Attualità
Squadra che vince non si cambia.
Intesa rinnovata tra Entrate e Figc
L’accordo, che resterà valido fino al 28 febbraio 2017, prevede uno scambio di informazioni fiscali per verificare la regolarità delle società sportive professionistiche
Squadra che vince non si cambia.|Intesa rinnovata tra Entrate e Figc
Le verifiche fiscali scendono in campo. Anche quest’anno la Federazione italiana giuoco calcio ha rinnovato l’intesa con l’Agenzia delle Entrate per permettere lo svolgimento del prossimo campionato all’insegna della regolarità e della trasparenza.
L’accordo è stato siglato dal direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi, e dal presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio e permetterà ai due enti lo scambio di informazioni necessario a garantire la regolarità e l’equilibrio finanziario delle società sportive professionistiche che parteciperanno alla prossima stagione calcistica 2016/2017.
 
Tutti i dettagli dell’accordo
In continuità con gli anni passati, la Figc ha chiesto all’Agenzia di avere a disposizione le informazioni relative agli adempimenti tributari delle società professionistiche di calcio, in modo da poter effettuare gli adeguati controlli in vista della stagione sportiva 2016/2017. Per questo, la Federazione invierà l’elenco nominativo delle società sportive professionistiche, completo di denominazione sociale e codice fiscale/partita Iva, alle Entrate che si attiveranno per fornire le informazioni richieste.
 
In particolare, l’Agenzia fornirà un riscontro:
  • sul pagamento dell’Iva relativa all’anno d’imposta 2015, risultante dalle dichiarazioni presentate entro il 31 marzo 2016
  • sulla presentazione delle dichiarazioni relative al periodo d’imposta chiuso al 31 dicembre 2014
  • sui pagamenti dell’Ires, dell’Irap, dell’Iva e delle ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente che risultano dalle dichiarazioni con periodo d’imposta chiuso al 31 dicembre 2014
  • sul pagamento rateale delle somme dovute a seguito della liquidazione delle imposte e delle ritenute relative a dichiarazioni con periodi d’imposta chiusi al 31 dicembre degli anni dal 2009 al 2014
  • sul pagamento, anche rateale, delle imposte e delle ritenute relative ad atti divenuti definitivi, con cartelle notificate entro il 30 aprile 2016.
 
Check-up a prova di privacy
Una volta effettuati i controlli, i dati saranno comunicati dall’Agenzia entro il mese di giugno. Le informazioni viaggeranno in sicurezza, protetti da password e nel rispetto della normativa vigente. Per garantire la certezza del trasferimento dei dati, la registrazione dell’evento avverrà su un apposito documento cartaceo, in doppia copia, con la data di avvenuta consegna e siglato dai responsabili della trasmissione e della ricezione, precedentemente individuati dai due enti. Inoltre, Entrate e Federcalcio si impegnano a rispettare i canoni della pertinenza e della non eccedenza del trattamento dei dati.
L’accordo resterà in vigore fino al 28 febbraio 2017 e potrà essere rinnovato per le stagioni sportive successive.
 
Fabio Brocceri
pubblicato Martedì 9 Febbraio 2016

I più letti

Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Il provvedimento interviene sul Dm del 27 giugno emanato a seguito delle novità normative della “manovrina”, apportando correzioni minime nella forma, ma di una certa rilevanza sostanziale
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino