Bilancio e contabilità
Principi contabili nazionali:
gli interventi di rinnovamento – 16
L’Oic 23 definisce i criteri per la rilevazione, la classificazione e la valutazione dei lavori in corso su ordinazione e le informazioni da presentare nella nota integrativa
testo alternativo per immagine
Nell’appuntamento odierno ci occupiamo del principio contabile Oic 23 dedicato ai “Lavori in corso su ordinazione”, premettendo che da esso sono stati stralciati i paragrafi riguardanti le commesse in valuta estera, trattate nel nuovo Oic 26 “Operazioni, attività e passività in valuta estera”.
 
Generalmente, ogni qualvolta si riscontra la presenza di un contratto per la realizzazione di un bene o per la fornitura di beni o servizi che ha una durata superiore a dodici mesi ed è affidato con contratto di appalto, si può ritenere, con ragionevole certezza, di essere in presenza dei cosiddetti lavori in corso su ordinazione. Tuttavia, tali elementi non sempre sono sufficienti a identificare un lavoro in corso su ordinazione e, di conseguenza, il relativo (corretto) trattamento contabile. Si consiglia, pertanto, di approfondire il contenuto del nuovo Oic 23, i cui principali interventi di rinnovamento vengono di seguito esposti.
 
L’Oic 23, nel capitolo dedicato alle definizioni, illustra come il redattore di bilancio deve interpretare i termini: ricavi e costi di commessa (paragrafi 10 e 11), ricavo maturato (paragrafo 13), revisione prezzo (paragrafo 15), varianti (paragrafo 16), stato avanzamento lavori (paragrafo 12) e incentivi (paragrafo 18). Inoltre, al paragrafo 4, precisa che il termine “appaltatore” (o società appaltatrice) è sinonimo di “esecutore del lavoro”.
 
Al paragrafo 43, viene precisato che le commesse di breve termine possono essere valutate sia in base al criterio della commessa completata che in base al criterio della percentuale di completamento. Al contrario, nei casi di commesse di durata superiore ai dodici mesi, il metodo di valutazione e rilevazione da applicare è quello della “percentuale di completamento”.
In riferimento a tale ultimo criterio di valutazione, vengono definiti (paragrafi da 45 a 48) i requisiti necessari affinché lo stesso sia applicabile. In particolare, è necessario che esista un contratto vincolante tra le parti, che il risultato della commessa sia stimato attendibilmente, che il diritto al corrispettivo maturi con ragionevole certezza con l’esecuzione dei lavori e, infine, che si riscontri l’assenza di incertezze relative a condizioni contrattuali o fattori esterni che rendano dubbia la capacità dei contraenti di adempiere alle proprie obbligazioni.
 
In presenza di commesse ultrannuali si riscontra, nella prassi, l’erogazione di anticipi e acconti. Su questo punto, l’Oic 23 (paragrafo 55), con riguardo agli anticipi e acconti, precisa che, al momento della rilevazione iniziale, essi sono iscritti nel passivo patrimoniale, mentre al momento della fatturazione definitiva dei lavori, sono stornati dal passivo con contropartita la rilevazione di un ricavo alla voce A1 “ricavi delle vendite e delle prestazioni”. La rilevazione a ricavo è effettuata solo quando vi è la certezza che il ricavo maturato sia definitivamente riconosciuto all’appaltatore quale corrispettivo del valore dei lavori eseguiti. Viceversa, fino a quando non vi è questa certezza, gli anticipi e gli acconti continuano a essere rilevati tra le passività.
 
L’attività di rinnovamento dell’Oic 23 ha interessato anche le tecniche di rilevazione degli incentivi (paragrafo 97) e richieste di corrispettivi aggiunti (paragrafi 94, 95 e 96), fornendo nuove indicazioni rispetto al passato. In particolare, viene chiarito che devono essere inclusi tra i ricavi di commessa quando entro la data del bilancio vi è l’accettazione formale del committente degli incentivi o delle richieste di corrispettivi aggiuntivi; oppure, pur in assenza di una formale accettazione, quando alla data del bilancio è altamente probabile che l’incentivo o la richiesta di corrispettivi aggiuntivi sia accettata sulla base delle più recenti informazioni e dell’esperienza storica.
 
Si ritiene importante segnalare l’intervento relativo al trattamento contabile da riservare ai costi per l’acquisizione della commessa (paragrafi 99 e 100) e ai costi pre-operativi (paragrafi 101, 102 e 103), per i quali era precedentemente previsto che fossero capitalizzati e ammortizzati come immobilizzazioni immateriali. In base al nuovo principio contabile, al rispetto di determinate condizioni, i costi di acquisizione della commessa e i costi pre-operativi sono inclusi tra i costi della commessa e non più capitalizzati e ammortizzati come immobilizzazioni immateriali. Inoltre, è stato precisato che i costi in questione, quando inclusi tra i costi della commessa, partecipano al margine di commessa in funzione dell’avanzamento dei lavori.
 
Un’ulteriore novità, di sicuro impatto nella redazione dei bilanci, è rappresentata dalle mutate disposizioni (paragrafi 107, 108 e 109) in merito al trattamento delle perdite probabili. Viene eliminata l’alternativa prevista dal vecchio Oic 23, che consentiva di imputare la perdita probabile al fondo rischi e oneri, anche quando la perdita fosse stata inferiore al valore dei lavori in corso. Adesso, in base alla nuova disposizione, la perdita probabile per il completamento della commessa è rilevata a decremento del valore dei lavori in corso su ordinazione e, solo nel caso in cui la perdita sia superiore a tale valore, si rileva un fondo rischi e oneri.
 
Infine, si segnala che, nel capitolo dedicato al trattamento contabile dei “proventi e oneri finanziari” (paragrafi da 113 a 117), sono state inserite alcune indicazioni utili a gestire la capitalizzazione degli oneri finanziari nel caso di applicazione del metodo della percentuale di completamento.
Nicola Semeraro
Elisabetta Stifani
pubblicato Lunedì 23 Febbraio 2015

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino