Attualità
In Territorio Italia, le potenzialità
di approcci e strumenti innovativi
Nell’ultimo numero della rivista tecnico-scientifica dell’Agenzia delle Entrate, disponibile da oggi online, un focus sulla valorizzazione dei patrimoni architettonici e urbani
BIM strumento digitale di progettazione
È in rete Territorio Italia 2/2015, che mette a fuoco strumenti e approcci nuovi nell’ambito delle tematiche relative al territorio, con particolare riferimento al patrimonio immobiliare.
L’ambiente universitario è il “laboratorio” da cui scaturiscono i lavori proposti.
Emergono best practices, già sperimentate all’estero, tra privati e pubblica amministrazione per indirizzare, con competenze e ruoli differenti, azioni concrete sul territorio e innovativi modelli economici e produttivi, e per ottenere una migliore sinergia tra le due realtà.
 
Il primo tema affrontato, nelle diverse declinazioni, è il Building information modelling (Bim), uno strumento digitale di progettazione, che consente di contenere i costi e migliorare la qualità del lavoro nel settore delle costruzioni. Ne approfondiscono le applicazioni Ciribini, Mastrolembo Ventura e Bompagni, accademici lombardi, evidenziando il ruolo che i nuovi strumenti operativi possono avere nella gestione degli appalti pubblici.
 
A seguire, Lo Turco, da Torino, prosegue la descrizione delle potenzialità del Bim, questa volta in relazione agli interventi sul patrimonio esistente, con applicazione alle diverse fasi del processo edilizio. Inoltre, l’autore propone un caso studio, relativo al nuovo Centro linguistico di Ateneo del Politecnico di Torino, che rappresenta una delle prime sperimentazioni condotte dal gruppo di lavoro dello stesso Politecnico.
Entrambi gli studi considerano il valore aggiunto e l’attualità di questo strumento che permette ai progettisti di produrre dati interoperabili.
 
Un’altra tematica affrontata è la valutazione edilizia per mezzo del Market comparison approach a tabella dei dati ridotta. Dal Politecnico di Bari, d’Amato presenta quest’applicazione operativa per prevedere il valore futuro di unità immobiliari in fase di realizzazione. Questo approccio è di particolare utilità per i modelli di fattibilità economica e finanziaria di progetti.
 
Uno spazio è dedicato anche alla sostenibilità ambientale: gli autori Grosso e Chiesa (Politecnico di Torino) introducono ulteriori indicatori per la valutazione degli edifici, quelli relativi all’impatto ambientale e sociale, oltre che economico. In tale direzione, lo studio approfondisce l’impatto sociale che la forma, la localizzazione e l’orientamento degli edifici possono avere sulla salute e sul benessere degli utilizzatori dell’edificio e degli abitanti dell’ambiente in cui è inserito. Propone un approccio metodologico per la valutazione quantitativa degli indicatori di sostenibilità secondo l’accessibilità dell’immobile alle risorse climatiche e la conseguente potenzialità di riduzione dell’impatto negativo sull’ambiente, ma anche di miglioramento della vita degli utenti.
 
Infine, si prende in esame la valorizzazione del patrimonio edilizio, sia sotto il profilo paesaggistico storico urbano, che architettonico.
Angrisano, partendo dalla sua tesi di dottorato alla Federico II di Napoli, ha analizzato la rigenerazione dei waterfront delle città di mare, dove esistono vaste aree abbandonate che possono essere valorizzate secondo le buone pratiche di riferimento internazionale e gli strumenti forniti dall’Unesco e dall’Icomos.
Marinò, sulla base della sua tesi di laurea al Politecnico di Torino, pubblica uno studio dove valuta la possibilità di applicare il crowdfunding per sostenere la realizzazione del progetto di riuso di “Torino Esposizioni”, in considerazione del fatto che le risorse pubbliche destinate alla conservazione e riuso dei beni di valore storico sono attualmente insufficienti.
Rosa Colucci
pubblicato Martedì 19 Gennaio 2016

I più letti

Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
A differenza di quella di funzioni, non comporta alcun trasferimento di competenze tra autorizzante e autorizzato: il primo continua a mantenere la paternità di quanto sottoscritto
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
logo di Redditi SC 2017
Debutta il prospetto per accogliere la nuova agevolazione prevista, sotto forma di credito d'imposta, a favore di chi effettua erogazioni liberali a sostegno della scuola
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino