Attualità
Vertici regionali dell’Agenzia:
avvicendamento in quattro sedi
Il Comitato di gestione delle Entrate ha stabilito i nuovi responsabili, dal mese prossimo, per la Basilicata, la Calabria, la Sicilia e la Valle d’Aosta
immagine logo dell'Agenzia delle Entrate
Passaggio di testimone da marzo al vertice di alcune direzioni regionali: in seguito al pensionamento di Antonino Gentile, attuale direttore regionale di Palermo, dal 1° marzo Pasquale Stellacci prenderà il timone della fiscalità siciliana, lasciando a Giuseppe Orazio Bonanno, attualmente in Basilicata, la barra della Calabria.
Inoltre, dal 9 marzo, Maria Pia Protano assumerà il controllo della struttura lucana, cedendo a Vincenzo Tarroux la direzione della Valle d’Aosta.

Giuseppe Orazio Bonanno, 63 anni, laureato in scienze politiche con indirizzo giuridico internazionale ed esperto in diritto tributario, ha iniziato la sua carriera come funzionario nell’ufficio Registro di Fidenza. Dopo aver guidato per 15 anni vari uffici, in Emilia Romagna, a Roma e, per ultimo, la Dr della Basilicata, intraprende una nuova esperienza in Calabria, mantenendo l’interim del precedente incarico fino all’8 marzo.

Maria Pia Protano, 59 anni, laureata in giurisprudenza, ha esordito subito alla guida di uffici operativi, via via sempre più importanti. Da Velletri a Roma 5, fino ad essere chiamata presso la direzione centrale Accertamento, dove ha ricoperto il ruolo di capo settore Analisi e strategie. È attualmente alla guida della Dr Valle d’Aosta, che lascerà l’8 marzo per mettere a frutto la sua esperienza a capo della direzione Basilicata.

Pasquale Stellacci, 54 anni, laureato in scienze politiche, con la doppia abilitazione di dottore commercialista e revisore contabile, ha maturato la sua esperienza dirigenziale presso numerosi uffici finanziari dell’Emilia Romagna, dove è stato anche capo ufficio Grandi contribuenti e capo settore Accertamento, contenzioso e riscossione. Dopo la direzione provinciale di Pesaro Urbino e quella regionale della Calabria, dal 1° marzo sarà responsabile della Dr Sicilia.

Vincenzo Tarroux, 61 anni, avvocato e revisore contabile, ha messo a disposizione dell’Agenzia il suo ventaglio di competenze nell’ambito del diritto tributario, materia di cui è stato docente incaricato anche all’Università degli Studi di Napoli. Attualmente è assistente di direzione del vicedirettore dell’Agenzia, ma in partenza per la Valle d’Aosta dove, dal 9 marzo, assumerà la responsabilità regionale.
r.fo.
pubblicato Venerdì 26 Febbraio 2016

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino