Bilancio e contabilità
Principi contabili nazionali:
gli interventi di rinnovamento – 17
Ampio spazio alle operazioni straordinarie. Inoltre, inserito un capitolo specifico sulla fiscalità differita, in caso di partecipazioni in società controllate e in joint venture
testo alternativo per immagine
Nella puntata di oggi ci occupiamo della ristrutturazione del principio contabile Oic 25 riservato alle “Imposte sul reddito”.
Un primo aspetto meritevole di osservazione riguarda l’eliminazione di tutti i riferimenti relativi al disinquinamento fiscale, data la scarsa e residuale rilevanza degli stessi.

Il nuovo Oic 25 si presenta strutturalmente meglio organizzato del precedente.
È suddiviso in due sezioni dedicate, rispettivamente, alla rilevazione della fiscalità differita su operazioni che hanno effetto sul conto economico (paragrafi da 40 a 54) e a quella della fiscalità differita su operazioni che non hanno effetto sul conto economico (paragrafi da 55 a 88, ad esempio, le operazioni straordinarie e rivalutazione di attività).
 
Di grande rilievo risulta essere, nella prima sezione, l’aggiornamento della disciplina delle perdite fiscali riportabili a nuovo, così come rivista dalle recenti modifiche legislative (paragrafi da 49 a 54). In tale principio è stato precisato (paragrafi 45 e 91) che l’aliquota fiscale applicabile, per il calcolo delle imposte differite e anticipate, è quella in vigore nell’esercizio in cui le differenze temporanee si riverseranno.
Inoltre, è stato inserito un capitolo sulle partecipazioni in società controllate/collegate e in joint venture, che tratta la fiscalità differita risultante nei casi in cui il valore contabile delle stesse differisca dal loro valore fiscale (paragrafi da 85 a 88).
 
Altrettanto importanti sono le precisazioni presenti nella seconda sezione.
Il nuovo Oic 25 chiarisce che (paragrafo 56), con riguardo alla fiscalità differita da operazioni che non hanno effetto sul conto economico, non si procede alla rilevazione delle imposte differite e anticipate nel caso di:
a) rilevazione iniziale dell’avviamento
b) rilevazione iniziale di un’attività o di una passività derivante da un’operazione che non influenza direttamente né il risultato civilistico né il reddito imponibile e non rientra in un’operazione straordinaria.
 
Ampio spazio viene anche dedicato alle operazioni straordinarie.
Dal paragrafo 69 all’84 vengono forniti importanti chiarimenti in merito allo stanziamento della fiscalità differita derivante da operazioni straordinarie. Il tema della rilevazione della fiscalità differita su operazioni straordinarie è trattato differentemente a seconda che riguardi le attività/passività acquisite con l’operazione (paragrafi da 74 a 79) o l’avviamento (paragrafi da 80 a 84).
 
Il paragrafo 77 disciplina il caso dell’affrancamento dei maggiori valori contabili delle attività che derivano da un’operazione straordinaria, quando la decisione di avvalersi dell’affrancamento è presa con riferimento all’esercizio in cui avviene l’operazione.
Si precisa che, se la decisione è presa entro la data di redazione del relativo bilancio, la società è tenuta a “calcolare l’imposta sostitutiva sul plusvalore attribuito al valore contabile delle attività nei limiti del valore corrente della stessa attività. L’imposta sostitutiva è iscritta come debito tributario alla voce D12 “debiti tributari”, in quanto l’aliquota sostitutiva è conosciuta fin dal momento dell’operazione straordinaria (cfr. esempio n. 4, Appendice C)”.
Il caso di affrancamento, con riferimento all’esercizio successivo, è trattato a partire dal paragrafo 78.
 
Il paragrafo 83 pone dei chiarimenti relativi all’affrancamento dell’avviamento che avviene con il pagamento dell’imposta sostitutiva e che consente di riallineare il valore contabile e il valore fiscale dello stesso. Si legge che “…Il costo pagato per l’imposta sostitutiva è ripartito lungo la durata del beneficio fiscale derivante dal riallineamento. L’imposta sostitutiva rappresenta, infatti, un’anticipazione di futuri oneri fiscali che altrimenti la società sarebbe tenuta a corrispondere ad aliquota piena negli esercizi successivi, qualora non avesse aderito al regime fiscale agevolativo…”.
 
Coerentemente con quanto esposto in tutto il capitolo, a parte i comportamenti attuati per ottenere un illegittimo risparmio d’imposta (che si manifestano come casi di elusione o abuso del diritto), non si ritiene che il termine “agevolativo” debba essere interpretato “negativamente”, data la natura strutturale delle norme che permettono al contribuente di pagare un’imposta sostitutiva per ottenere il riconoscimento fiscale dei maggiori valori emergenti dalle operazioni effettuate. Tale aggettivo dovrebbe essere letto come attributo di un istituto del tutto legittimo a cui ogni contribuente, in presenza dei requisiti necessari, può farvi ricorso.
Nicola Semeraro
Elisabetta Stifani
pubblicato Mercoledì 25 Febbraio 2015

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
Al centro del confronto fra Entrate e commercialisti le disposizioni introdotte dall'ultima legge di bilancio
I valori sono rilevanti fiscalmente per la determinazione del reddito imponibile, pertanto, in presenza dei requisiti, non vengono considerate le somme effettivamente corrisposte
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino