Attualità
Voluntary: Agenzia Entrate e Sogei
monitorano tutte le Pec 24 ore su 24
Rafforzato il presidio delle caselle utilizzate per inviare entro il prossimo 30 dicembre la relazione accompagnatoria e l’eventuale documentazione integrativa richieste dalla procedura
immagine di pagina di giornale con parola "disclosure" sotto una lente d'ingrand
Rafforzati tutti gli strumenti informatici di presidio delle caselle di Posta elettronica certificata da parte dell’Agenzia delle Entrate e del suo partner tecnologico Sogei in previsione del termine della procedura di rientro ed emersione dei capitali detenuti all’estero.
È il prossimo 30 dicembre, infatti, l’ultimo giorno entro il quale i contribuenti interessati devono presentare la relazione accompagnatoria e l’eventuale documentazione integrativa richieste dalla voluntary disclosure.
 
In questi giorni i server dell’Agenzia hanno ricevuto un consistente numero di messaggi Pec anche di dimensioni particolarmente elevate (circa 50 mb). Il maggior numero di messaggi sono stati inoltrati alle caselle Pec del Centro operativo di Pescara e della direzione regionale della Lombardia, ed è proprio per evitare ritardi o problemi di ricezione che tutti i “cassetti” Pec coinvolti sono monitorati 24 ore su 24.
 
Sono particolarmente numerosi i messaggi pervenuti fino a oggi nell’ambito della voluntary e, prevedendo che in prossimità della scadenza si riscontri un invio più sostanzioso di comunicazioni, l’Agenzia delle Entrate e Sogei hanno organizzato il potenziamento dei processi di download delle caselle coinvolte nella procedura di ricezione delle relazioni di accompagnamento e della documentazione che integrano le istanze di adesione.
 
Va, infine, ricordato che per ovviare a possibili problemi tecnici l’Agenzia consentirà di trasmettere la documentazione eventualmente scartata entro il 30 dicembre nei cinque giorni successivi.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 23 Dicembre 2015

I più letti

In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
La precisazione arriva dal Mise a seguito dei dubbi emersi, dopo la pubblicazione della circolare dello scorso 4 agosto, sulla struttura delle agevolazioni stabilite dalla legge
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino