Attualità
Successione telematica:
nuovo modello allo start
Sarà sufficiente pagare l'imposta di bollo e i tributi speciali per richiedere il rilascio di un'attestazione (in formato pdf) di avvenuta presentazione della dichiarazione
immagine con una tastiera di PC
È utilizzabile da oggi la nuova versione del modello di "Dichiarazione di successione e domanda di volture catastali". Il modulo dichiarativo, approvato con il provvedimento del 28 dicembre 2017, potrà essere utilizzato per le successioni aperte dal 3 ottobre 2006. Fino al 31 dicembre di quest'anno, peraltro, cittadini e operatori potranno continuare a servirsi del modello cartaceo (modello 4).

Ultima versione del modello
La modalità telematica di trasmissione della dichiarazione di successione è operativa dal 23 gennaio 2017.
Da gennaio 2017 sono state trasmesse online 56mila successioni, di cui oltre 15mila dall’inizio di quest’anno.
Il modello originario, approvato con il provvedimento del 27 dicembre 2016 (vedi “Successione, tutto con un click: dichiarazione e volture catastali”), aveva subito un primo “ritocco” a giugno 2017 (vedi “Dichiarazione successione online: arriva il nuovo modello aggiornato”).
La versione utilizzabile da oggi sostituisce quella approvata con il precedente provvedimento del 15 giugno 2017, deve essere presentata esclusivamente per via telematica e consente, dopo aver pagato l'imposta di bollo e i tributi speciali, di richiedere il rilascio di una attestazione, in formato pdf, dell'avvenuta presentazione.
L'attestazione è munita di un apposito contrassegno, di un codice identificativo e di un codice di verifica, grazie ai quali è possibile verificare l'originalità del documento direttamente sul sito delle Entrate. In questo modo, non sarà più necessario recarsi presso gli uffici dell'Agenzia per richiedere una copia conforme alla dichiarazione di successione presentata telematicamente.
Per la compilazione del modello e l'invio telematico è disponibile un apposito software sul sito dell'Agenzia.

Modalità di presentazione
Il nuovo modello va trasmesso in via telematica alle Entrate, direttamente dal contribuente abilitato a Fisconline o Entratel oppure tramite i soggetti incaricati.
In alternativa, il modello può essere presentato presso l'ufficio delle Entrate territorialmente competente, che provvederà all'inoltro telematico.
Il modello 4, invece, si presenta in forma cartacea presso il competente ufficio dell'Agenzia.

"Doppio binario" fino al 31 dicembre 2018
Per permettere il graduale aggiornamento delle procedure informatiche e per rispondere all'esigenza dei contribuenti e degli operatori del settore di familiarizzare con la nuova versione del modello, fino al 31 dicembre 2018 sarà comunque possibile utilizzare la vecchia modulistica cartacea in alternativa all'invio telematico.

Un aiuto in più per i contribuenti
Infine, per andare incontro alle diverse richieste dei cittadini, sul sito dell'Agenzia si possono trovare le "Risposte alle domande più frequenti", dove sono meglio esplicitate le modalità di presentazione, l'installazione del software e l'allegazione dei documenti, la compilazione del modello e le ricevute e attestazioni di avvenuta presentazione.

Successioni ante 3 ottobre 2006
Come già detto, il modello telematico in uso da oggi riguarda le successioni aperte a decorrere dal 3 ottobre 2006.
Invece, per quelle aperte fino al 2 ottobre 2006 deve essere utilizzato esclusivamente il "vecchio" modello 4, che va adoperato anche per integrare, modificare o sostituire dichiarazioni di successione già presentate in formato cartaceo.
Lilia Chini
pubblicato Giovedì 15 Marzo 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Ai fini del Registro agevolato, costituisce parametro idoneo a esprimere il carattere “lussuoso” di un'abitazione la superficie e l’utilizzabilità degli ambienti
Lo sconto fiscale riconosciuto dalla legge di bilancio 2018 è utilizzabile a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione, vale a dire da quest’anno
Il Mef ha reso noto i nuovi importi per il periodo d’imposta 2017, l’Agenzia ha fornito le indicazioni per usufruirne presentando una dichiarazione integrativa “a favore”
Si tratta di applicazioni informatiche di prova, non ancora definitive perché in attesa dei relativi provvedimenti di approvazione, utili come apripista di adempimenti prossimi
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
La domanda va trasmessa, insieme alla copia del documento di identità, alla casella Pec della direzione regionale di riferimento oppure consegnata a uno sportello dell’agente
La grave e comprovata situazione si considera sussistente qualora l’Isee del nucleo familiare non sia superiore a 20mila euro o sia stata aperta procedura di liquidazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino