un Paese terzo, purché sia identificato, ai fini Iva, nella Comunità.

Anche gli enti, le associazioni e altre organizzazioni che svolgono attività commerciali solo in via secondaria sono obbligati alla presentazione degli elenchi relativi agli acquisti di beni e di servizi. Nessuna dichiarazione, invece, per il soggetto passivo che non ha effettuato alcuna operazione nel periodo di riferimento.

Anche per acquisti e vendite effettuate in Internet vale l'obbligo degli Intrastat. Si tratta sia di software scaricati on line, che di acquisti e vendite di beni tramite e-bay.

La data della fattura fa "entrare" in Intrastat
Per stabilire se una fattura vada riportata nell'elenco di questo mese, fa fede la data in cui viene emessa. La normativa prevede, infatti, che negli elenchi Intrastat "sono riepilogati i dati delle operazioni registrate o soggette a registrazione", prescindendo quindi dal momento della registrazione delle fatture. Se, per esempio, un operatore ha emesso fattura il 31 luglio, al momento del pagamento, e ha provveduto alla sua registrazione il 10 agosto, la fattura va riportata nell'elenco di luglio.

Nessuna deroga per gli autotrasportatori
Proprio in virtù di quanto esposto finora anche il settore dell'autotrasporto viene assoggettato alla regola della data di emissione della fattura. Questo settore gode di una normativa "di vantaggio" che consente la registrazione delle fatture emesse entro il trimestre successivo e si è posto il problema di come agire in questo specifico settore dal momento che una fattura emessa, ad esempio, il 31 luglio può essere registrata nel quarto trimestre di quest'anno. I tecnici dell'Agenzia delle Entrate hanno ribadito, con la circolare 43/E del 6 agosto, che anche in questo caso gli adempimenti riguardanti i modelli riepilogativi sono legati al momento dell'emissione della fattura e non a quello della sua registrazione. Anche l'autotrasportatore dovrà, perciò, inserire la fattura nell'elenco da presentare entro il 25 agosto.

Lilia Chini
pubblicato Lunedì 23 Agosto 2010

I più letti

Finita l’attesa, al via la nuova modalità. La documentazione presentata sarà visionabile nel “Cassetto fiscale” di dichiarante, coeredi e chiamati. Canale obbligatorio dal 2018
In presenza di immobili o diritti reali immobiliari, prima di presentare la denuncia, bisogna versare le imposte ipocatastali e di bollo, nonché la tassa ipotecaria e i tributi speciali
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Aumentano le possibilità di utilizzo del servizio gratuito a disposizione dei contribuenti per la generazione, trasmissione e conservazione di documenti contabili elettronici
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Finita l’attesa, al via la nuova modalità. La documentazione presentata sarà visionabile nel “Cassetto fiscale” di dichiarante, coeredi e chiamati. Canale obbligatorio dal 2018
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino