Attualità
UnicOnLine PF (3): importazione degli allegati e stampa della dichiarazione
Da quest'anno il programma permette la stampa anche parziale dei dati contenuti in dichiarazione
_275.jpg

In presenza di allegati da includere nella dichiarazione, questi possono essere inseriti tramite la voce apposita scegliendo il tipo di documento appropriato:



Il sistema controlla che il codice fiscale presente nell'allegato corrisponda a quello del dichiarante e inserisce l'allegato dando un messaggio di conferma. Se il controllo non va a buon fine, il programma segnala un errore.



La presenza dell'allegato in dichiarazione può essere facilmente controllato in vari modi:

  • tramite la funzione Applicazioni > Visualizza file dell'applicazione File Internet che permette di vedere il contenuto del file della dichiarazione, presente nella cartella C:\UnicoOnLine\arc
  • per studi di settore e parametri, dalla stampa della dichiarazione, che presenta la casella relativa agli allegati barrata


  • dalla stessa voce di menu, che riporta rimuovi al posto di inserisci

La compilazione degli allegati va effettuata preventivamente con i vari software:

Tipo di allegatoNome del software fornito dall'Agenzia
studi di settoreGerico 2005
parametriParametri 2005
studi da annotazione separataGerico AS 2005
regimi fiscali agevolati (tutoraggio)RFA2005


Per i primi tre, la funzione di trasferimento presente nelle relative applicazioni consente il salvataggio del file da allegare in una cartella scelta dall'utente; è in questo percorso che ci si posizionerà in fase di importazione, dopo aver aperto la dichiarazione Unico interessata.
Per quanto riguarda i contribuenti soggetti a regimi agevolati e che si avvalgono dell'assistenza dell'Agenzia (tutoraggio), essi dovranno predisporre i quadri nell'applicazione RFA tramite la funzione Liquidazione quadri unico e successivamente tramite la voce Utilità > prepara dati trimestrali e quadri unico > quadri della dichiarazione per poterli importare in Unico.

Si ricorda che per poter sottoporre a controllo con esito positivo in presenza di allegati relativi agli studi di settore o parametri la dichiarazione UnicoPF, deve essere installato l'apposito modulo di controllo Studi di settore/Parametri, in assenza del quale il file verrà scartato.

Stampa della dichiarazione
A partire dall'anno 2005 il software UnicOnLine PF permette la stampa anche parziale dei dati contenuti in dichiarazione.
Fino all'anno scorso, la funzione File > Stampa rimaneva disabilitata fino a quando la conferma del quadro RX non produceva il file in formato .pdf nella cartella C:\UnicoOnLine\stampe.
Perciò non era possibile avere una stampa relativa a un solo quadro né a una sola sezione (redditi, Iva...) della dichiarazione, a meno di agire direttamente sul file pdf.
A seguito della richiesta da parte degli utilizzatori, il programma è stato implementato con la funzione di stampa parziale, che viene attivata anche prima della conferma del quadro riepilogativo. Da un apposito pannello si può scegliere di selezionare uno o più quadri desiderati oppure di stampare l'intera dichiarazione mediante l'opzione Seleziona tutto.





E' importante sapere che ogni stampa prodotta, anche se parziale, va a sovrascrivere la precedente nella cartella stampe; perciò, per chi volesse conservare la dichiarazione in formato pdf per poterla ristampare successivamente, è importante produrre l'ultima stampa scegliendo la dichiarazione completa.

Nel caso si dovessero effettuare delle stampe prima di aver confermato il quadro RX, sulle pagine apparirà una scritta trasversale Bozza, che evidenzia come i dati visualizzati non sono definitivi e servono eventualmente per controllare i dati già inseriti.





Una funzione già presente nella versione dello scorso anno è la stampa del prospetto della clausola di salvaguardia, che evidenzia il calcolo effettuato con il regime di tassazione precedente, se più favorevole. Questa stampa si richiama dalla voce di menu File > Stampa > Schema clausola di salvaguardia.



3 - continua

Lucia Rinaldi
pubblicato Martedì 14 Giugno 2005

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entro le 14,50 del 29 dicembre 2017 devono essere trasferite alla Banca d’Italia le somme in precedenza affluite a banche, uffici postali, agenti della riscossione e istituti convenzionati
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Il sistema stesso segnalerà il superamento dei limiti consentiti. Le nuove regole permettono di trasmettere file di maggiori dimensioni anche rispetto alle soglie previste per la Pec
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge in materia di spettacolo che, tra l’altro, interviene anche sulla disciplina dei crediti d’imposta previsti a supporto del settore
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino