Attualità
Unico Persone fisiche, gli errori da evitare (5)
Il quadro RN: eccedenza precedente dichiarazione, compensazioni, acconti versati, dati da modello 730, Irpef a debito, Irpef a credito
_787.jpg

Particolare attenzione va prestata alla compilazione del rigo RN25, nel quale deve essere indicata l'eccedenza di imposta risultante dalla precedente dichiarazione. Se l'anno precedente il contribuente ha presentato un modello Unico e ha compilato il rigo RX1, colonna 4 (credito Irpef che il contribuente ha scelto di utilizzare per il pagamento di altre imposte e/o di riportare nelle successive dichiarazioni a scomputo dell'Irpef dovuta), l'importo in esso indicato va riportato nel rigo RN25 del modello Unico dell'anno in corso (vedi grafico sottostante).
E' necessario stare attenti a non riportare nel rigo RN25 l'importo indicato nel rigo RX1, colonna 3, che si riferisce al credito Irpef richiesto a rimborso e che quindi non può essere riportato nelle successive dichiarazioni.
Si precisa che nel rigo RN25 può essere riportata anche l'eccedenza risultante dalle dichiarazioni di anni precedenti non richiesta a rimborso nei casi in cui non è stata presentata nessuna dichiarazione nell'anno successivo perché esonerati.
Nel caso in cui il contribuente, prima della presentazione della dichiarazione per il 2005, ha ricevuto per il periodo d'imposta 2004 una comunicazione di irregolarità in cui risulta variato l'importo del credito spettante, nel riporto dell'eccedenza deve attenersi a quanto indicato nelle istruzioni.





Nel rigo RN26 va riportata la parte di eccedenza indicata in RN25 e utilizzata nel modello F24 per il pagamento di altre imposte.
In tale rigo è necessario riportare la somma di tutti gli importi indicati nella colonna "importi a credito compensati" del modello F24 con codice tributo 4001 e anno di riferimento 2004 se l'eccedenza proviene da una dichiarazione presentata per il periodo d'imposta 2004 (vedi grafico sottostante).
L'omessa indicazione di compensazioni effettuate con il modello F24, in sede di controllo automatizzato, genera un esito di maggiore imposta da versare o di minor credito/rimborso spettante.



Nel rigo RN27 in colonna 2 vanno indicati gli acconti versati per il 2005.
Nel caso in cui tali acconti siano stati versati utilizzando un modello F24, in colonna 2 va riportata la somma dei versamenti eseguiti con codice tributo 4033 e 4034 e periodo di riferimento 2005.
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



Il rigo RN28 può essere compilato solo se il modello Unico 2006/2005 rappresenta una dichiarazione correttiva / integrativa del modello 730/2006 di 2005.
In tal caso per evitare l'abbattimento degli importi in esso riportati ricordarsi di barrare nel frontespizio la casella "correttiva nei termini" o "dichiarazione integrativa".



L'eventuale imposta a debito risultante dal rigo RN29 va versata utilizzando nel modello F24 il codice tributo 4001 e periodo di riferimento 2005 (vedi grafico sottostante).
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato, il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



L'eventuale credito risultante dal rigo RN30 deve essere riportato nel quadro RX, nel quale il contribuente indica come intende utilizzarlo (rimborso e/o compensazione).



Esempio:
Credito da RN30 = 250 da riportare in RX1, colonna 1.
Tale importo potrà essere suddiviso tra colonna 3 (rimborso) e colonna 4 ( compensazione e/o detrazione) ovvero essere indicato interamente a colonna 3, se si opta per il solo rimborso, o a colonna 4, se si opta per la sola compensazione.


5 - continua. La sesta e ultima puntata sarà pubblicata venerdì 28; le precedenti sono consultabili nella sezione "Riflettori su..."

Lucilla Caluori
pubblicato Giovedì 27 Aprile 2006

I più letti

Quando non vi sono dubbi, in particolare nei casi di omessi o tardivi versamenti delle imposte dichiarate dallo stesso contribuente, scatta la cartella con sanzione piena
L’atto con cui l’amministratore dichiara di non voler fruire del compenso fa presupporre la maturazione e il conseguimento giuridico di un credito, da assoggettare a ritenuta fiscale
Con la denuncia a processo, inoltre, non c’è prescrizione neppure per il coniuge condebitore estraneo al giudizio: la pendenza della lite ne determina l’interruzione permanente
banchina metropolitana con linea gialla
Riconducibili a tre macro-gruppi gli elementi che influenzano i livelli di evasione regionale: ambientali e di contesto delle singole realtà locali, operazionali e di prossimità
Scadenza in calendario anche per chi, costituitosi nel 2014, ha scelto di sorvolare l’acconto e di versare l’imposta in un’unica soluzione. Per il versamento, fornirsi di F24
Quando non vi sono dubbi, in particolare nei casi di omessi o tardivi versamenti delle imposte dichiarate dallo stesso contribuente, scatta la cartella con sanzione piena
L’atto con cui l’amministratore dichiara di non voler fruire del compenso fa presupporre la maturazione e il conseguimento giuridico di un credito, da assoggettare a ritenuta fiscale
logo del modello di dichiarazione Iva 2016 - redditi 2015
Ora, nel rigo VA10, riservato ai contribuenti vittime di eventi eccezionali, potranno distinguersi, con lo specifico codice "5", le aziende partner colpite dall'insolvenza dell'Ilva
In questo caso, l’avviso di accertamento, che si limita a richiamare il processo verbale di constatazione, senza allegarlo, è da considerare legittimamente motivato “per relationem”
immagine di macchinari imbullonati
La procedura è utilizzabile da subito per presentare gli atti di aggiornamento per la rideterminazione della rendita degli immobili già censiti nel rispetto dei mutati criteri di legge
Il provvedimento con le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato è formato da un solo articolo, con 999 commi. Tante le novità in ambito tributario
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Esenzione Imu per tutti i terreni agricoli, a prescindere dall’ubicazione, posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori professionali iscritti nella previdenza agricola
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Eliminata la Tasi, per possessore e detentore, sull’abitazione principale non “di lusso”. Base imponibile Imu dimezzata per la casa data in comodato a genitori o figli
Per detrarre le spese funebri, non è più richiesto vincolo parentale: il beneficio spetta a chi effettivamente sostiene l’onere, a prescindere dal legame con la persona deceduta
immagine di una tenda a pacchetto
Detrazione del 65% per l’acquisto di dispositivi per il controllo a distanza di impianti di riscaldamento, di produzione dell’acqua calda e di climatizzazione delle abitazioni