Dal mondo
Aliquote Iva: in rete l'aggiornamento
2012 della Commissione
La Taxud ha pubblicato i nuovi valori, al 1° gennaio 2012, delle aliquote Iva applicate dagli Stati membri Ue
logo commissione europea
Otto capitoli che descrivono nel dettaglio tutte le tipologie di aliquote Iva applicate all'interno degli Stati membri dell'Unione europea e dell'eurozona. In particolare le aliquote standard, ridotte, zero-rate con relative suddivisioni di tipo geografico e affinità tra singoli Stati che applicano analoghe aliquote ordinarie e ridotte. Anche per il 2012 il tradizionale aggiornamento dell'elenco che la Taxud della Commissione europea pubblica periodicamente si arricchisce di particolari. Il riferimento è alle ultime novità introdotte nella legislazione tributaria dei singoli Stati che applicano l'imposta nei rapporti commerciali. Anche per la nuova edizione 2012 il documento reca, a fronte delle singole tabelle, una analisi dell'evoluzione che le aliquote Iva hanno registrato negli ultimi anni.

La classifica delle aliquote ordinarie
Tra le novità la nuova aliquota ordinaria in vigore in Ungheria che dal 1° gennaio 2012 cresce di due punti percentuali passando dal 25, già deciso nel 2009, al 27%. Un intervento, predisposto dal governo per far fronte al piano di risanamento di finanza pubblica e che colloca l'Ungheria in cima alla classifica degli Stati europei per percentuale più elevata. Rispettivamente al secondo e al terzo posto nell'Europa a 27, sono la Svezia e la Danimarca (25%) e la Romania (24%). A seguire un gruppo di Stati che applicano l'aliquota Iva standard al 23% e che sono Grecia, Irlanda, Polonia, Portogallo e Finlandia. In posizione solitaria figura la Lettonia al 22% seguita da tre Stati, tra cui l'Italia, che applica, insieme alla Lituania e Belgio, lo "standard rate" al 21%. Completano il profilo, entro il limite del 20%, Bulgaria, Repubblica ceca, Estonia, Austria, Slovenia, Slovacchia e Regno Unito. Sotto il 20% troviamo poi Germania e Paesi Bassi al 19%, Francia con il 19,6 e in procinto di cambiare, Spagna e Malta con il 18%. Chiudono la classifica, con il livello più basso, Cipro e Lussemburgo al 15%.

I dettagli per ogni categoria
L'aggiornamento tiene conto di tutte le modifiche che, nel rispetto della normativa comunitaria, gli Stati appartenenti all'Unione europea e a quella economico-monetaria hanno apportato nei rispettivi ordinamenti con riferimenti dettagliati per ogni singola categoria di bene e servizio. Intanto in Europa, come oltreoceano, si discute sull'opportunità di trasferire la tassazione dal reddito ai consumi nell'ambito di una generale riforma fiscale.


Gianluca Di Muro
pubblicato Venerdì 17 Febbraio 2012

I più letti

disegno ape che guarda con lente un pagina con su libro scritto Isee
Mancano ormai pochi giorni all’entrata in vigore della normativa che, archiviando le precedenti regole, dà spazio alla diversificazione delle situazioni e delle prestazioni
testo alternativo per immagine
I contribuenti possono continuare a effettuare la trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate, relativa agli scambi commerciali, sulla base delle previgenti cadenze
testo alternativo per immagine
Il contribuente, per superare la presunzione legale relativa, deve adeguatamente dimostrare che le somme movimentate sono state impiegate per operazioni non imponibili
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
Entro le 14,50 del prossimo 31 dicembre le banche, gli uffici postali e gli agenti della riscossione devono procedere al trasferimento nelle casse statali delle somme riscosse
mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
Il comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera agli avvicendamenti dei vertici, più un incarico strategico, che interesseranno alcune direzioni regionali
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
In evidenza: meno informazioni negli elenchi riepilogativi Intrastat, operazioni black list da comunicare una sola volta all’anno, immediata l’iscrizione alla banca dati Vies
ciak
Tra le altre: niente dichiarazione di successione per eredità fino a 100mila euro, via la comunicazione per lavori energetici “pluriennali”, rimborsi Iva con meno vincoli
IMU
I proprietari delle aree non più esonerate dal pagamento dovranno versare l’imposta municipale propria, per il 2014, in un’unica soluzione, entro martedì 16 dicembre
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
A seconda della scelta effettuata dal contribuente (accettazione o modifica, in modo autonomo o delegando altri soggetti), è previsto un diverso iter dei controlli documentali