Attualità
UnicOnLine PF (3): importazione degli allegati e stampa della dichiarazione
Da quest'anno il programma permette la stampa anche parziale dei dati contenuti in dichiarazione
_275.jpg

In presenza di allegati da includere nella dichiarazione, questi possono essere inseriti tramite la voce apposita scegliendo il tipo di documento appropriato:



Il sistema controlla che il codice fiscale presente nell'allegato corrisponda a quello del dichiarante e inserisce l'allegato dando un messaggio di conferma. Se il controllo non va a buon fine, il programma segnala un errore.



La presenza dell'allegato in dichiarazione può essere facilmente controllato in vari modi:

  • tramite la funzione Applicazioni > Visualizza file dell'applicazione File Internet che permette di vedere il contenuto del file della dichiarazione, presente nella cartella C:\UnicoOnLine\arc
  • per studi di settore e parametri, dalla stampa della dichiarazione, che presenta la casella relativa agli allegati barrata


  • dalla stessa voce di menu, che riporta rimuovi al posto di inserisci

La compilazione degli allegati va effettuata preventivamente con i vari software:

Tipo di allegatoNome del software fornito dall'Agenzia
studi di settoreGerico 2005
parametriParametri 2005
studi da annotazione separataGerico AS 2005
regimi fiscali agevolati (tutoraggio)RFA2005


Per i primi tre, la funzione di trasferimento presente nelle relative applicazioni consente il salvataggio del file da allegare in una cartella scelta dall'utente; è in questo percorso che ci si posizionerà in fase di importazione, dopo aver aperto la dichiarazione Unico interessata.
Per quanto riguarda i contribuenti soggetti a regimi agevolati e che si avvalgono dell'assistenza dell'Agenzia (tutoraggio), essi dovranno predisporre i quadri nell'applicazione RFA tramite la funzione Liquidazione quadri unico e successivamente tramite la voce Utilità > prepara dati trimestrali e quadri unico > quadri della dichiarazione per poterli importare in Unico.

Si ricorda che per poter sottoporre a controllo con esito positivo in presenza di allegati relativi agli studi di settore o parametri la dichiarazione UnicoPF, deve essere installato l'apposito modulo di controllo Studi di settore/Parametri, in assenza del quale il file verrà scartato.

Stampa della dichiarazione
A partire dall'anno 2005 il software UnicOnLine PF permette la stampa anche parziale dei dati contenuti in dichiarazione.
Fino all'anno scorso, la funzione File > Stampa rimaneva disabilitata fino a quando la conferma del quadro RX non produceva il file in formato .pdf nella cartella C:\UnicoOnLine\stampe.
Perciò non era possibile avere una stampa relativa a un solo quadro né a una sola sezione (redditi, Iva...) della dichiarazione, a meno di agire direttamente sul file pdf.
A seguito della richiesta da parte degli utilizzatori, il programma è stato implementato con la funzione di stampa parziale, che viene attivata anche prima della conferma del quadro riepilogativo. Da un apposito pannello si può scegliere di selezionare uno o più quadri desiderati oppure di stampare l'intera dichiarazione mediante l'opzione Seleziona tutto.





E' importante sapere che ogni stampa prodotta, anche se parziale, va a sovrascrivere la precedente nella cartella stampe; perciò, per chi volesse conservare la dichiarazione in formato pdf per poterla ristampare successivamente, è importante produrre l'ultima stampa scegliendo la dichiarazione completa.

Nel caso si dovessero effettuare delle stampe prima di aver confermato il quadro RX, sulle pagine apparirà una scritta trasversale Bozza, che evidenzia come i dati visualizzati non sono definitivi e servono eventualmente per controllare i dati già inseriti.





Una funzione già presente nella versione dello scorso anno è la stampa del prospetto della clausola di salvaguardia, che evidenzia il calcolo effettuato con il regime di tassazione precedente, se più favorevole. Questa stampa si richiama dalla voce di menu File > Stampa > Schema clausola di salvaguardia.



3 - continua

Lucia Rinaldi
pubblicato Martedì 14 Giugno 2005

I più letti

testo alternativo per immagine
Il patrimonio informativo dell’Agenzia, finora utilizzato soprattutto per finalità di controllo, sarà impiegato, per la prima volta, per fornire un reale servizio ai cittadini
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
immagine
Fornendo le coordinate bancarie si accorciano i tempi per la restituzione delle somme a credito che arrivano al beneficiario in maniera più celere e sicura. L’appello è via Pec
vignetta
Ribadito un principio fondamentale del sistema tributario: un costo, per essere “scalato”, deve essere debitamente documentato e proporzionato al tipo di attività svolta
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo