Normativa e prassi
Soggiorno libero ma non dal bollo
Scontano l'imposta gli attestati richiesti dai cittadini comunitari per la permanenza in Italia
immagine bollo
L'attestato di iscrizione anagrafica, rilasciato ai cittadini dell'Unione europea che intendono soggiornare per più di tre mesi in territorio italiano, e l'attestato di soggiorno permanente, rilasciato dopo cinque anni di soggiorno regolare e continuativo al cittadino comunitario, scontano l'imposta di bollo fin dall'origine in quanto atti rilasciati dalla pubblica amministrazione dietro richiesta dell'interessato. L'imposta si applica, fin dall'origine e nella misura di 14,62 euro, anche alle relative istanze, perché dirette agli uffici della pubblica amministrazione allo scopo di ottenere il rilascio dell'attestazione.

Questi, in sintesi, i chiarimenti forniti dalla risoluzione n. 279/E del 4 ottobre, con cui l'agenzia delle Entrate ha risposto a un'istanza di interpello presentata dal ministero dell'Interno. In particolare, il Viminale chiedeva di sapere se gli attestati di iscrizione anagrafica e di soggiorno permanente, rilasciati dal Comune ai cittadini comunitari, e le relative istanze sono soggetti all'imposta di bollo. Due le ipotesi prospettate dal Ministero:

 

  1. gli attestati in questione hanno natura meramente dichiarativa e non danno origine a un diritto, sarebbero dunque esenti dall'imposta di bollo; inoltre, il cittadino comunitario non è obbligato a dotarsi dell'attestato di soggiorno permanente
  2. essi devono essere considerati alla stessa stregua dei certificati rilasciati dalla pubblica amministrazione e non piuttosto assimilati alle carte di soggiorno che vengono rilasciate, a titolo gratuito, ai familiari dei cittadini dell'Unione (come previsto dagli articoli 10 e 17 del Dlgs 30/2007); da qui l'assoggettamento all'imposta.

Secondo i tecnici dell'Agenzia, l'attestato di iscrizione anagrafica e l'attestato di soggiorno permanente possono essere annoverati, per la loro natura, "tra gli atti e provvedimenti rilasciati dalla pubblica amministrazione dietro richiesta dell'interessato" e, di conseguenza, vanno assoggettati all'imposta di bollo, fin dall'origine e nella misura di 14,62 euro, come espressamente stabilito dal decreto che disciplina il tributo (Dpr 642/1972). Pertanto, prosegue la risoluzione, anche le relative istanze sono soggette all'imposta di bollo fin dall'origine, in quanto "dirette agli uffici e agli organi dell'amministrazione dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni, (…) tendenti ad ottenere l'emanazione di un provvedimento amministrativo o il rilascio di certificati, estratti, copie e simili".

Il fatto poi che il legislatore abbia previsto il rilascio gratuito della carta di soggiorno ai familiari non comunitari del cittadino europeo, non va letto come un'espressa previsione agevolativa in materia fiscale: il generico concetto di gratuità affermato nella norma è infatti finalizzato solo a non gravare il cittadino del costo del servizio che l'amministrazione sopporta per il rilascio dei documenti richiesti, e non vale a riconoscere l'esenzione ai fini dell'imposta di bollo. "Del resto - conclude la risoluzione - quando il legislatore ha voluto esentare atti o documenti da qualsiasi tributo lo ha espressamente previsto".

Chiara Ciranda
pubblicato Giovedì 4 Ottobre 2007

I più letti

testo alternativo per immagine
I contribuenti possono continuare a effettuare la trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate, relativa agli scambi commerciali, sulla base delle previgenti cadenze
disegno ape che guarda con lente un pagina con su libro scritto Isee
Mancano ormai pochi giorni all’entrata in vigore della normativa che, archiviando le precedenti regole, dà spazio alla diversificazione delle situazioni e delle prestazioni
testo alternativo per immagine
Entro le 14,50 del prossimo 31 dicembre le banche, gli uffici postali e gli agenti della riscossione devono procedere al trasferimento nelle casse statali delle somme riscosse
testo alternativo per immagine
Dovranno essere utilizzati, a partire dal nuovo anno, per determinare l’imponibile fiscale e previdenziale dei veicoli concessi a uso promiscuo a dipendenti e co.co.co.
testo alternativo per immagine
Il contribuente, per superare la presunzione legale relativa, deve adeguatamente dimostrare che le somme movimentate sono state impiegate per operazioni non imponibili
disegno ape che guarda con lente un pagina con su libro scritto Isee
Mancano ormai pochi giorni all’entrata in vigore della normativa che, archiviando le precedenti regole, dà spazio alla diversificazione delle situazioni e delle prestazioni
testo alternativo per immagine
I contribuenti possono continuare a effettuare la trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate, relativa agli scambi commerciali, sulla base delle previgenti cadenze
mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
In evidenza: meno informazioni negli elenchi riepilogativi Intrastat, operazioni black list da comunicare una sola volta all’anno, immediata l’iscrizione alla banca dati Vies
ciak
Tra le altre: niente dichiarazione di successione per eredità fino a 100mila euro, via la comunicazione per lavori energetici “pluriennali”, rimborsi Iva con meno vincoli
IMU
I proprietari delle aree non più esonerate dal pagamento dovranno versare l’imposta municipale propria, per il 2014, in un’unica soluzione, entro martedì 16 dicembre
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
A seconda della scelta effettuata dal contribuente (accettazione o modifica, in modo autonomo o delegando altri soggetti), è previsto un diverso iter dei controlli documentali