Attualità
Unico Persone fisiche, gli errori da evitare (5)
Il quadro RN: eccedenza precedente dichiarazione, compensazioni, acconti versati, dati da modello 730, Irpef a debito, Irpef a credito
_787.jpg

Particolare attenzione va prestata alla compilazione del rigo RN25, nel quale deve essere indicata l'eccedenza di imposta risultante dalla precedente dichiarazione. Se l'anno precedente il contribuente ha presentato un modello Unico e ha compilato il rigo RX1, colonna 4 (credito Irpef che il contribuente ha scelto di utilizzare per il pagamento di altre imposte e/o di riportare nelle successive dichiarazioni a scomputo dell'Irpef dovuta), l'importo in esso indicato va riportato nel rigo RN25 del modello Unico dell'anno in corso (vedi grafico sottostante).
E' necessario stare attenti a non riportare nel rigo RN25 l'importo indicato nel rigo RX1, colonna 3, che si riferisce al credito Irpef richiesto a rimborso e che quindi non può essere riportato nelle successive dichiarazioni.
Si precisa che nel rigo RN25 può essere riportata anche l'eccedenza risultante dalle dichiarazioni di anni precedenti non richiesta a rimborso nei casi in cui non è stata presentata nessuna dichiarazione nell'anno successivo perché esonerati.
Nel caso in cui il contribuente, prima della presentazione della dichiarazione per il 2005, ha ricevuto per il periodo d'imposta 2004 una comunicazione di irregolarità in cui risulta variato l'importo del credito spettante, nel riporto dell'eccedenza deve attenersi a quanto indicato nelle istruzioni.





Nel rigo RN26 va riportata la parte di eccedenza indicata in RN25 e utilizzata nel modello F24 per il pagamento di altre imposte.
In tale rigo è necessario riportare la somma di tutti gli importi indicati nella colonna "importi a credito compensati" del modello F24 con codice tributo 4001 e anno di riferimento 2004 se l'eccedenza proviene da una dichiarazione presentata per il periodo d'imposta 2004 (vedi grafico sottostante).
L'omessa indicazione di compensazioni effettuate con il modello F24, in sede di controllo automatizzato, genera un esito di maggiore imposta da versare o di minor credito/rimborso spettante.



Nel rigo RN27 in colonna 2 vanno indicati gli acconti versati per il 2005.
Nel caso in cui tali acconti siano stati versati utilizzando un modello F24, in colonna 2 va riportata la somma dei versamenti eseguiti con codice tributo 4033 e 4034 e periodo di riferimento 2005.
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



Il rigo RN28 può essere compilato solo se il modello Unico 2006/2005 rappresenta una dichiarazione correttiva / integrativa del modello 730/2006 di 2005.
In tal caso per evitare l'abbattimento degli importi in esso riportati ricordarsi di barrare nel frontespizio la casella "correttiva nei termini" o "dichiarazione integrativa".



L'eventuale imposta a debito risultante dal rigo RN29 va versata utilizzando nel modello F24 il codice tributo 4001 e periodo di riferimento 2005 (vedi grafico sottostante).
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato, il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



L'eventuale credito risultante dal rigo RN30 deve essere riportato nel quadro RX, nel quale il contribuente indica come intende utilizzarlo (rimborso e/o compensazione).



Esempio:
Credito da RN30 = 250 da riportare in RX1, colonna 1.
Tale importo potrà essere suddiviso tra colonna 3 (rimborso) e colonna 4 ( compensazione e/o detrazione) ovvero essere indicato interamente a colonna 3, se si opta per il solo rimborso, o a colonna 4, se si opta per la sola compensazione.


5 - continua. La sesta e ultima puntata sarà pubblicata venerdì 28; le precedenti sono consultabili nella sezione "Riflettori su..."

Lucilla Caluori
pubblicato Giovedì 27 Aprile 2006

I più letti

testo alternativo per immagine
I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate per assolvere correttamente l’adempimento dichiarativo, ora previsto sia ai fini del monitoraggio fiscale sia per liquidare Ivafe e Ivie
testo alternativo per immagine
Presenti da quest’anno, nella normativa che disciplina l'Iva relativa al settore dell’editoria, modifiche sostanziali. L’Agenzia delle Entrate fa chiarezza sul nuovo e sul vecchio
testo alternativo per immagine
Anche per la chiusura di una discarica, tassative e inderogabili le regole di imputazione dei componenti positivi o negativi di reddito a un determinato esercizio
testo alternativo per immagine
Nonostante il divieto di prova testimoniale imposto dal Dlgs 546/1992, che ha la funzione di limitare i poteri del giudice, ma non l’operato degli organi di verifica
testo alternativo per immagine
La richiesta per la restituzione dell’imposta a credito potrà essere inoltrata, dai nuovi contribuenti interessati, a partire dal terzo trimestre 2014, tramite il modello Iva TR
testo alternativo per immagine
Presenti da quest’anno, nella normativa che disciplina l'Iva relativa al settore dell’editoria, modifiche sostanziali. L’Agenzia delle Entrate fa chiarezza sul nuovo e sul vecchio
testo alternativo per immagine
Vacanze irrinunciabili per tutti, compreso il contenzioso tributario, che rimane sospeso per un mese e mezzo, dall’1 agosto fino al 15 settembre, fatte salve le notifiche
 immagine
Delle due, una. È necessario dimostrare almeno che i mezzi di locomozione in questione sono nella disponibilità anche di altri o che se ne sopportino le spese solo in parte
testo alternativo per immagine
I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate per assolvere correttamente l’adempimento dichiarativo, ora previsto sia ai fini del monitoraggio fiscale sia per liquidare Ivafe e Ivie
testo alternativo per immagine
Ancora pochi giorni per consegnare alle Entrate la dichiarazione sostitutiva, accompagnata da un documento di identità, che attesta il possesso dei requisiti necessari
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
modellino casa con contratto e chiavi
La riduzione del corrispettivo non comporta riliquidazione dell'imposta né risoluzione del contratto
testo alternativo per immagine
Tra new entry e ridenominazioni, ai blocchi di partenza tutti i codici da utilizzare per avvalersi delle modalità di versamento unitario, con eventuale compensazione di crediti
testo alternativo per immagine
Novità in arrivo per dividendi, obbligazioni, interessi maturati sui conti correnti bancari e postali e pronti contro termine. L’Agenzia delle Entrate fornisce i primi chiarimenti
testo alternativo per immagine
Abitazione principale e relative pertinenze fuori dal “reddito complessivo”. Il credito spetta anche ai lavoratori senza sostituto d’imposta, ma va chiesto in dichiarazione