Attualità
Zona franca sisma Centro Italia:
dal Mise ok a due nuovi elenchi
Approvati con il decreto direttoriale 22 dicembre 2017, integrano le liste dei beneficiari delle agevolazioni già pubblicate con il precedente decreto dello scorso 7 dicembre
Zona franca sisma Centro Italia:|dal Mise ok a due nuovi elenchi
Il ministero dello Sviluppo economico, con un comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, fa sapere che sono stati approvati due ulteriori elenchi delle imprese e  dei  titolari  di  reddito  da lavoro autonomo ammessi alle agevolazioni previste per la zona franca urbana istituita nei comuni di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dal terremoto nel 2016 e nel 2017 (articolo 46, Dl 50/2017).
 
I nuovi elenchi, approvati con il decreto direttoriale 22 dicembre 2017 e riportati negli allegati 1a  e 2a del provvedimento, integrano quelli adottati con il precedente decreto direttoriale 7 dicembre 2017.

 
Per ulteriori informazioni sulla zona franca urbana si rinvia alla specifica sezione del sito del Mise, oltre che ai seguenti articoli già pubblicati su questa rivista:
Zona franca sisma Centro Italia: come e quando richiedere i benefici
Zona franca sisma Centro Italia: per ogni anno, benefici al 100%
Zona franca sisma Centro Italia: altri chiarimenti dal ministero
Zona franca sisma Centro Italia: domande fino al 20 novembre
Calcolo per le agevolazioni Zfu: orientativa la “formula” del Mise
Zona franca sisma Centro Italia: ecco a chi spettano le agevolazioni”.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 17 Gennaio 2018

I più letti

immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Per il perfezionamento della procedura, entro il 31 maggio 2019 bisogna presentare un’apposita domanda e versare, con F24, l’importo dovuto, pari al valore della controversia
immagine generica illustrativa
Il pagamento integrale del debito tributario non è una giustificazione idonea a eliminare l’illiceità o l’antigiuridicità della condotta e, quindi, a escludere la configurabilità del delitto
Alle società e alle associazioni, iscritte nel Registro Coni, si applicano le regole previste per tutti gli altri contribuenti, con alcune specificità relative agli importi da pagare
Definite anche le regole con cui gli intermediari possono inviare all’Amministrazione finanziaria la comunicazione telematica relativa ai dati essenziali degli incarichi ricevuti
Entro il 30 aprile 2019 le richieste dovranno essere presentate direttamente agli sportelli della Riscossione o trasmesse alla casella pec della direzione regionale competente
immagine di una lente e di documenti
Di cosa si tratta, l’ambito oggettivo, gli esclusi dalla procedura, qual è il vantaggio, termini per il versamento, modalità di compilazione delle deleghe, pagamento rateale
Per il perfezionamento della procedura, entro il 31 maggio 2019 bisogna presentare un’apposita domanda e versare, con F24, l’importo dovuto, pari al valore della controversia
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino