Avviso ai litiganti
Licenziamento senza giusta causa:
tassabile l’indennità “concordata”
Così è per il risarcimento a titolo di “lucro cessante”. Cambia la regola e l’importo diventa non imponibile, quando la somma intende risarcire il danno morale subito
testo alternativo per immagine
SINTESI: Costituiscono reddito imponibile della stessa natura di quello sostituito solamente le indennità che abbiano effettivamente funzione sostitutiva o integrativa del reddito del percipiente (cfr. art. 6, comma 2, del TUIR). Ciò anche quando le indennità stipendiali sostitutive dei redditi non percepiti siano previste da accordi transattivi conclusi in occasione di controversie per licenziamento senza giusta causa. Le somme in esame sono soggette alla tassazione separata ai sensi dell’art. 17, lett. a), del TUIR che comprende altresì le somme percepite a titolo di risarcimento come “lucro cessante” (mancati guadagni). Soltanto le somme percepite per risarcimento del danno morale del lavoratore (come il danno biologico, danno da perdita di chance, danno da diminuzione della professionalità, ecc.) non sono tassabili, perché avrebbero una funzione diversa di natura meramente risarcitoria.
 
Sentenza n. 2196 del 16 febbraio 2012 (udienza del 15 dicembre 2011)
Cassazione Civile, sezione V – Pres. D’Alonzo Michele – Est. Sambito Maria Giovanna Concetta
Irpef – Tassazione separata – Indennità di licenziamento senza giusta causa – Risarcimento da lucro cessante
pubblicato Lunedì 5 Marzo 2012

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino