Avviso ai litiganti
Licenziamento senza giusta causa:
tassabile l’indennità “concordata”
Così è per il risarcimento a titolo di “lucro cessante”. Cambia la regola e l’importo diventa non imponibile, quando la somma intende risarcire il danno morale subito
testo alternativo per immagine
SINTESI: Costituiscono reddito imponibile della stessa natura di quello sostituito solamente le indennità che abbiano effettivamente funzione sostitutiva o integrativa del reddito del percipiente (cfr. art. 6, comma 2, del TUIR). Ciò anche quando le indennità stipendiali sostitutive dei redditi non percepiti siano previste da accordi transattivi conclusi in occasione di controversie per licenziamento senza giusta causa. Le somme in esame sono soggette alla tassazione separata ai sensi dell’art. 17, lett. a), del TUIR che comprende altresì le somme percepite a titolo di risarcimento come “lucro cessante” (mancati guadagni). Soltanto le somme percepite per risarcimento del danno morale del lavoratore (come il danno biologico, danno da perdita di chance, danno da diminuzione della professionalità, ecc.) non sono tassabili, perché avrebbero una funzione diversa di natura meramente risarcitoria.
 
Sentenza n. 2196 del 16 febbraio 2012 (udienza del 15 dicembre 2011)
Cassazione Civile, sezione V – Pres. D’Alonzo Michele – Est. Sambito Maria Giovanna Concetta
Irpef – Tassazione separata – Indennità di licenziamento senza giusta causa – Risarcimento da lucro cessante
pubblicato Lunedì 5 Marzo 2012

I più letti

immagine di donna lavoratrice
Poiché l'azienda è stata acquisita "in continuità", il contribuente può decidere di optare per la tassazione ordinaria, in un unico esercizio, ovvero per quella separata
vignetta
Tra le precisazioni, la possibilità di accedere alla procedura anche per i contribuenti inseriti nella lista Falciani, a patto che non siano già iniziati controlli o procedimenti penali
immagine di piccolo condominio
Quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del cf “cumulativo”
Immagine del sito dell'Agenzia delle Entrate
La precisazione scaturisce dalle segnalazioni pervenute dai cittadini che hanno utilizzato, a pagamento, siti diversi per consultare e interrogare le banche dati del “territorio”
Guardia di Finanza
Se il prezzo o il profitto derivante dal reato è costituito da denaro, non occorre la prova del nesso di derivazione diretta tra la somma materialmente oggetto del provvedimento e il reato
immagine di piccolo condominio
Quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del cf “cumulativo”
vignetta
Tra le precisazioni, la possibilità di accedere alla procedura anche per i contribuenti inseriti nella lista Falciani, a patto che non siano già iniziati controlli o procedimenti penali
orologio senza limiti
Pagando il tributo in misura ridotta, infatti, trattiene indebitamente denaro pubblico a proprio favore, guadagnando gli interessi bancari maturati sulle somme non versate
ombrellone chiuso
Da martedì 1 settembre si riavviano le procedure della giustizia tributaria, che da quest’anno si sono fermate per un periodo più breve, trentuno giorni: dal 1° al 31 agosto
immagine di ricevuta di pagamento
Qualora l'amministrazione finanziaria, in prima battuta, provi che in realtà l'operazione non è stata effettuata, si trasferisce al contribuente l'onere di dimostrare il contrario
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
giudice
Il raddoppio opererà esclusivamente in presenza di effettivo invio della denuncia per uno dei reati penal-tributari effettuato entro i termini ordinari di decadenza previsti