Attualità
Visto di conformità: abilitazione
dalla data della comunicazione
Non muta la decorrenza di inserimento nell'elenco se la documentazione è perfezionata successivamente
Visto di conformità: abilitazione| dalla data della comunicazione
L'inserimento nell'elenco centralizzato dei soggetti abilitati all'apposizione del visto di conformità decorre dalla data della comunicazione inviata alla direzione regionale; anche se la documentazione, incompleta, viene perfezionata in un secondo tempo. Le polizze assicurative non devono limitare la copertura a un solo modello di dichiarazione.

A chiarirlo, un comunicato stampa dell'Agenzia delle Entrate che dà risposta alle numerose richieste di informazioni e precisazioni pervenute alle direzioni regionali da parte dei professionisti interessati a rilasciare il visto di conformità sulle dichiarazioni dei contribuenti che intendono utilizzare in compensazione crediti Iva per importi superiori ai 15mila euro annui.

Come indicato nella circolare 57/2009, i soggetti interessati all'iscrizione nell'elenco dei professionisti abilitati al rilascio del visto di conformità devono inviare un'apposita comunicazione alla direzione regionale competente in ragione del proprio domicilio fiscale, indicando: i dati anagrafici, i requisiti professionali, il codice fiscale, la partita Iva, il domicilio e gli altri luoghi ove viene esercitata la propria attività professionale, la denominazione o ragione sociale e i dati anagrafici dei soci e dei componenti il consiglio di amministrazione, ove previsto, del collegio sindacale, delle società di servizi delle quali il professionista intende avvalersi per lo svolgimento dell'attività di assistenza fiscale, con l'indicazione delle specifiche attività da affidare alle stesse.
Alla comunicazione devono essere allegati: la copia conforme della polizza assicurativa prevista dall'articolo 22 del decreto ministeriale 164/1999, la dichiarazione relativa all'insussistenza di provvedimenti di sospensione dell'ordine di appartenenza, la dichiarazione relativa alla sussistenza dei requisiti, elencati dall'articolo 8, comma 1, dello stesso Dm 164.

Nel caso in cui - precisa il comunicato odierno - la documentazione prodotta risulti incompleta, ne sarà richiesta l'integrazione; il successivo perfezionamento non comporta variazioni della data di inserimento nell'elenco informatizzato, la cui decorrenza resta pertanto ancorata alla data della comunicazione. Facendo però attenzione che eventuali clausole aggiuntive di appendice alla polizza conservino la decorrenza di efficacia originaria della stessa (a copertura del rischio per l'apposizione del visto).

Le polizze, inoltre, non devono circoscrivere la copertura del rischio a un solo modello di dichiarazione, in quanto, per legge (Dlgs 241/1997 e Dm 164/1999), i professionisti sono autorizzati ad apporre il visto su tutti i modelli di dichiarazione e non solo su quello Iva.

La direzione regionale competente provvederà a comunicare l'avvenuta iscrizione nell'elenco informatizzato o il motivo dell'eventuale mancato inserimento.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 24 Febbraio 2010

I più letti

La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
È applicabile sia dai soggetti mensili che da quelli trimestrali; in ogni caso, deve trattarsi di operatori d’impresa, il contratto deve avere la forma scritta… e così via
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
È obbligatoria solo la comunicazione dei motivi che hanno dato luogo alla rettifica, per consentire al contribuente di segnalare eventuali elementi omessi o valutati erroneamente
Questo, se non c’è un nesso tra il controllo a “domicilio” e il successivo eventuale atto impositivo e il contribuente valuti l’accesso come violazione del segreto d’ufficio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
immagine di beni
In caso di assegnazione, sulla differenza tra il valore normale e il costo fiscalmente riconosciuto, si applica un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap nella misura dell'8%
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
Come tenutario della contabilità doveva sapere che l’emittente era un imprenditore edile e quindi non potevano essere verosimili le transazioni commerciali riguardanti l’argento
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea