Avviso ai litiganti
Accertamento imposte sui redditi:
se è frutto dell’impresa va provato
La determinazione sintetica dei proventi del contribuente è prevista dalla normativa fiscale, con riferimento esclusivo alle persone fisiche
Accertamento imposte sui redditi:|se è frutto dell’impresa va provato
SINTESI: In tema di accertamento delle imposte sui redditi, sebbene l’art. 38, comma 4 del DPR n. 600 del 1973, preveda che l’Ufficio possa, in base ad elementi e circostanze di fatto certi, determinare sinteticamente il reddito complessivo netto del contribuente con riferimento esclusivo alle persone fisiche, l’onere della prova della attribuibilità dei redditi percepiti all’attività imprenditoriale, come tale esclusa dall’ambito di operatività della indicata norma, spetta al contribuente.




Ordinanza n. 8084 del 3 aprile 2018 (udienza 30 novembre 2017)
Cassazione civile, sezione VI - 5 - Pres. Iacobellis Marcello - Est. La Torre Maria Enza
Accertamento imposte sui redditi – Articolo 38, comma 4 del Dpr 600/1973 – Determinazione sintetica del reddito del contribuente con riferimento esclusivo alle persone fisiche – L’onere della prova circa l’attribuibilità dei redditi percepiti all’attività imprenditoriale spetta al contribuente
 
pubblicato Lunedì 16 Aprile 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino