Attualità
Destinatari del 5 per mille.
Online gli elenchi definitivi
E’ la versione aggiornata delle liste dei beneficiari, pubblicata, prima delle correzioni, il 13 maggio
Destinatari del 5 per mille.| Online gli elenchi definitivi
Eliminate le duplicazioni, corretti gli errori anagrafici e inseriti gli enti riammessi a seguito della verifica di errori di iscrizione, gli elenchi definitivi dei beneficiari del 5 per mille 2011 sono da oggi online. Come da calendario, è stata infatti pubblicata sul sito internet dell'Agenzia, l’ultima versione, aggiornata e corretta alla luce delle segnalazioni fatte alla Direzione regionale dell’Agenzia delle entrate territorialmente competente, delle liste degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche. Una prima versione provvisoria dei potenziali beneficiari era stata pubblicata lo scorso 13 maggio, con la possibilità, per le strutture interessate, di rimediare ad eventuali errori entro il 20 maggio. L’elenco degli enti della ricerca scientifica e dell’università e quello degli enti della ricerca sanitaria non hanno invece subito modifiche, rispetto al dato provvisorio.
 
Ancora un ultimo passo per volontariato e associazioni sportive
I legali rappresentanti degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche presenti in lista, dovranno compiere ancora un ultimo adempimento, secondo il calendario del 5 per mille 2011. I primi, dovranno infatti presentare alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate, entro il prossimo 30 giugno, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti i requisiti di ammissione all’elenco. A tale scopo, va utilizzato l’apposito modello, con allegata copia del documenti di riconoscimento del legale rappresentante che sottoscrive. Le associazioni sportive dovranno fare lo stesso, ma con la sola differenza che il tutto va presentato non all’Agenzia, ma alla struttura del Coni territorialmente competente.
 
Ricordiamo che nel 2009 i contribuenti hanno devoluto ai beneficiari ben 412 milioni di euro, 15 in più rispetto al 2008.
Alessandro Lentini
pubblicato Mercoledì 25 Maggio 2011

I più letti

In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino