Bilancio e contabilità
Principi contabili nazionali:
gli nterventi di rinnovamento – 18
Operazioni, attività e passività in valuta estera, ovvero effettuate dalla società ed espresse in una moneta diversa dall’euro: questi gli argomenti che ritroviamo nell’Oic 26
tastiera
Nell’appuntamento odierno ci occupiamo del principio contabile Oic 26, che disciplina i criteri per la rilevazione, la classificazione e la valutazione delle attività, delle passività e delle operazioni espresse in valuta estera, oltre a fornire indicazioni sulle informazioni da illustrare in nota integrativa.
Per comprendere la portata del principio in esame, giova precisare che per operazione in valuta estera si intende un’operazione effettuata dalla società ed espressa in una valuta diversa dall’euro. Rientrano in questo tipo di transazioni, ad esempio, oltre agli ordinari acquisti e vendite, i prestiti erogati o ricevuti in cui l’ammontare è espresso in valuta estera.
 
Un’operazione in valuta, spesso, determina l’iscrizione in bilancio di attività o passività monetarie (paragrafo 5) o non monetarie (paragrafo 6), dove le prime sono rappresentate da attività e passività che comportano il diritto a incassare o l’obbligo di pagare a date future importi di denaro in valuta determinati o determinabili, mentre le seconde sono rappresentate da attività e passività che non comportano il diritto a incassare o l’obbligo di pagare importi di denaro in valuta determinati o determinabili. Tipico esempio di elementi non monetari sono le immobilizzazioni materiali e immateriali.
 
Di seguito, gli interventi significativi che fanno la differenza rispetto al vecchio Oic 26.
Nel capitolo “valutazione e rilevazioni successive” viene riformulata la disciplina relativa alla conversione delle poste in valuta estera alla data del bilancio ai sensi del disposto dell’articolo 2426, numero 8-bis. Dopo i primi due paragrafi introduttivi (19 e 20), il tema delle operazioni in valuta viene trattato in due sezioni: una relativa alla “Conversione delle poste monetarie in valuta estera” (paragrafi da 21 a 24) e una relativa alla “Conversione delle poste non monetarie in valuta estera” (paragrafi 25 e 26).
 
Proseguendo, nel capitolo dedicato ai “casi particolari”, ampio spazio trova il tema dei lavori in corso su ordinazione in valuta estera, al quale sono dedicati ben otto paragrafi (dal 28 al 35), distinguendo casi in cui si applica il criterio della percentuale di completamento da quelli in cui si applica il criterio della commessa completata.
Nell’ipotesi di adozione del criterio della commessa completata (paragrafo 32), trattandosi di poste non monetarie, quando riferite a costi sostenuti in valuta, sono iscritte al loro cambio storico.
Nel caso in cui venisse utilizzato il criterio della percentuale di completamento, questo comporterebbe la valutazione delle rimanenze per lavori in corso su ordinazione in base al corrispettivo contrattuale previsto; conseguentemente, i lavori in corso iscritti nell’attivo andrebbero convertiti al cambio corrente alla data di chiusura dell’esercizio.
Si rinvia a una lettura del paragrafo 33 e all’appendice C, dove si trova un esempio di commesse in valuta estera contabilizzate con il criterio della percentuale di completamento (cost-to-cost).
 
Si segnala, inoltre, che vengono affrontati i temi “fondi per rischi e oneri in valuta estera” (paragrafi 36 e 37) e “conti d’ordine in valuta estera” (paragrafo 38), nonché la presenza, tra le altre, dell’appendice D – esempi di trattamento contabile della riserva a fronte di utili su cambi.
Nicola Semeraro
Elisabetta Stifani
pubblicato Venerdì 27 Febbraio 2015

I più letti

gemelle
Le decisioni riguardano questioni particolari di inammissibilità del ricorso. Da premettere che solo gravi vizi di sostanza possono ostacolare il naturale svolgersi del contenzioso
È un evento sopravvenuto, dotato di autonoma rilevanza dichiarativa e impositiva e, pertanto, suscettibile di determinare l’applicazione dell’imposta in misura superiore
Il contribuente conserva le agevolazioni se realizza l’intento, dichiarato nell’atto di acquisto, di destinare l’immobile “non di lusso” a propria abitazione
fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
immagine di cartello autostradale con i prezzi del carburante
L'aggiornamento, che riguarda le attività di trasporto merci su strada e servizi di trasloco, discende dalla significativa contrazione del costo del carburante avvenuta nel 2015
fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
scontrino bancomat
La certificazione di invalidità totale o handicap grave da parte di una commissione medica pubblica è il presupposto per poter dedurre gli importi sostenuti per medicine e cure
Confermate, in pratica, per gli ulteriori soggetti tenuti all’adempimento, i criteri stabiliti per quelli già coinvolti. Le informazioni dovranno arrivare entro il 31 gennaio 2017
La porzione di immobile che il contribuente ha ceduto in affitto a terzi non è esente da imposizione e deve essere tassata secondo un criterio proporzionale riferito ai dati catastali
immagine di mani che allargano elastici
L'abrogazione dell'obbligo della separata indicazione in dichiarazione dei componenti negativi di reddito cancella anche la relativa sanzione, ma solo dal 2016, senza retroattività
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Prosegue l’impegno dell’Agenzia per migliorare il dialogo e la collaborazione con i cittadini: disponibile in Rete un’applicazione per quantificare correttamente sanzione e interessi
fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino