Attualità
Sconti per l'acquisto di pc, circa 4 milioni i beneficiari
E, a presto, per gli studenti universitari "un computer a colazione"

E' in vigore dallo scorso 9 agosto il Dpcm, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 183 del giorno precedente, che da un lato proroga, dall'altro amplia la sfera dei beneficiari delle agevolazioni concesse per l'acquisto di personal computer, con l'obiettivo di accelerare sempre più lo sviluppo del sistema scolastico in particolare, del Paese in generale, puntando sulla capillare diffusione delle nuove tecnologie e favorendo, così, una più veloce circolazione di idee, progetti e informazioni.

In particolare, la proroga riguarda il personale docente, anche non di ruolo ma con incarico annuale, di ogni ordine e grado delle scuole pubbliche e delle università statali che già dallo scorso anno ha potuto usufruire di sconti e agevolazioni, di cui al decreto del ministro per l'Innovazione e le Tecnologie, di concerto con i ministri dell'Economia e dell'Istruzione, del 3 giugno 2004 ed estese al 2005 dall'ultima legge finanziaria.

L'ampliamento dei beneficiari è diretto, invece, a tutti i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche, compresi quelli non di ruolo ma con contratto a tempo determinato non inferiore a un anno e quindi, oltre agli insegnanti, anche i dirigenti, il personale amministrativo, i tecnici e gli ausiliari degli istituti di istruzione statali e non, delle scuole paritarie e delle università telematiche potranno comprare pc portatili con relativi software e collegamenti a Internet a prezzi ridotti del 10 o 15 per cento e con possibilità di rateizzazione. L'operazione durerà per un intero anno e, in base alla previsione del ministero per l'Innovazione e le Tecnologie, dovrebbe coinvolgere circa 4 milioni di persone.

Condizioni e modalità per accedere ai benefici sono semplici, in sintonia con le precedenti iniziative che hanno visto coinvolti i sedicenni e le famiglie a basso reddito. In questo caso, dopo aver scelto il computer tra quelli proposti dai venditori accreditati, anche quelli che operano esclusivamente in rete, sarà sufficiente esibire il proprio "cedolino" che, comunque, deve essere riferito a uno stipendio percepito negli ultimi tre mesi. Se non si è in possesso della meglio conosciuta "busta paga" è anche possibile presentare un apposito modulo contenente la descrizione delle competenze, scaricabile dal sito www.innovazione.gov.it, rilasciato dall'Amministrazione di appartenenza. E ancora, per gli acquisti on line, basta inviare al rivenditore l'una o l'altra attestazione sottoscritta e copia di un documento d'identità utilizzando la posta elettronica oppure il fax.

I rivenditori che partecipano all'iniziativa espongono il logo con la scritta "vai con Internet".

Ma il processo di modernizzazione del Paese attraverso la diffusione della cultura informatica, seppur a buon punto, non si esaurisce con questa iniziativa. E' previsto infatti, già a partire dal prossimo anno accademico (2005/2006), l'avvio di un nuovo progetto destinato agli studenti universitari. Si tratta di una idea dalla originale denominazione "Un c@ppucino per un pc" strutturata su due livelli.

Innanzitutto verrà creato un fondo di garanzia di 2,5 milioni di euro per il 2005, con la finalità di facilitare al massimo l'accesso al credito bancario da parte degli universitari, che potranno così acquistare, con una certa tranquillità economica, un pc portatile dotato di connessione Internet anche wi-fi. In pratica, gli studenti di circa 77 atenei statali italiani, potranno ottenere con facilità un prestito agevolato garantito dallo Stato e rimborsabile con una somma giornaliera che si avvicina al prezzo di un cappuccino (da qui la denominazione), vale a dire circa un euro. L'arco temporale di estinzione varierà da un minimo di 18 a un massimo di 24 mesi, naturalmente in relazione all'entità del prestito. La possibilità è concessa a tutti gli studenti.

Per quelli più meritevoli, in regola con l'iscrizione ed esentati dal pagamento di tasse e contributi universitari, ci sarà, invece, oltre all'opportunità appena descritta, un bonus governativo di 200 euro.

Paola Pullella Lucano
pubblicato Giovedì 18 Agosto 2005

I più letti

testo alternativo per immagine
Il patrimonio informativo dell’Agenzia, finora utilizzato soprattutto per finalità di controllo, sarà impiegato, per la prima volta, per fornire un reale servizio ai cittadini
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
immagine
Fornendo le coordinate bancarie si accorciano i tempi per la restituzione delle somme a credito che arrivano al beneficiario in maniera più celere e sicura. L’appello è via Pec
vignetta
Ribadito un principio fondamentale del sistema tributario: un costo, per essere “scalato”, deve essere debitamente documentato e proporzionato al tipo di attività svolta
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo