Bilancio e contabilità
Principi contabili nazionali:
gli nterventi di rinnovamento – 18
Operazioni, attività e passività in valuta estera, ovvero effettuate dalla società ed espresse in una moneta diversa dall’euro: questi gli argomenti che ritroviamo nell’Oic 26
tastiera
Nell’appuntamento odierno ci occupiamo del principio contabile Oic 26, che disciplina i criteri per la rilevazione, la classificazione e la valutazione delle attività, delle passività e delle operazioni espresse in valuta estera, oltre a fornire indicazioni sulle informazioni da illustrare in nota integrativa.
Per comprendere la portata del principio in esame, giova precisare che per operazione in valuta estera si intende un’operazione effettuata dalla società ed espressa in una valuta diversa dall’euro. Rientrano in questo tipo di transazioni, ad esempio, oltre agli ordinari acquisti e vendite, i prestiti erogati o ricevuti in cui l’ammontare è espresso in valuta estera.
 
Un’operazione in valuta, spesso, determina l’iscrizione in bilancio di attività o passività monetarie (paragrafo 5) o non monetarie (paragrafo 6), dove le prime sono rappresentate da attività e passività che comportano il diritto a incassare o l’obbligo di pagare a date future importi di denaro in valuta determinati o determinabili, mentre le seconde sono rappresentate da attività e passività che non comportano il diritto a incassare o l’obbligo di pagare importi di denaro in valuta determinati o determinabili. Tipico esempio di elementi non monetari sono le immobilizzazioni materiali e immateriali.
 
Di seguito, gli interventi significativi che fanno la differenza rispetto al vecchio Oic 26.
Nel capitolo “valutazione e rilevazioni successive” viene riformulata la disciplina relativa alla conversione delle poste in valuta estera alla data del bilancio ai sensi del disposto dell’articolo 2426, numero 8-bis. Dopo i primi due paragrafi introduttivi (19 e 20), il tema delle operazioni in valuta viene trattato in due sezioni: una relativa alla “Conversione delle poste monetarie in valuta estera” (paragrafi da 21 a 24) e una relativa alla “Conversione delle poste non monetarie in valuta estera” (paragrafi 25 e 26).
 
Proseguendo, nel capitolo dedicato ai “casi particolari”, ampio spazio trova il tema dei lavori in corso su ordinazione in valuta estera, al quale sono dedicati ben otto paragrafi (dal 28 al 35), distinguendo casi in cui si applica il criterio della percentuale di completamento da quelli in cui si applica il criterio della commessa completata.
Nell’ipotesi di adozione del criterio della commessa completata (paragrafo 32), trattandosi di poste non monetarie, quando riferite a costi sostenuti in valuta, sono iscritte al loro cambio storico.
Nel caso in cui venisse utilizzato il criterio della percentuale di completamento, questo comporterebbe la valutazione delle rimanenze per lavori in corso su ordinazione in base al corrispettivo contrattuale previsto; conseguentemente, i lavori in corso iscritti nell’attivo andrebbero convertiti al cambio corrente alla data di chiusura dell’esercizio.
Si rinvia a una lettura del paragrafo 33 e all’appendice C, dove si trova un esempio di commesse in valuta estera contabilizzate con il criterio della percentuale di completamento (cost-to-cost).
 
Si segnala, inoltre, che vengono affrontati i temi “fondi per rischi e oneri in valuta estera” (paragrafi 36 e 37) e “conti d’ordine in valuta estera” (paragrafo 38), nonché la presenza, tra le altre, dell’appendice D – esempi di trattamento contabile della riserva a fronte di utili su cambi.
Nicola Semeraro
Elisabetta Stifani
pubblicato Venerdì 27 Febbraio 2015

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
È previsto un sistema premiale basato sul raggiungimento di determinati livelli di affidabilità e si punta sulla comunicazione preventiva per rafforzare il dialogo con il contribuente
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Risulta, però, in ogni caso, delineato il fatto costitutivo della pretesa impositiva, tanto da consentire al contribuente di esercitare nel modo più efficace il suo diritto di difesa
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Scade il 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata e pagare l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora
Il 730 potrà essere modificato e inviato dal 2 maggio al 23 luglio, mentre il modello Redditi potrà essere modificato dal 2 maggio e trasmesso dal 10 maggio al 31 ottobre
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino