Attualità
Versamenti fino al 21 agosto:
arriva l’ok per i professionisti
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Versamenti fino al 21 agosto:|arriva l’ok per i professionisti
Estesa anche ai contribuenti titolari di redditi di lavoro autonomo (articolo 53, comma 1, del Tuir) la possibilità di versare le imposte derivanti dalle dichiarazioni dei redditi, Iva e Irap 2017, entro il prossimo 21 agosto, con la maggiorazione dello 0,4%, senza incorrere in sanzioni.
A ufficializzare lo slittamento il Dpcm 3 agosto 2017, anticipato dal comunicato stampa del 26 luglio 2017 e disponibile sul sito del Mef, in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Dunque, a differenza del Dpcm 20 luglio 2017, il nuovo provvedimento, che sostituisce il precedente, amplia l’ambito soggettivo dell’extratime, non confinandolo più ai soli titolari di reddito d’impresa, ma aprendo le porte anche a professionisti e artisti.
 
Questo il calendario dei versamenti alla luce della proroga:
  • entro il 20 luglio 2017, anziché la scadenza ordinaria del 30 giugno, senza alcuna maggiorazione
  • dal 21 luglio al 21 agosto 2017 (la scadenza del 20 agosto cade di domenica), invece del 31 luglio, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. 
Il decreto specifica, inoltre, che i nuovi termini riguardano anche i soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese e che devono dichiarare redditi “per trasparenza”, in base agli articoli 5, 115 e 116 del Tuir. Per essere più chiari, possono usufruire del calendario più elastico anche:
  • chi partecipa in società di persone commerciali
  • i collaboratori di imprese familiari
  • i coniugi che gestiscono aziende coniugali
  • i componenti di associazioni tra artisti o professionisti
  • i soci di Sc “trasparenti”. 
Nello specifico, sono differiti i versamenti relativi:
  • al saldo 2016 e al primo acconto 2017 dell’Irpef e dell’Ires (e relative addizionali), dell’Irap, delle imposte sostitutive (come quelle dovute dai contribuenti “forfetari” e dai “minimi”, e la cedolare secca sui canoni abitativi), dell’Ivie e dell’Ivafe
  • al saldo per il 2016 e al primo acconto 2017 dei contributi Inps dovuti da artigiani e commercianti sul reddito eccedente il minimale e di quelli a carico dei professionisti iscritti alla Gestione separata
  • all’acconto del 20% sui redditi a tassazione separata non soggetti a ritenuta
  • al saldo 2016 del contributo di solidarietà del 3% dell’Irpef, per i redditi superiori a 300mila euro
  • al saldo Iva 2016, nel caso in cui il pagamento non sia avvenuto entro la scadenza ordinaria del 16 marzo 2017
  • all’Iva per l’adeguamento 2016 agli studi di settore.
r.fo.
pubblicato Lunedì 14 Agosto 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Questi rilevanti profili operativi sono stati opportunamente calibrati e adeguati alle importanti modifiche che hanno interessato il meccanismo della scissione dei pagamenti
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino