Attualità
UnicOnLine PF (1): il software
Il programma può essere utilizzato direttamente dal contribuente ma anche dagli intermediari abilitati
_269.jpg

Dal 23 maggio l'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, gratuitamente, il software per la compilazione della dichiarazione Unico Persone fisiche, sia sul proprio sito sia, per evitare sovraffollamenti, sui siti mirror Virgilio e Yahoo Italia.
Il programma consente, come di consueto, di compilare la dichiarazione dei redditi, eventualmente comprensiva di Iva, Irap e 770, per stamparla su modello conforme a quello approvato o presentarla in via telematica tramite Internet o Entratel.

Il software può essere utilizzato direttamente dal contribuente ma anche dagli intermediari abilitati. Al primo lancio, viene proposta una schermata che impone la scelta del tipo utente; tale scelta determinerà l'eventuale inserimento dell'impegno alla presentazione telematica in dichiarazione. La schermata per la scelta della tipologia di utente può essere richiamata successivamente tramite il menu alla voce Impostazioni > Profilo utente.



Si hanno a disposizione tre opzioni:

  • contribuente che presenta la propria dichiarazione
  • intermediario abilitato
  • ufficio dell'Agenzia delle Entrate.

La scelta dell'opzione di intermediario comporta la richiesta del codice fiscale e, per i Caf, del numero di iscrizione al relativo albo.

Dal menu del programma, scegliendo File > Nuova dichiarazione, verranno proposte, in una fase iniziale, alcune schermate che richiedono informazioni relative al contribuente cui si riferisce la dichiarazione e, tramite semplici scelte, vengono determinati i quadri da inserire.
In ognuna di queste schermate appare sulla sinistra, evidenziato in giallo, la parte della dichiarazione cui ci si riferisce, e, sulla destra, il tasto Dettagli che visualizza le istruzioni relative a quel quadro.



Tramite i pulsanti Avanti e Indietro si possono modificare le scelte effettuate.
Una volta confermate le scelte con il tasto fine, si può sempre intervenire sui singoli quadri per aggiungerli o eliminarli tramite le apposite icone, dopo averli selezionati.



Per l'eliminazione è richiesta una conferma.
La compilazione richiede per prima cosa l'indicazione dei dati del frontespizio; solo dopo la conferma dei dati anagrafici, sarà possibile accedere ai quadri relativi ai redditi.

In ogni quadro ci si può avvalere della compilazione assistita che viene proposta in automatico:



Se non si desidera avere la richiesta su ogni nuovo quadro occorrerà spuntare l'apposita casella. La modalità assistita si può sempre ripristinare, per i quadri che non contengono dati, tramite il menu del programma alla voce Impostazioni.
In ogni quadro, alla pressione del tasto Conferma, il programma controllerà dal punto di vista formale la compilazione, evidenziando eventuali errori o anomalie con semplici segnalazioni (riconoscibili dal pulsante Ignora nella finestra di messaggio), che si può decidere di correggere solo se il dato acquisito è errato, oppure con errori bloccanti (in questo caso la correzione o l'inserimento di dati in quel campo sono necessari al fine di proseguire nella compilazione).

Una volta inseriti i dati relativi ai redditi e a Iva, Irap e 770, se presenti, il programma permetterà di visualizzare i quadri riepilogativi, a fianco dei quali l'icona a forma di semaforo diventerà verde.



Al rigo RN1 la casella relativa al concordato preventivo prevede, per i soggetti che hanno aderito, il calcolo automatico dell'imposta più favorevole.



Alcuni dati che devono essere riportati in questo quadro a cura del contribuente sono l'utilizzo in F24 del credito dell'anno precedente, l'eventuale trattenuta o rimborso determinato dal modello 730 di cui questa dichiarazione è un'integrativa.
Una volta confermato il quadro RN (che comprende nel software anche il quadro RV delle addizionali), si potrà compilare il quadro RX.

Nel quadro RX sarà possibile inserire eventuali eccedenze di versamento a saldo e indicare l'utilizzo di un eventuale credito, riportandolo nella colonna degli importi da utilizzare in compensazione o da rimborsare, oppure optando per una soluzione mista.
Il programma riporta in automatico gli importi a credito derivanti dalla presente dichiarazione nella colonna per l'utilizzo in compensazione; se il contribuente vuole destinarli a rimborso deve spostarli nell'apposita colonna.

Una volta confermato il quadro RX, verrà prodotto in automatico il file da trasmettere telematicamente.
Si ricorda che il software UnicOnLine può essere utilizzato anche per la consegna della dichiarazione a banche o poste, nel caso di utenti non abilitati o comunque non obbligati alla trasmissione telematica.
In questo caso, è sufficiente stampare la dichiarazione; essa apparirà in formato conforme al modello approvato. E' necessario firmare la dichiarazione e la scelta per la destinazione dell'8 per mille, che non appare nella stampa.


1 - continua. La seconda puntata sarà pubblicata lunedì 13 giugno

Lucia Rinaldi
pubblicato Venerdì 10 Giugno 2005

I più letti

Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
immagine generica con mappa del globo
Il legislatore italiano ha adeguato la normativa interna alle indicazioni provenienti dal contesto internazionale e, in particolare, alle soluzioni ideate nell'ambito del progetto Beps
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino