Attualità
Voluntary: Agenzia Entrate e Sogei
monitorano tutte le Pec 24 ore su 24
Rafforzato il presidio delle caselle utilizzate per inviare entro il prossimo 30 dicembre la relazione accompagnatoria e l’eventuale documentazione integrativa richieste dalla procedura
immagine di pagina di giornale con parola "disclosure" sotto una lente d'ingrand
Rafforzati tutti gli strumenti informatici di presidio delle caselle di Posta elettronica certificata da parte dell’Agenzia delle Entrate e del suo partner tecnologico Sogei in previsione del termine della procedura di rientro ed emersione dei capitali detenuti all’estero.
È il prossimo 30 dicembre, infatti, l’ultimo giorno entro il quale i contribuenti interessati devono presentare la relazione accompagnatoria e l’eventuale documentazione integrativa richieste dalla voluntary disclosure.
 
In questi giorni i server dell’Agenzia hanno ricevuto un consistente numero di messaggi Pec anche di dimensioni particolarmente elevate (circa 50 mb). Il maggior numero di messaggi sono stati inoltrati alle caselle Pec del Centro operativo di Pescara e della direzione regionale della Lombardia, ed è proprio per evitare ritardi o problemi di ricezione che tutti i “cassetti” Pec coinvolti sono monitorati 24 ore su 24.
 
Sono particolarmente numerosi i messaggi pervenuti fino a oggi nell’ambito della voluntary e, prevedendo che in prossimità della scadenza si riscontri un invio più sostanzioso di comunicazioni, l’Agenzia delle Entrate e Sogei hanno organizzato il potenziamento dei processi di download delle caselle coinvolte nella procedura di ricezione delle relazioni di accompagnamento e della documentazione che integrano le istanze di adesione.
 
Va, infine, ricordato che per ovviare a possibili problemi tecnici l’Agenzia consentirà di trasmettere la documentazione eventualmente scartata entro il 30 dicembre nei cinque giorni successivi.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 23 Dicembre 2015

I più letti

postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Per quelli che svolgono attività esterna, la rilevanza ai fini dell’imposta sul valore aggiunto è connessa anche alla natura del rapporto giuridico, mandato con o senza rappresentanza
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Sono sul sito dell’Agenzia delle Entrate le bozze dei documenti tecnici per l’utilizzo del Sistema di interscambio, la piattaforma già in uso per i clienti Pubbliche amministrazioni
Più tempo a disposizione dei contribuenti interessati dagli studi di settore per versare le imposte risultanti dalla dichiarazione. Spetta anche a contribuenti minimi e forfetari
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef