Attualità
UnicOnLine PF (2): importazione del file precompilato
La procedura rende disponibili i versamenti effettuati per il 2004 e alcune importanti informazioni rilevate dalla precedente dichiarazione
_272.jpg

Per ridurre i tempi di acquisizione delle dichiarazioni dei redditi per chi utilizza il software UnicOnLine PF 2005, l'Agenzia rende disponibile sul sito Fisconline - nell'area riservata ai contribuenti persone fisiche in possesso di Pincode - un file cosiddetto "precompilato" che contiene alcuni dati dell'anno precedente.
Per scaricare sul proprio computer il file, accedere ai servizi del sito Fisconline e scegliere il link Unico precompilato.



Dopo la verifica del codice Pin, il sistema aprirà una pagina nella quale appariranno alcuni dati relativi al file e una cartellina gialla. Questa cartellina, che apparirà chiusa o aperta a seconda se il file sia già stato scaricato, è un collegamento che apre una nuova pagina.



Premere sulla cartellina; si potrà scaricare il file precompilato. Salvare il file denominato CODICEFISCALE_PRECOMP05.UPF sul proprio computer.

Si ricorda che è possibile importare anche una dichiarazione dell'anno precedente compilata con il software UnicOnLine PF 2004 o con altro software privato (purché questo abbia prodotto un file nel formato corretto), ma presentata a banche o poste, poiché una copia del file risiede nel computer dell'utente.
La procedura illustrata d'ora in poi riguarda perciò anche l'importazione di questo tipo di file; l'unica differenza è nella collocazione del file dell'anno precedente sul computer, memorizzato per default nella cartella C:\UnicoOnLine\arc e denominato CODICEFISCALE_UNI04.UPF.

Per importare i dati nella nuova dichiarazione, lanciare il programma UnicOnLine PF 2005 e scegliere in sequenza le voci di menu file > Importa dichiarazione > Precompilata/anno precedente.
(L'altra funzione Importa dichiarazione > UnicoPF 2005 consente di importare dichiarazioni compilate con un altro software per lo stesso anno d'imposta 2004, purché in formato conforme alle specifiche tecniche previste per la trasmissione telematica).



Occorre selezionare il file appena salvato per l'importazione tramite il tasto Sfoglia e premere importa. Il programma risponderà con un messaggio che conferma il buon esito dell'operazione.

Verranno richieste alcune informazioni sui redditi posseduti dal contribuente, sulle spese e sui carichi di famiglia. In genere, alcune opzioni risulteranno già selezionate, per esempio i redditi dei fabbricati se si era compilato il quadro RB dell'anno precedente, le detrazioni relative alla detrazione del 36 per cento per le ristrutturazioni edilizie. Verrà inoltre riportato il credito Irpef dalla precedente dichiarazione.
Se nel frattempo non si dovesse più compilare un quadro che era presente nella dichiarazione per l'anno d'imposta 2003, basterà selezionare No per eliminare quadro e dati dalla nuova dichiarazione.
Una scritta in grassetto evidenzia che il quadro eliminato era presente nella dichiarazione importata.



Il programma chiederà anche se si devono compilare i quadri relativi a Irap, Iva e sostituti d'imposta. Le risposte date influiranno sull'inserimento in dichiarazione dei quadri da compilare. Si potrà comunque aggiungere o eliminare uno o più quadri successivamente.

Ora si aprirà la dichiarazione contenente i dati presenti nel precompilato. A fianco dei quadri che contengono tali dati apparirà un punto interrogativo, che invita a controllare e riconfermare il quadro, eventualmente variando i dati che nel frattempo sono cambiati.



Alcuni dati non vengono riportati in automatico, per esempio i redditi del quadro RC, perché si presume che siano cambiati da un anno all'altro.
Nel frontespizio è necessario indicare il domicilio fiscale al 31/12/2004 e la scelta della destinazione dell'8 per mille; se non si completa questo quadro, confermandolo poi con il tasto Conferma e poi Fine, non sarà possibile procedere con gli altri. Nel quadro RN occorrerà indicare le compensazioni effettuate dal credito dell'anno precedente e gli eventuali acconti versati.
Una volta completati e confermati tutti i quadri, la dichiarazione è pronta per essere trasmessa dopo la preparazione da eseguire con il programma file Internet, o può essere stampata e consegnata a banche o poste rispettando i termini a seconda del tipo di presentazione scelta (1° agosto 2005 per la dichiarazione cartacea da parte dei soggetti non obbligati alla presentazione telematica, 31 ottobre 2005 in caso di trasmissione in via telematica).


2 - continua. La terza puntata sarà pubblicata martedì 14 giugno; la prima è sull'edizione di venerdì 10

Lucia Rinaldi
pubblicato Lunedì 13 Giugno 2005

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entro le 14,50 del 29 dicembre 2017 devono essere trasferite alla Banca d’Italia le somme in precedenza affluite a banche, uffici postali, agenti della riscossione e istituti convenzionati
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Il sistema stesso segnalerà il superamento dei limiti consentiti. Le nuove regole permettono di trasmettere file di maggiori dimensioni anche rispetto alle soglie previste per la Pec
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge in materia di spettacolo che, tra l’altro, interviene anche sulla disciplina dei crediti d’imposta previsti a supporto del settore
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino