Attualità
Unico Persone fisiche, gli errori da evitare (5)
Il quadro RN: eccedenza precedente dichiarazione, compensazioni, acconti versati, dati da modello 730, Irpef a debito, Irpef a credito
_787.jpg

Particolare attenzione va prestata alla compilazione del rigo RN25, nel quale deve essere indicata l'eccedenza di imposta risultante dalla precedente dichiarazione. Se l'anno precedente il contribuente ha presentato un modello Unico e ha compilato il rigo RX1, colonna 4 (credito Irpef che il contribuente ha scelto di utilizzare per il pagamento di altre imposte e/o di riportare nelle successive dichiarazioni a scomputo dell'Irpef dovuta), l'importo in esso indicato va riportato nel rigo RN25 del modello Unico dell'anno in corso (vedi grafico sottostante).
E' necessario stare attenti a non riportare nel rigo RN25 l'importo indicato nel rigo RX1, colonna 3, che si riferisce al credito Irpef richiesto a rimborso e che quindi non può essere riportato nelle successive dichiarazioni.
Si precisa che nel rigo RN25 può essere riportata anche l'eccedenza risultante dalle dichiarazioni di anni precedenti non richiesta a rimborso nei casi in cui non è stata presentata nessuna dichiarazione nell'anno successivo perché esonerati.
Nel caso in cui il contribuente, prima della presentazione della dichiarazione per il 2005, ha ricevuto per il periodo d'imposta 2004 una comunicazione di irregolarità in cui risulta variato l'importo del credito spettante, nel riporto dell'eccedenza deve attenersi a quanto indicato nelle istruzioni.





Nel rigo RN26 va riportata la parte di eccedenza indicata in RN25 e utilizzata nel modello F24 per il pagamento di altre imposte.
In tale rigo è necessario riportare la somma di tutti gli importi indicati nella colonna "importi a credito compensati" del modello F24 con codice tributo 4001 e anno di riferimento 2004 se l'eccedenza proviene da una dichiarazione presentata per il periodo d'imposta 2004 (vedi grafico sottostante).
L'omessa indicazione di compensazioni effettuate con il modello F24, in sede di controllo automatizzato, genera un esito di maggiore imposta da versare o di minor credito/rimborso spettante.



Nel rigo RN27 in colonna 2 vanno indicati gli acconti versati per il 2005.
Nel caso in cui tali acconti siano stati versati utilizzando un modello F24, in colonna 2 va riportata la somma dei versamenti eseguiti con codice tributo 4033 e 4034 e periodo di riferimento 2005.
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



Il rigo RN28 può essere compilato solo se il modello Unico 2006/2005 rappresenta una dichiarazione correttiva / integrativa del modello 730/2006 di 2005.
In tal caso per evitare l'abbattimento degli importi in esso riportati ricordarsi di barrare nel frontespizio la casella "correttiva nei termini" o "dichiarazione integrativa".



L'eventuale imposta a debito risultante dal rigo RN29 va versata utilizzando nel modello F24 il codice tributo 4001 e periodo di riferimento 2005 (vedi grafico sottostante).
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato, il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



L'eventuale credito risultante dal rigo RN30 deve essere riportato nel quadro RX, nel quale il contribuente indica come intende utilizzarlo (rimborso e/o compensazione).



Esempio:
Credito da RN30 = 250 da riportare in RX1, colonna 1.
Tale importo potrà essere suddiviso tra colonna 3 (rimborso) e colonna 4 ( compensazione e/o detrazione) ovvero essere indicato interamente a colonna 3, se si opta per il solo rimborso, o a colonna 4, se si opta per la sola compensazione.


5 - continua. La sesta e ultima puntata sarà pubblicata venerdì 28; le precedenti sono consultabili nella sezione "Riflettori su..."

Lucilla Caluori
pubblicato Giovedì 27 Aprile 2006

I più letti

Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
La particolarità della fattispecie tributaria impone una restrittiva interpretazione dell’articolo 1224, comma 2, del codice civile, riguardo al calcolo degli interessi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Prevista la soppressione dei modelli trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi; diminuisce il numero dei contribuenti soggetti all’obbligo di comunicazione all'Amministrazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino