Attualità
In Territorio Italia, le potenzialità
di approcci e strumenti innovativi
Nell’ultimo numero della rivista tecnico-scientifica dell’Agenzia delle Entrate, disponibile da oggi online, un focus sulla valorizzazione dei patrimoni architettonici e urbani
BIM strumento digitale di progettazione
È in rete Territorio Italia 2/2015, che mette a fuoco strumenti e approcci nuovi nell’ambito delle tematiche relative al territorio, con particolare riferimento al patrimonio immobiliare.
L’ambiente universitario è il “laboratorio” da cui scaturiscono i lavori proposti.
Emergono best practices, già sperimentate all’estero, tra privati e pubblica amministrazione per indirizzare, con competenze e ruoli differenti, azioni concrete sul territorio e innovativi modelli economici e produttivi, e per ottenere una migliore sinergia tra le due realtà.
 
Il primo tema affrontato, nelle diverse declinazioni, è il Building information modelling (Bim), uno strumento digitale di progettazione, che consente di contenere i costi e migliorare la qualità del lavoro nel settore delle costruzioni. Ne approfondiscono le applicazioni Ciribini, Mastrolembo Ventura e Bompagni, accademici lombardi, evidenziando il ruolo che i nuovi strumenti operativi possono avere nella gestione degli appalti pubblici.
 
A seguire, Lo Turco, da Torino, prosegue la descrizione delle potenzialità del Bim, questa volta in relazione agli interventi sul patrimonio esistente, con applicazione alle diverse fasi del processo edilizio. Inoltre, l’autore propone un caso studio, relativo al nuovo Centro linguistico di Ateneo del Politecnico di Torino, che rappresenta una delle prime sperimentazioni condotte dal gruppo di lavoro dello stesso Politecnico.
Entrambi gli studi considerano il valore aggiunto e l’attualità di questo strumento che permette ai progettisti di produrre dati interoperabili.
 
Un’altra tematica affrontata è la valutazione edilizia per mezzo del Market comparison approach a tabella dei dati ridotta. Dal Politecnico di Bari, d’Amato presenta quest’applicazione operativa per prevedere il valore futuro di unità immobiliari in fase di realizzazione. Questo approccio è di particolare utilità per i modelli di fattibilità economica e finanziaria di progetti.
 
Uno spazio è dedicato anche alla sostenibilità ambientale: gli autori Grosso e Chiesa (Politecnico di Torino) introducono ulteriori indicatori per la valutazione degli edifici, quelli relativi all’impatto ambientale e sociale, oltre che economico. In tale direzione, lo studio approfondisce l’impatto sociale che la forma, la localizzazione e l’orientamento degli edifici possono avere sulla salute e sul benessere degli utilizzatori dell’edificio e degli abitanti dell’ambiente in cui è inserito. Propone un approccio metodologico per la valutazione quantitativa degli indicatori di sostenibilità secondo l’accessibilità dell’immobile alle risorse climatiche e la conseguente potenzialità di riduzione dell’impatto negativo sull’ambiente, ma anche di miglioramento della vita degli utenti.
 
Infine, si prende in esame la valorizzazione del patrimonio edilizio, sia sotto il profilo paesaggistico storico urbano, che architettonico.
Angrisano, partendo dalla sua tesi di dottorato alla Federico II di Napoli, ha analizzato la rigenerazione dei waterfront delle città di mare, dove esistono vaste aree abbandonate che possono essere valorizzate secondo le buone pratiche di riferimento internazionale e gli strumenti forniti dall’Unesco e dall’Icomos.
Marinò, sulla base della sua tesi di laurea al Politecnico di Torino, pubblica uno studio dove valuta la possibilità di applicare il crowdfunding per sostenere la realizzazione del progetto di riuso di “Torino Esposizioni”, in considerazione del fatto che le risorse pubbliche destinate alla conservazione e riuso dei beni di valore storico sono attualmente insufficienti.
Rosa Colucci
pubblicato Martedì 19 Gennaio 2016

I più letti

immagine di grande animale che protegge un animale piccolo
Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, iscritte in un apposito elenco tenuto dalle Entrate, rientrano tra i soggetti cui si può destinare il 5 per mille della propria Irpef
In tali circostanze, la notifica, ai fini della decorrenza del termine per ricorrere, si ritiene eseguita nell’ottavo giorno successivo a quello della pubblica esposizione
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste agevolazioni per le singole operazioni effettuate
Il vincolo affettivo e solidaristico che lega destinatario e consegnatario fa scattare la presunzione relativa che la persona di famiglia avrà cura di consegnare l’atto all’interessato
immagine di grande animale che protegge un animale piccolo
Se i proventi superano per due anni consecutivi l'importo di 1.032.913,80 euro, al bilancio va allegata una relazione di controllo, sottoscritta da uno o più revisori contabili
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste agevolazioni per le singole operazioni effettuate
immagine di grande animale che protegge un animale piccolo
Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, iscritte in un apposito elenco tenuto dalle Entrate, rientrano tra i soggetti cui si può destinare il 5 per mille della propria Irpef
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
La qualifica è acquisibile da associazioni con o senza personalità giuridica, comitati, fondazioni, società cooperative e altri enti privati purché perseguano finalità meritevoli di tutela
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
I settori in cui possono svolgere la propria attività sono tassativamente indicati dalla legge: ad accomunarle è il fine, che deve essere solo di solidarietà sociale
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco