Bilancio e contabilità
Principi contabili nazionali:
gli nterventi di rinnovamento – 18
Operazioni, attività e passività in valuta estera, ovvero effettuate dalla società ed espresse in una moneta diversa dall’euro: questi gli argomenti che ritroviamo nell’Oic 26
tastiera
Nell’appuntamento odierno ci occupiamo del principio contabile Oic 26, che disciplina i criteri per la rilevazione, la classificazione e la valutazione delle attività, delle passività e delle operazioni espresse in valuta estera, oltre a fornire indicazioni sulle informazioni da illustrare in nota integrativa.
Per comprendere la portata del principio in esame, giova precisare che per operazione in valuta estera si intende un’operazione effettuata dalla società ed espressa in una valuta diversa dall’euro. Rientrano in questo tipo di transazioni, ad esempio, oltre agli ordinari acquisti e vendite, i prestiti erogati o ricevuti in cui l’ammontare è espresso in valuta estera.
 
Un’operazione in valuta, spesso, determina l’iscrizione in bilancio di attività o passività monetarie (paragrafo 5) o non monetarie (paragrafo 6), dove le prime sono rappresentate da attività e passività che comportano il diritto a incassare o l’obbligo di pagare a date future importi di denaro in valuta determinati o determinabili, mentre le seconde sono rappresentate da attività e passività che non comportano il diritto a incassare o l’obbligo di pagare importi di denaro in valuta determinati o determinabili. Tipico esempio di elementi non monetari sono le immobilizzazioni materiali e immateriali.
 
Di seguito, gli interventi significativi che fanno la differenza rispetto al vecchio Oic 26.
Nel capitolo “valutazione e rilevazioni successive” viene riformulata la disciplina relativa alla conversione delle poste in valuta estera alla data del bilancio ai sensi del disposto dell’articolo 2426, numero 8-bis. Dopo i primi due paragrafi introduttivi (19 e 20), il tema delle operazioni in valuta viene trattato in due sezioni: una relativa alla “Conversione delle poste monetarie in valuta estera” (paragrafi da 21 a 24) e una relativa alla “Conversione delle poste non monetarie in valuta estera” (paragrafi 25 e 26).
 
Proseguendo, nel capitolo dedicato ai “casi particolari”, ampio spazio trova il tema dei lavori in corso su ordinazione in valuta estera, al quale sono dedicati ben otto paragrafi (dal 28 al 35), distinguendo casi in cui si applica il criterio della percentuale di completamento da quelli in cui si applica il criterio della commessa completata.
Nell’ipotesi di adozione del criterio della commessa completata (paragrafo 32), trattandosi di poste non monetarie, quando riferite a costi sostenuti in valuta, sono iscritte al loro cambio storico.
Nel caso in cui venisse utilizzato il criterio della percentuale di completamento, questo comporterebbe la valutazione delle rimanenze per lavori in corso su ordinazione in base al corrispettivo contrattuale previsto; conseguentemente, i lavori in corso iscritti nell’attivo andrebbero convertiti al cambio corrente alla data di chiusura dell’esercizio.
Si rinvia a una lettura del paragrafo 33 e all’appendice C, dove si trova un esempio di commesse in valuta estera contabilizzate con il criterio della percentuale di completamento (cost-to-cost).
 
Si segnala, inoltre, che vengono affrontati i temi “fondi per rischi e oneri in valuta estera” (paragrafi 36 e 37) e “conti d’ordine in valuta estera” (paragrafo 38), nonché la presenza, tra le altre, dell’appendice D – esempi di trattamento contabile della riserva a fronte di utili su cambi.
Nicola Semeraro
Elisabetta Stifani
pubblicato Venerdì 27 Febbraio 2015

I più letti

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Quelli versati dai partecipanti al momento della costituzione, per l’ente non hanno rilevanza reddituale, cioè non concorrono alla determinazione del suo reddito imponibile
foto di mani alzate colorate
Gli elenchi degli iscritti per l'anno finanziario 2016 sono disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Per chi perde l'appuntamento, chance con sanzione fino al 30 settembre
Raggiunto l'accordo per gli investitori italiani colpiti dal default dello Stato sudamericano nel 2001: sarà loro restituito il capitale versato, con una ulteriore maggiorazione
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap