Contabilità flash
Ias 1 e Ias 19: L'Efrag dà buoni consigli
Gli emendamenti ai due standard internazionali incassano l’endorsement
L’Efrag (European financial reporting advisory group) ha dato il suo via libera agli emendamenti agli Ias 1 e 19, pubblicati dallo Iasb il 16 giugno scorso, con la canonica “lettera di approvazione” presentata al Consiglio europeo, corredata dalla relazione sugli effetti delle modifiche.
 
Lo Ias 1 non ha subito sconvolgimenti. Il cambiamento si sostanzia in un prospetto Oci che dovrebbe risultare più chiaro e foriero di informazioni utili per gli utilizzatori. L’emendamento, infatti, prescrive la separata indicazione nell’Other Comprehensive Income degli elementi che potranno in futuro essere riclassificati nel Profit or loss (recyclable items) da quelli “non riciclabili”. All’entity è anche richiesta l’esposizione distinta delle imposte collegate ai recyclable e ai non- recyclable items dell’Oci.
 
Per quanto riguarda lo Ias 19, l’emendamento ha, fra le altre cose, eliminato l’opzione che consente di differire gli utili e le perdite attuariali (corridor approach), e previsto l’iscrizione degli utili e perdite attuariali da rimisurazione di passività e attività nel prospetto Oci.
pubblicato Lunedì 24 Ottobre 2011

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
Questi strumenti tecnologici sono in grado di memorizzare in modo permanente e immutabile, elaborare e inviare le informazioni, garantendone l’inalterabilità e la sicurezza
Grazie al nuovo servizio messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate, i “clienti” persone fisiche potranno visionare i documenti inviati dai fornitori sin dal 1° gennaio di quest’anno
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino