Dal mondo
Australia: ha debuttato la tassa
sui beni e sui servizi digitali
Definita Netflix Tax è entrata in vigore da circa un mese ed è l’equivalente dell’Iva europea estesa ai beni immateriali
ATO_logo
Il governo del Paese ha deciso di estendere la tassa su beni e servizi anche ai contenuti digitali. Il governo federale australiano ha intenzione di estendere la tassa sui beni e servizi del 10%, (Goods and Service Tax, Gst), l’equivalente australiano dell’Iva europea anche ai "beni immateriali" come contenuti digitali, giochi e software, fra cui anche i servizi di piattaforme di streaming online. L’imposta è stata definita Tax Netflix ed è entrata in vigore da circa un mese. Con la diffusione di internet e, naturalmente, dell’e-commerce, molti consumatori si rivolgono sempre più alla rete per ottenere le migliori offerte in tutta comodità. A lungo le compagnie straniere come Netflix, Asos e eBay hanno evitato il sistema australiano che prevede un’imposta del 10% su beni e servizi acquistati nel Paese e hanno fatto sì che il governo perdesse importanti entrate monetarie.
 
Come funziona la nuova tassa
Passata a maggio dello scorso anno come parte della legge fiscale del 2016, la tassa Netflix prevede l’applicazione di un’imposta del 10% su tutti i prodotti digitali importati, come serie televisive, filmati, applicazioni, canzoni, podcast , e-book, giochi e servizi. Ciò significa che l’imposta troverà applicazione anche a servizi come Spotify e Netflix. Le aziende locali sono già soggette all’imposta, quindi la tassa fa in modo che si chiuda una scappatoia per le aziende globali. Per quanto riguarda, ad esempio, l’abbonamento Netflix, l’applicazione dell’imposta si traduce in un aumento del pacchetto base del servizio di piattaforma di streaming online che passa da 8,99 dollari a 9,99 dollari.
 
Gli obiettivi del governo
Gli obiettivi del governo australiano sono due: da un lato, raccogliere 350 milioni di dollari nel corso di quattro anni a partire da luglio 2017 perché siano condivisi tra gli Stati e i territori e creare le stesse condizioni per i fornitori nazionali. Questa imposta assicura che le imprese australiane che vendono prodotti e servizi digitali non siano svantaggiati rispetto alle imprese estere che vendono prodotti equivalenti in Australia. Aziende come Netflix, in questi anni, infatti, si sono avvantaggiate di un espediente legale che ha permesso loro di essere “esentate” dall’applicazione della Gst sui prodotti e servizi digitali esportati in Australia. L’obiettivo della nuova legge fiscale è di porre un freno a questo espediente. Il governo, a tal fine, ha seguito un suggerimento dell’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione economica e lo sviluppo, nell’adozione della tassa sui beni digitali, che ha precedenti internazionali che vanno dall’Unione europea alla Russia e agli Stati Uniti (anche se non in Canada).
Il governo australiano ha pianificato per il 1° luglio 2018 la tassa eBay che prevede l’applicazione di un’imposta del 10% su tutte le merci importate digitalmente a basso costo, per cui impatterà su aziende come Amazon ed eBay. Fino a ora, tutto ciò che vale meno di 1.000 dollari potrebbe essere acquistato online senza che trovi applicazione l’imposta del 10%. Fondamentalmente, la differenza è che la tassa Netflix si applica a contenuti digitali (film, canzoni eccetera) mentre la tassa eBay sul contenuto fisico che esiste nel mondo materiale (libri, abiti, eccetera).
 
L’indagine dell’Ato sulle multinazionali
Il governo australiano è da sempre molto impegnato nella lotta all’evasione fiscale di aziende digitali come Netflix. Lo scorso aprile, infatti, l’Australian Taxation Office ha chiesto di pagare centinaia di milioni di dollari in tasse arretrate ad Apple, Microsoft e Google, eccetera. In totale, le multinazionali coinvolte sono state sette e rischiano di dover risarcire circa 2,9 miliardi di dollari. L’indagine ha visto una task force costituita da oltre 1.000 persone che hanno studiato le tattiche utilizzate da queste multinazionali per pagare meno tasse in Australia.
 
Claudia Scardino
pubblicato Mercoledì 9 Agosto 2017

I più letti

Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Con un’integrazione al provvedimento sull’obbligo di rendicontazione dei gruppi societari multinazionali, pubblicato lo scorso 28 novembre, arrivano i chiarimenti sul primo appuntamento
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino