Attualità
Verifica “impegno Deggendorf”:
l’inidoneità all’Aiuto corre su Pec
L’adempimento è assolto solo se la casella di posta elettronica certificata risulta tra quelle presenti nell’Indice delle Pa gestito dall’Agenzia per l’Italia digitale (Agid)
Verifica “impegno Deggendorf”:|l’inidoneità all’Aiuto corre su Pec
Nessuno può beneficiare di aiuti di Stato se rientra tra coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti che lo Stato è tenuto a recuperare in esecuzione di una decisione….” della Commissione europea. Questo dice testualmente il comma 1, articolo 46, della legge 234/2012, ampiamente commentata su Fiscooggi (vedi gli approfondimenti in tre puntate “Aiuti di Stato, la disciplina Ue entra nelle norme nazionali” 123). Pertanto, prosegue la norma, le Amministrazioni pubbliche che intendono “sostenere” le imprese nazionali attraverso la concessione di agevolazioni, anche fiscali, devono verificare che i potenziali beneficiari non rientrino fra coloro che hanno ricevuto, e non restituito, aiuti dichiarati incompatibili dalla Commissione Ue.
In sostanza devono rispettare l’“impegno Deggendorf”, delineato e richiesto dalla stessa Commissione nel corso del 2006 e assunto dall’Italia già nella Finanziaria per il 2007, con la previsione di un obbligo di autocertificazione “liberatoria” da parte degli eventuali destinatari degli aiuti. Attualmente, l’autocertificazione costituisce solo un’opzione, mentre a carico delle Amministrazioni rimane il compito di verificare se i beneficiari siano in regola.
 
Tanto premesso, dal 1° gennaio 2016, il controllo in questione, sul fronte dei benefici fiscali, potrà essere effettuato inviando un’apposita richiesta, tramite Pec, all’indirizzo verificadeggendorf@pec.agenziaentrate.it. Una modalità in grado di velocizzare le informazioni, garantire la sicurezza dei riscontri, proteggere la privacy dei soggetti coinvolti.
L’osservanza dell’“impegno Deggendorf” è assolta, infatti, solo se la casella Pec della Pa risulta tra quelle presenti nell’Indice delle Pubbliche amministrazioni (Ipa) gestito dall’Agenzia per l’Italia digitale (Agid).
 
Parte dell’excursus normativo e ulteriori informazioni sono rintracciabili sul sito dell’Agenzia seguendo il percorso: cosa devi fare – richiedere – Aiuti di stato concessi da soggetti pubblici (“impegno Deggendorf”).
r.fo.
pubblicato Martedì 22 Dicembre 2015

I più letti

immagine di mani che allargano elastici
L'abrogazione dell'obbligo della separata indicazione in dichiarazione dei componenti negativi di reddito cancella anche la relativa sanzione, ma solo dal 2016, senza retroattività
scontrino bancomat
La certificazione di invalidità totale o handicap grave da parte di una commissione medica pubblica è il presupposto per poter dedurre gli importi sostenuti per medicine e cure
Non basta una motivazione generica della sentenza, basata sul fatto che gli elementi “non appaiono, in modo univoco, sintomatici e indicativi di autonoma organizzazione”
30 settembre
È telematico il canale per trasmettere le dichiarazioni fiscali “autunnali”; il contribuente può eseguire i propri adempimenti direttamente da casa o tramite intermediari abilitati
Dall’ampliamento dei soggetti che possono accedere al regime, sancito dal “decreto internazionalizzazione”, alle risposte su specifiche istanze di interpello o di consulenza giuridica
scontrino bancomat
La certificazione di invalidità totale o handicap grave da parte di una commissione medica pubblica è il presupposto per poter dedurre gli importi sostenuti per medicine e cure
immagine di mani che allargano elastici
L'abrogazione dell'obbligo della separata indicazione in dichiarazione dei componenti negativi di reddito cancella anche la relativa sanzione, ma solo dal 2016, senza retroattività
Non basta una motivazione generica della sentenza, basata sul fatto che gli elementi “non appaiono, in modo univoco, sintomatici e indicativi di autonoma organizzazione”
libro con la scritta tax
Attenzione, però: se si sbagliano i conteggi e l’importo trattenuto risulta inferiore a quello effettivamente dovuto dal contribuente, scatta la sanzione per versamento insufficiente
immagine di una villa
La fuoriuscita dal patrimonio dell'impresa nel 2016, ultimo periodo di sospensione degli effetti fiscali della prima operazione, non determina la decadenza di quest'ultima
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Prosegue l’impegno dell’Agenzia per migliorare il dialogo e la collaborazione con i cittadini: disponibile in Rete un’applicazione per quantificare correttamente sanzione e interessi
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino