Attualità
Squadra che vince non si cambia.
Intesa rinnovata tra Entrate e Figc
L’accordo, che resterà valido fino al 28 febbraio 2017, prevede uno scambio di informazioni fiscali per verificare la regolarità delle società sportive professionistiche
Squadra che vince non si cambia.|Intesa rinnovata tra Entrate e Figc
Le verifiche fiscali scendono in campo. Anche quest’anno la Federazione italiana giuoco calcio ha rinnovato l’intesa con l’Agenzia delle Entrate per permettere lo svolgimento del prossimo campionato all’insegna della regolarità e della trasparenza.
L’accordo è stato siglato dal direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi, e dal presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio e permetterà ai due enti lo scambio di informazioni necessario a garantire la regolarità e l’equilibrio finanziario delle società sportive professionistiche che parteciperanno alla prossima stagione calcistica 2016/2017.
 
Tutti i dettagli dell’accordo
In continuità con gli anni passati, la Figc ha chiesto all’Agenzia di avere a disposizione le informazioni relative agli adempimenti tributari delle società professionistiche di calcio, in modo da poter effettuare gli adeguati controlli in vista della stagione sportiva 2016/2017. Per questo, la Federazione invierà l’elenco nominativo delle società sportive professionistiche, completo di denominazione sociale e codice fiscale/partita Iva, alle Entrate che si attiveranno per fornire le informazioni richieste.
 
In particolare, l’Agenzia fornirà un riscontro:
  • sul pagamento dell’Iva relativa all’anno d’imposta 2015, risultante dalle dichiarazioni presentate entro il 31 marzo 2016
  • sulla presentazione delle dichiarazioni relative al periodo d’imposta chiuso al 31 dicembre 2014
  • sui pagamenti dell’Ires, dell’Irap, dell’Iva e delle ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente che risultano dalle dichiarazioni con periodo d’imposta chiuso al 31 dicembre 2014
  • sul pagamento rateale delle somme dovute a seguito della liquidazione delle imposte e delle ritenute relative a dichiarazioni con periodi d’imposta chiusi al 31 dicembre degli anni dal 2009 al 2014
  • sul pagamento, anche rateale, delle imposte e delle ritenute relative ad atti divenuti definitivi, con cartelle notificate entro il 30 aprile 2016.
 
Check-up a prova di privacy
Una volta effettuati i controlli, i dati saranno comunicati dall’Agenzia entro il mese di giugno. Le informazioni viaggeranno in sicurezza, protetti da password e nel rispetto della normativa vigente. Per garantire la certezza del trasferimento dei dati, la registrazione dell’evento avverrà su un apposito documento cartaceo, in doppia copia, con la data di avvenuta consegna e siglato dai responsabili della trasmissione e della ricezione, precedentemente individuati dai due enti. Inoltre, Entrate e Federcalcio si impegnano a rispettare i canoni della pertinenza e della non eccedenza del trattamento dei dati.
L’accordo resterà in vigore fino al 28 febbraio 2017 e potrà essere rinnovato per le stagioni sportive successive.
 
Fabio Brocceri
pubblicato Martedì 9 Febbraio 2016

I più letti

La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
È applicabile sia dai soggetti mensili che da quelli trimestrali; in ogni caso, deve trattarsi di operatori d’impresa, il contratto deve avere la forma scritta… e così via
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
È obbligatoria solo la comunicazione dei motivi che hanno dato luogo alla rettifica, per consentire al contribuente di segnalare eventuali elementi omessi o valutati erroneamente
Questo, se non c’è un nesso tra il controllo a “domicilio” e il successivo eventuale atto impositivo e il contribuente valuti l’accesso come violazione del segreto d’ufficio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
immagine di beni
In caso di assegnazione, sulla differenza tra il valore normale e il costo fiscalmente riconosciuto, si applica un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap nella misura dell'8%
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
Come tenutario della contabilità doveva sapere che l’emittente era un imprenditore edile e quindi non potevano essere verosimili le transazioni commerciali riguardanti l’argento
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea