Attualità
Tarsu, la determinazione delle superfici imponibili
Se manca la planimetria, i Comuni dovranno richiedere agli intestatari degli immobili di presentarla ai competenti uffici provinciali del Territorio

La pubblicazione della circolare n. 13 del 7 dicembre 2005 da parte dell'Agenzia del Territorio fa seguito, a distanza di qualche mese, alla determinazione del 9 agosto, sempre a cura dello stesso Organo emittente, concernente i criteri operativi per il computo delle superfici delle unità immobiliari, da prendersi come riferimento per la determinazione delle superfici minime imponibili ai fini della tassa rifiuti solidi urbani. Tale determinazione costituisce per i Comuni presupposto indispensabile per porre in essere un'efficace attività di accertamento delle superfici da assoggettare alla Tarsu.

Le disposizioni tecnico-operative recepite nei menzionati documenti di prassi emanati dalla Agenzia del Territorio sono funzionali all'attuazione dell'articolo 1, comma 340, della Finanziaria per il 2005 (legge 30 dicembre 2004, n. 311). La citata norma stabilisce che, con decorrenza 1° gennaio 2005, i contribuenti Tarsu, detentori di immobili censiti nel catasto edilizio urbano, dichiarino ai fini della tassa rifiuti solidi urbani una superficie non inferiore all'80 per cento di quella determinabile catastalmente.

La circolare in commento, nel richiamare la determinazione del 9 agosto, riassume le finalità dell'interscambio, dell'incrocio e dell'allineamento dei dati più significativi relativi a ciascuna unità immobiliare urbana. Esse tendono, principalmente, a segnalare ai Comuni: le unità prive di planimetria o che, pur avendola, non consentono il calcolo delle superfici; di acquisire le planimetrie mancanti; di stabilire le specifiche tecniche sulle quali deve instaurarsi l'interscambio dei dati fra l'Agenzia del Territorio e i Comuni; favorire una fattiva cooperazione fra detti soggetti per allineare i dati presenti nei loro rispettivi archivi; incentivare l'Agenzia del Territorio a collaborare con i Comuni qualora i contribuenti segnalino errori nel calcolo delle superfici attribuite.

La circolare prosegue precisando che l'Agenzia mette a disposizione dei Comuni, entro 30 giorni dalla richiesta fatta pervenire dagli stessi, su appositi supporti informatici, i dati salienti delle unità immobiliari, fondamentali per l'attività di accertamento, quali quelli concernenti la superficie dell'immobile, l'ubicazione, l'identificativo catastale, i dati metrici e gli intestatari catastali.
Ma, vero punto cruciale sul quale si fonda il successo della collaborazione fra Agenzia del Territorio e Comuni per il recupero di maggiori superfici imponibili da assoggettare alla Tarsu, è quello riguardante le modalità di acquisizione delle planimetrie mancanti.
La mancanza delle planimetrie, infatti, è circostanza, nella pratica, piuttosto ricorrente; pertanto, a tal fine, i Comuni dovranno farsi parte diligente nel richiederle agli intestatari degli immobili, per la successiva presentazione ai competenti uffici provinciali dell'Agenzia del Territorio.

Il documento di prassi precisa, altresì, che le unità immobiliari saranno classificate secondo una specifica codifica in grado di fotografare la situazione catastale nella quale l'unità immobiliare interessata si trova all'atto della richiesta. Tali codifiche sono: ES1 (unità immobiliare con superficie calcolata), ES2 (unità immobiliare con superficie non calcolabile), ES3 (unità immobiliare con superficie in corso di definizione), ES4 (unità immobiliare con planimetria non presente in atti). Ad ogni buon conto, solo per le unità immobiliari individuate con il codice ES4 è prevista la richiesta di presentazione delle relative planimetrie. Dette planimetrie, indi, verranno inviate dai Comuni agli uffici dell'Agenzia con la dicitura "planimetria conforme allo stato attuale dell'unità immobiliare".

Nell'ipotesi in cui i contribuenti non condividano le valutazioni dell'ufficio possono inoltrare ai Comuni apposita istanza di rettifica delle superfici calcolate. I Comuni provvederanno a inoltrare agli uffici del Territorio solo quelle per le quali sussiste la necessità di procedere ad accertamenti catastali finalizzati alla rettifica delle superfici.

L'attività e gli adempimenti descritti dalla circolare n. 13, dunque, costituiscono i presupposti cardine in base ai quali i Comuni potranno intraprendere mirate iniziative di accertamento della tassa rifiuti, dal momento che ai suoi fini le superfici costituiscono lo strumento attraverso il quale il presupposto impositivo di cui all'articolo 62 del Dlgs n. 507/93 può essere tassato.

Argentino D'Auro
pubblicato Mercoledì 14 Dicembre 2005

I più letti

Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Sì, ma solo quello sufficiente per rimediare a un rallentamento dovuto a una perplessità risolta tramite le Faq pubblicate e costantemente aggiornate sul sito dell’Agenzia
Il regime impositivo dei dividendi e dei proventi a essi equiparati può essere tripartito come segue: da partecipazione non qualificata, da partecipazione qualificata, black list
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine di due modelli F24
In via generale, a prescindere dalla violazione che si intende regolarizzare, occorre prima individuare la specifica norma sanzionatoria prevista e poi applicare le riduzioni
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino