Attualità
Sostitutiva Tfr: è tempo di saldo.
Attenzione, scade il 17 febbraio
La data va annotata nell’agenda dei datori di lavoro che già a metà dicembre si sono trovati a “tu per tu” con l’acconto dell’imposta e ora devono chiudere il conto
testo alternativo per immagine
Un F24, il codice tributo 1713 e un semplice calcolo. Sono gli elementi di base che i datori di lavoro devono avere sotto mano per mettere il punto sulla tassazione delle somme relative alla rivalutazione dei trattamenti di fine rapporto, maturate al 31 dicembre 2013.
Dopo l’appuntamento con l’acconto di metà dicembre, è arrivata dunque l’ora del saldo dell’imposta sostitutiva dell’11% sulla rivalutazione del Tfr.
 
Prima di entrare nello specifico dell’adempimento, ricordiamo che il fondo Tfr “messo da parte” al 31 dicembre di ogni anno (escluse le quote maturate nell’anno stesso) deve essere, per legge, incrementato applicando un certo coefficiente costituito da un tasso fisso dell’1,5% e da uno variabile pari al 75% dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo, per le famiglie di operai e impiegati, accertato dall’Istat, rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente (articolo 2120 del codice civile).
È su questa quota di incremento che è, appunto, dovuta un’imposta sostitutiva pari all’11%, da versare in due tranche: acconto del 90% entro il 16 dicembre e saldo del restante 10% entro il 16 febbraio, termine che quest’anno, cadendo di domenica, è spostato al giorno successivo, cioè lunedì 17.
 
Quanto e come
Aritmeticamente parlando, il calcolo della seconda parte è molto facile, infatti, basta applicare l’aliquota della sostitutiva (l’11%) sulla rivalutazione 2013 e sottrarre, dall’importo ottenuto, quanto già versato a titolo d’acconto.
 
L’imposta sostitutiva si paga con il modello F24, che permette anche di compensare il debito fiscale con eventuali crediti, pure contributivi.
È anche possibile usufruire del credito che deriva dal prelievo anticipato sui trattamenti di fine rapporto (articolo 3 della legge n. 662/1996). Questo credito può essere utilizzato fino a compensazione dell’imposta sostitutiva dovuta e l’importo compensato non rileva per la determinazione del limite annuo massimo di compensazione.
Nella delega di pagamento, il saldo della sostitutiva si traduce nel codice tributo 1713, da riportare nella sezione “Erario”.
Paola Pullella Lucano
pubblicato Giovedì 13 Febbraio 2014

I più letti

immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
immagine di una mano con dito che spinge un pulsante
La legge di bilancio 2017 ha introdotto un meccanismo di detassazione indirizzato a canalizzare gli investimenti privati verso il finanziamento del sistema imprenditoriale italiano
Non è prevista alcuna deroga alle disposizioni che indicano specificamente nel pagamento il momento dal quale deve decorrere il tempo disponibile per la presentazione dell’istanza
Così delimitato l'ambito delle ragioni adducibili dall'ufficio nell’eventuale successiva fase contenziosa, il contribuente può esercitare il diritto di difesa
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Dalla nuova procedura di collaborazione rafforzata per le società non residenti all’introduzione degli indici di affidabilità fiscale: sono numerose le “new entry” in ambito tributario
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
Si applica il principio di onnicomprensività, secondo cui tutte le somme e i valori, a qualunque titolo percepiti durante il periodo d’imposta, costituiscono reddito imponibile
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino