Attualità
Unico Persone fisiche, gli errori da evitare (5)
Il quadro RN: eccedenza precedente dichiarazione, compensazioni, acconti versati, dati da modello 730, Irpef a debito, Irpef a credito
_787.jpg

Particolare attenzione va prestata alla compilazione del rigo RN25, nel quale deve essere indicata l'eccedenza di imposta risultante dalla precedente dichiarazione. Se l'anno precedente il contribuente ha presentato un modello Unico e ha compilato il rigo RX1, colonna 4 (credito Irpef che il contribuente ha scelto di utilizzare per il pagamento di altre imposte e/o di riportare nelle successive dichiarazioni a scomputo dell'Irpef dovuta), l'importo in esso indicato va riportato nel rigo RN25 del modello Unico dell'anno in corso (vedi grafico sottostante).
E' necessario stare attenti a non riportare nel rigo RN25 l'importo indicato nel rigo RX1, colonna 3, che si riferisce al credito Irpef richiesto a rimborso e che quindi non può essere riportato nelle successive dichiarazioni.
Si precisa che nel rigo RN25 può essere riportata anche l'eccedenza risultante dalle dichiarazioni di anni precedenti non richiesta a rimborso nei casi in cui non è stata presentata nessuna dichiarazione nell'anno successivo perché esonerati.
Nel caso in cui il contribuente, prima della presentazione della dichiarazione per il 2005, ha ricevuto per il periodo d'imposta 2004 una comunicazione di irregolarità in cui risulta variato l'importo del credito spettante, nel riporto dell'eccedenza deve attenersi a quanto indicato nelle istruzioni.





Nel rigo RN26 va riportata la parte di eccedenza indicata in RN25 e utilizzata nel modello F24 per il pagamento di altre imposte.
In tale rigo è necessario riportare la somma di tutti gli importi indicati nella colonna "importi a credito compensati" del modello F24 con codice tributo 4001 e anno di riferimento 2004 se l'eccedenza proviene da una dichiarazione presentata per il periodo d'imposta 2004 (vedi grafico sottostante).
L'omessa indicazione di compensazioni effettuate con il modello F24, in sede di controllo automatizzato, genera un esito di maggiore imposta da versare o di minor credito/rimborso spettante.



Nel rigo RN27 in colonna 2 vanno indicati gli acconti versati per il 2005.
Nel caso in cui tali acconti siano stati versati utilizzando un modello F24, in colonna 2 va riportata la somma dei versamenti eseguiti con codice tributo 4033 e 4034 e periodo di riferimento 2005.
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



Il rigo RN28 può essere compilato solo se il modello Unico 2006/2005 rappresenta una dichiarazione correttiva / integrativa del modello 730/2006 di 2005.
In tal caso per evitare l'abbattimento degli importi in esso riportati ricordarsi di barrare nel frontespizio la casella "correttiva nei termini" o "dichiarazione integrativa".



L'eventuale imposta a debito risultante dal rigo RN29 va versata utilizzando nel modello F24 il codice tributo 4001 e periodo di riferimento 2005 (vedi grafico sottostante).
Nel caso in cui il contribuente indichi nel modello F24 un codice tributo o un periodo di riferimento diverso da quello sopra indicato, il versamento risulterà non effettuato. La correzione dell'errore può essere richiesta a un ufficio locale dell'Agenzia delle entrate anche prima del ricevimento della comunicazione di irregolarità.



L'eventuale credito risultante dal rigo RN30 deve essere riportato nel quadro RX, nel quale il contribuente indica come intende utilizzarlo (rimborso e/o compensazione).



Esempio:
Credito da RN30 = 250 da riportare in RX1, colonna 1.
Tale importo potrà essere suddiviso tra colonna 3 (rimborso) e colonna 4 ( compensazione e/o detrazione) ovvero essere indicato interamente a colonna 3, se si opta per il solo rimborso, o a colonna 4, se si opta per la sola compensazione.


5 - continua. La sesta e ultima puntata sarà pubblicata venerdì 28; le precedenti sono consultabili nella sezione "Riflettori su..."

Lucilla Caluori
pubblicato Giovedì 27 Aprile 2006

I più letti

immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste una serie di agevolazioni per singole operazioni effettuate
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
Il vincolo affettivo e solidaristico che lega destinatario e consegnatario fa scattare la presunzione relativa che la persona di famiglia avrà cura di consegnare l’atto all’interessato
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
In materia di Imposta sul valore aggiunto, non operano le esclusioni e le esenzioni previste per le imposte sui redditi, ma sono previste una serie di agevolazioni per singole operazioni effettuate
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Possibilità di detenere partecipazioni societarie, tassazione degli utili percepiti, sfruttamento dei segni distintivi, esonero dall'obbligo di presentazione del modello Eas
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
La qualifica è acquisibile da associazioni con o senza personalità giuridica, comitati, fondazioni, società cooperative e altri enti privati purché perseguano finalità meritevoli di tutela
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato